28 aprile 2014

Rigore è quando arbitro fischia.



Vujadin Boškov
16.05.1931 - 27.04.2014

8 commenti:

  1. Ma aveva già una certa, credevo fosse più giovane! Grande uomo e grande allenatore, ma soprattutto portatore di una laconicità mai banale, un miracolo, tra calciatori e allenatori non so chi spari più sciocchezze travestite da pensieri profondi.. :-))

    RispondiElimina
  2. Un grande, anzi un grandissimo

    RispondiElimina
  3. indimenticabile, quando ero ragazzina andavo a Bogliasco a vedere la Samp allenarsi (avevo una cotta per Roberto Mancini) e lui era fantastico, uno spasso :D

    RispondiElimina
  4. Il mio aforisma preferito di Boskov è "Gullit è come cervo che esce di foresta", una frase che rende come nessun'altra, tra le mille possibili, l'idea della maestosità di un calciatore inimitabile come il Tulipano nero, che in Italia giocò sia nel Milan che nella Samp, squadra che il mitico Vujadin portò ad uno storico scudetto e ad un'altrettanta storica Coppa delle Coppe. Fantastico anche quando apostrofò un giornalista, reo di avergli posto una qualche domanda senza senso, così: "Tu usi testa solo per portare cappello". Ci mancherà.

    RispondiElimina
  5. Molto dispiaciuta, anche se è stato allenatore della sampdoria , la mia diretta antagonista essendo genoana!!!+++++

    RispondiElimina
  6. Fece esordire il mio capitano. Ma non fu questo a renderlo grande.
    Pensa quanto poteva esserlo...
    GRANDE!

    RispondiElimina
  7. Un mito... è il caso di ripeterlo: se ne vanno sempre i migliori, in questo 2014 sono ormai troppi.

    RispondiElimina