28 ottobre 2012

Io e te

Bertolucci porta in scena un libro di Nicolò Ammaniti. Che, combinazione, è uno dei miei scrittori italiani preferiti. Autore già ampiamente "usato" nel corso degli ultimi anni, partendo dall'ottimo L'ultimo capodanno di Marco Risi, tratto da Fango, credo il libro che più ho regalato in passato, proseguendo con Branchie. Che era un romanzo con spunti geniali, certo che se poi lo fai recitare a Gianluca Grignani capisci anche tu che proprio proprio un capolavoro non ti viene. Quindi Salvatores ha fatto il paio, con Io non ho paura prima e Come dio comanda, dopo. Mi chiedo come mai nessuno abbia ancora pensato di sceneggiare Ti prendo e ti porto via, intanto perché è - a mio parere - il miglior romanzo di Ammaniti, ma soprattutto perchè non riesco a immaginare chi potrebbe interpretare quel tamarro con la T maiuscola di Graziano Biglia. Ma forse non è un problema mio, a pensarci bene.
Poi è arrivato Bertolucci, con Io e te. Che è un libricino piccino, che si legge in un pomeriggio. E racconta la storia di Lorenzo, quattordicenne introverso che, avendo fatto credere alla madre che parteciperà ad una settimana bianca, decide di trascorrere tutto il tempo nella sua cantina. Ma il suo piano sembra andare a puttane quando nella cantina irrompe Olivia, sorellastra del ragazzo, eroinomane.
Dopo la reciproca diffidenza e l'inevitabile ostilità iniziale, fra i due, lentamente scatta l'empatia, fino al momento in cui arriverà l'ora di salutarsi.
Mah.
Il libro è meglio (difficile il contrario) e, tanto per cambiare, finisce diversamente.
Due film tratti da altrettanti libri, questa settimana, e ad entrambi hanno cambiato il finale. Se è l'ultimo trend, qualcuno faccia il piacere di farmelo sapere.
Così io mi regolo.
Nella colonna sonora, oltre a Cure, Muse e RHCP, possiamo ascoltare la terribile Ragazzo solo, ragazza sola, ovvero come Mogol ha seviziato Space Oddity.
Che io mi chiedo se a David Bowie abbiano mai spiegato il significato di quello che stava cantando. Perché io, al posto suo, mi sarei rifiutata.
 

74 commenti:

  1. Ammaniti non l'ho mai letto ma devo dire che m'incuriosisce... qualcuno lo ha giudicato pesante... io non saprei che dire, dovrei semplicemente provare a leggere qualcosa immagino. Certo, poi se fanno la trasposizione cinematografica di un libro, 9 volte su 10 il film fa cagare.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace, quindi non posso certo dire che è pesante. Senz'altro è crudo, e mai consolatorio,. Credo appartenga alla categoria di scrittori che o si ama o si odia...
      E per i film purtroppo la delusione è sempre in agguato. Perché comunque la potenza descrittiva di un libro è difficile da trasferire in immagini.

      Elimina
  2. Di Ammaniti ho letto solo "Che la festa comici" e ammetto di averelo divorato.
    Dovrò allargare la biblioteca, dunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che la festa cominci mi è piaciuto. Delirante al punto giusto, anche se l'ho trovato frettoloso nel finale...

      Elimina
    2. Infatti... La fine non mi è piaciuta per niente... :(

      Elimina
    3. uh, chi c'è! come stai? :)

      Elimina
  3. Mamma mia, mi domando anch'io se David Bowie si sia fatto a propria volta tradurre la versione di Mogol...O_O

    Complimenti per il blog, ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È a dir poco imbarazzante!
      Meno male che durante i titoli di coda parte quella vera...

      Ciao e grazie! ;)

      Elimina
  4. La verità? E' stata proprio la canzone di Bowie sul trailer che mi ha fatto desistere dall'andare al cinema. E poi ero già abbastanza deluso dalle trasposizioni precedenti dei lavori di Ammaniti ("Ultimo Capodanno" escluso).

    RispondiElimina
  5. D'accordo con te su "Ti prendo e ti porto via"... e adesso starò qui a pensare a chi far interpretare Graziano Biglia tuttanotte.
    Io proverei Sandy Marton.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma qualcuno che sappia anche recitare? ;)

      Elimina
  6. Questo libro me l'ha regalato una cara amica, con la quale ho intenzione di andare a vedere il film. Se finisce diversamente però mi prende già male. Staremo a vedere. Il libro mi é piaciuto molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà, quando l'avrai visto poi torna a dirmi cosa ne pensi, ok? :)

      Elimina
  7. ...uscito dal film pochi minuti fa...LIBRO NON LETTO MA IL FILM MI E' PIACIUTO... anche per me il miglior libro di Ammaniti è TI PRENDO E TI PORTO VIA..e mi candido per la parte di BIGLIA...che un po' è pure il mio mestiere...!! (nn fare il tamarro...l'attore!!)
    baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti ci vedo nel ruolo del Biglia.
      Non ti conosco,ma io nella mia testa il volto del Biglia c'è l'ho ben presente. Enon ti assomiglia! ;)

      Elimina
    2. ...questo è il complimento più bello che ho ricevuto da una donna nell'ultimo mese...(chissà come sono gli insulti..dirai...)
      baci!!

      Elimina
  8. Adoro Ammaniti! Non me lo stropicciassero troppo 'sti sceneggiatori trulli..
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, nzomma... un po' stropicciato l'hanno, ma non tantissimo, eh?

      Elimina
  9. Adoro Ammaniti , è uno dei miei scrittori preferiti....
    mi son ritrovata davvero un casino nei tuoi giudizi sopra, ho trovato "Branchie" Geniale nella sua follia , ho amato follemente "io non ho paura" e mi son sempre chiesta perchè non facessero un film su "Ti prendo e ti porto via"...l'unico libro che non mi ha fatto impazzire di Ammaniti è " Che la festa che cominci" .... ma chissà, magari lo rileggo !!!
    p.s. ero incuriosita dal film di Bertolucci ma se mi dici così parto prevenuta, anche se di solito non c'è storia... un film non potrà mai eguagliare un bel libro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvietta!
      Che la festa cominci secondo me - come dicevo già a Vipero in un commento precedente - è stato concluso in maniera più frettolosa, come se ad un certo punto non gliene fregasse più di mezza e volesse soltanto scrivere la parola fine. Magari mi sbaglio, ma a me ha lasciato quell'impressione. Peccato, perchè a tratti il racconto aveva dei passaggi davvero strepitosi! :)
      Per quanto riguarda il film non so davvero che dire: non è che sono uscita dalla sala disgustata, anche perchè i due attori sono bravi, soprattutto Tea Falco nella parte di Olivia...

      Elimina
  10. Adoro Ammaniti, se vedo un suo libro che non ho lo compro senza nemmeno sapere di cosa parla. E "Ti prendo e ti porto via" è il mio preferito. Devo però dire che "Io non ho paura" versione film mi è piaciuto molto mentre "Come dio comanda" non è riuscito a rendere bene la storia, ma forse era davvero difficile farla. Però mi sono piaciuti molto Elio Germano e Filippo Timi. Andrò a vedere sicuramente anche questo e poi ti dirò che ne penso.

    RispondiElimina
  11. mmm non ho letto il libro nè visto il film... grave? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, direi di no! :)

      Elimina
    2. ah... meno male, ero già in apprensione :)

      Elimina
    3. oh sì, guarda, mi sembri proprio il tipo! :)

      Elimina
    4. eh ma io sono un falso tranquillo :)

      Elimina
  12. Che faccio, vado o non vado a vederlo? Anche io di Ammaniti adoro "Ti prendo e ti porto via" ma, in effetti, a chi far intepretare il mitico Graziano Biglia? Ricordo di aver regalato il libro come una pazza e una mia ex collega fece fare le magliette per me e per lei con su scritto "Graziano Biglia fan club" che conservo gelosamente! Ma domani il Rocky Horror?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai che non so se dirti vai, oppure evita? ti lascio libera di decidere da sola. A volte mi stupisco di quanto io sia magnanima.

      ma sai che per domani non so? cioè, io ho la mia seduta di horror dal dentista. Horror in quanto domani finisco e lo devo pagare. quindi più no che sì, chè dovrei tornare in città e bla bla bla, la rava e la fava... ma a che ora sono gli spettacoli?

      Elimina
    2. ma sai che se dico un'altra volta ma sai vado in bagno a cioncarmi i ditini? :)

      Elimina
  13. I like Istanbul29/10/12, 10:18

    E' un classico quello che, nel rileggersi, non ci si piace. Un po' come la propria voce, quando capita di sentirla riprodotta. Quello che conta, secondo me, è sempre la spontaneità, nei blog come nel parlare. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao!
      hai ragione. risentire la propria voce è terribile. io non mi capiacito di quanto possa essere sgradevole.
      ehm... e tu con questo nick chi saresti? :)

      Elimina
  14. I like Istanbul29/10/12, 10:24

    Quello che ti commentava come anonimo più o meno nel periodo del tuo viaggio a Kos, e che era stato invitato da te a trovare il modo di farsi riconoscere, ma non so basti il metodo che ho appena inaugurato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio anonimo preferito, quindi!
      Bentornato!!! :)

      Elimina
  15. Grazie! Troppo buona! E ciao again!

    RispondiElimina
  16. Ma sai che quasi non avevo notato tutti i "ma sai"? Comunque gli orari non ci sono ancora, o io non li ho trovati, magari una volta saputili (si dice?) decidi in scioltezza, io sarei per il si anche se non saprei come tornare a casa ci fosse lo spettacolo di mezzanotte. Anzi, sai che lo so? A piedi! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche perchè mica puoi andare a vedere RHPS allo spettacolo delle otto di sera, ti pare? ci aggiorniamo domani, se riusciamo a scoprire gli orari, eventualmente. tanto la valigia posso prepararla mercoledì mattina, no? :)

      Elimina
  17. Se hai scritto questo post alle 3,28 di notte mi sa che puoi fare tutto a qualsiasi ora! ;-) Vado a ripassarmi i testi delle canzoni, in caso ci sia da cantare...
    It's just a jump to the left
    And then a step to the right
    With your hands on your hips
    You bring your knees in tight
    But it's the pelvic thrust that really drives you insane,
    Let's do the Time Warp again!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, tecnicamente erano le 2.28, perchè c'è stato il cambio dell'ora e io sono tornata indietro nel tempo. e non ho dormito un cazzo, per aggiungere un tocco poetico al tutto.

      Elimina
  18. Uhm... dormi e ti svegli o non dormi proprio? Io te l'avevo detto di non focalizzarti sul video di B., é agghiaccianteeee! (Da pronunciare come fa Crozza quando imita Conte)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in genere dormo, mi sveglio, mi riaddormo, sabato invece sono proprio rimasta svegia fino alle 5.00, che poi sarebbero state le 6.00, ma insomma... poi ho dormito fino alle 8.00, che sarebbero state le 9.00... :)

      Elimina
  19. Quando arriva l'ora legale, e quando se ne va, si va in ansia da prestazione sonnifera. Anche questo è un classico.

    RispondiElimina
  20. zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz :-))

    RispondiElimina
  21. I like Istanbul29/10/12, 10:59

    Come sospettavo il metodo inaugurato prima non funziona. Mi sono facilmente spacciato per la cara Tiz. Quindi potrebbe valere anche il contrario. O no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto è possibile, in effetti.

      Elimina
  22. Tiz (quella vera)29/10/12, 11:06

    chi è 'sto usurpatore? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh. il mio commentatore anonimo. :)

      Elimina
    2. Ciao Tiz!!! Come stai? Poison non c'è? Se la vedi, salutamela ahahahahah

      Elimina
    3. no, non c'è. puoi parlare col suo ologramma, se credi.

      Elimina
    4. ah, ci sei anche tu...pfui!

      Elimina
    5. no no, tranquillo. sono la colf, ero passata a pulire il bagno.

      Elimina
    6. Ho alzato la tavoletta ;-)))

      Elimina
    7. il problema NON E' la tavoletta. Sono gli schizzi. :)

      Elimina
    8. No, tranquilla, è talmente lungo che sembra che si stia abbeverando
      ;-)))

      Elimina
    9. ahahahahahahahahahahahahahahah!
      scusa. vado a bere un caffè al bar, magari quando torno ho smesso di ridere.

      Elimina
  23. Scusami, bellezza! E' che stavo facendo un esperimento a tue spese, perché sono certo da quello che ho letto sul blog che tu e la padrona di casa siete amiche davvero, e quindi tutto sarebbe stato chiaribile senza fraintendimenti. L'esito dell'esperimento è stato per me utile. Scusami ancora! :)

    RispondiElimina
  24. Ho scusato ben di peggio! Però mi piacerebbe sapere di che tipo di esperimento sto facendo da cavia, perchè non mi è chiaro. :-)

    RispondiElimina
  25. Tranquilla. Prove tecniche di invio commenti senza passare per un troll (cosa già accaduta quando commentavo come semplice anonimo). :)

    RispondiElimina
  26. Tiz (quella falsa)29/10/12, 11:53

    Anch'io vorrei sapere di quale esperimento faccio da cavia! Bloody Hell! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehi. non iniziate a prendermi per il culo. che non è detto che mi piaccia sempre. :)

      Elimina
  27. Ah, non guardare me, io sempre quella sono, è il tuo fascinoso e camaleontico amico a farti gli scherzetti! :-))

    RispondiElimina
  28. ah ah ah! ma lo so che tu non lo faresti mai! :)
    sei tu davvero? :)

    RispondiElimina
  29. si, dobbiamo trovare un modo per esserne sicure? e quale? facciamo che se vedo commenti apocrifi ti mando una mail di smentita? anzi, te la faccio mandare dal mio ufficio stampa, suona così chic...... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah! no, dai. Mi fido, altrimenti diventa un lavoro. Per il tuo ufficio stampa, intendo! :)

      Elimina
    2. Anche secondo me è Fascino ;-)))

      Elimina
  30. Ciao Poison! Grazie per essere passata dalle mie parti :-) In effetti a me il film è piaciuto tantissimo, ma io sono uno che giudica con il cuore prima che con la mente: sono d'accordo con te che è un film irrisolto, però ci sono delle scene di incredibile bellezza. Bertolucci dietro la mdp è ancora un mago...
    Riguardo poi la canzone di Bowie, fermo restando che ognuno ha i suoi gusti :-) io sono dell'idea che le colonne sonore vedano sempre contestualizzate al film che si sta vedendo. Ergo: "Space Oddity" cantata in italiano può anche non piacere, ma secondo me in quella scena è semplicemente perfetta. E io mi sono commosso :-) lo so, sono un sentimentale!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kelvin!
      Ti do ragione, quella scena effettivamente è davvero molto bella. Forse la più significativa del film, sì. Soprattutto perchè ho trovato Tea Falco di una bravura sorprendente. Ma la canzone - per quanto nel contesto ammetto abbia molto più senso in italiano che nella versione originale - io personalmente non la posso proprio sentire! :)

      Elimina
  31. L'avevo capito :-)
    Comunque complimenti per il tuo blog, mi sono appena 'aggiunto'... certo che qui sopra le cose non le mandate a dire! :-) siete delle belve! Nessun riferimento all'ultimo Stone, sia chiaro :-) Però è veramente bello discutere senza peli sulla lingua e avere tutti questi commenti... davvero. Mi piace!


    p.s. ho dato uno sguardo al tuo profilo e mi hai fatto morire dal ridere, sei grande! Anche se, sono convinto, una che ha letto 'Norwegian Wood' sotto sotto è una persona molto più dolce di quella che appare :-)
    Scherzi a parte, 'Norwegian Wood' è uno dei miei 'libri dell'anima'. Su Murakami andiamo senz'altro d'accordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei il benvenuto, Kelvin!

      p.s. ma sotto sotto sotto, eh? e non lo dire a nessuno! :)

      Elimina
  32. Ma perché ora stanno uscendo tutti film interessanti e io non ho neanche il becco di un quattrino??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non saprei. hai una domanda di riserva?

      Elimina