26 novembre 2012

Tower block

"Sono solo"
"Mi dispiace"
"Ci si abitua. La domenica è il momento peggiore".
Solo a me ricorda qualcosa?

Periferia di Londra. Un ragazzino viene inseguito fino all'ultimo piano di un palazzone fatiscente (un tower block, appunto) ma arrivato lì viene raggiunto dai suoi due inseguitori incappucciati, e pestato a morte. A parte Becky, una delle inquiline dell'ultimo piano, che non si fa mancare la sua bella dose di mazzate, nessuno interviene in suo aiuto. Ma, quando la polizia indaga, nessuno avrà visto nulla. Passano i mesi e gli abitanti del palazzo sono tornati alla vita di sempre, Paul beve, Jenny maltratta i figli, Daniel passa il tempo giocando a Battlefield, Kurtis si fa pagare per offrire "protezione", ecc., e tutti attendono il momento in cui il casermone - che si chiama "serenity house" - verrà sgombrato e loro rialloggiati.
Una mattina, mentre Becky sta facendo colazione con un ragazzo che potrebbe diventare il suo fidanzato, un colpo di fucile lo centra in pieno viso, seccandolo all'istante. Ciao, fidanzato, ciao. E la stessa sorte sta capitando in tutti gli altri appartamenti.
I superstiti si ritrovano nel corridoio, i rancori reciproci vengono momentaneamente messi in secondo piano per lasciare il posto ad una tacita alleanza per cercare di sfuggire al misterioso cecchino che non smette di tenerli sotto tiro, in un crescendo di tensione che si mantiene inalterata per tutta la durata del film.
Teso, ruvido e cattivo.
Bello proprio.
Tenetelo d'occhio.

 

12 commenti:

  1. Però...sembra davvero bello :-)
    Aspetterò che lo diano su Sky e lo guarderò bevendo Corona, mangiando Rustiche PAI o magari i pop-corn al formaggio, con Felix che mi sonnecchia addosso (no, non sono diventato gay...Felix è il gatto di cui mi sto prendendo cura :-))
    Buona settimana mia cara

    RispondiElimina
  2. Vedere un film dove ogni personaggio può da un momento all'altro essere centrato da un proiettile è una delle cose che più mi rilassa, dopo fare la ceretta all'inguine di un rottweiler naturalmente.

    RispondiElimina
  3. Invece è il bello del film e dovrebbe essere il bello di ogni triller che si rispetti, attori sconosciuti, ognuno potenzialmente un bersaglio e tensione sempre alta, confermo che si tratta di un gran bel film.
    @cunny, certo che chiamare Felix un gatto....ma vedo che non posso imputarti la colpa, però, insomma....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiz è stato un puro caso eh...
      O meglio non l'ho chiamato Felix perché è un nome classico da gatto ma perché mi è capitato nel periodo in cui si faceva un gran parlare di Felix Baumgartner e della sua impresa.
      Inoltre vedere questo micio di pochi mesi lanciarsi dai mobili di casa senza il minimo timore...eh beh...per forza lo dovevo chiamare così :-)

      Elimina
    2. Supercat! ;-)

      Elimina
    3. Che non sembra ma dare un nome ad un gatto senza farlo apparire un idiota non è semplice...
      Subito ho pensato a Vin...tipo Vin Diesel ma poi uno lo poteva interpretare come Vim e allora è il nome di un detersivo...o Vin inteso come vino...
      Avevo pensato anche a Rocco ma poi ho visto che non è che sia messo così bene lì sotto, al pari del padrone.
      Leonida poi...bello ma fa una brutta fine...

      Elimina
    4. I miei gatti (mezzi selvatici, girano in cortile a casa dei miei) vengono chiamati spesso con nomi di fiori o piante, il più longevo, per quanto maschio, si chiamava Ortensia. Non si è mai lamentato. :-)

      Elimina
    5. Ah quelli non li ho "battezzati" nel senso che Felix ha pochi mesi, circa 3, ed essendo stato abbandonato vicino a dove vivo io, è addomesticato e - quindi - sono riuscito a tirarlo in casa (anche perché l'ho dovuto curare visto che era mega-influenzato)...gli altri...che non so quanti siano (sempre "regalini" di altri) sono selvatici e so che ci sono solamente perché li intravedo ogni tanto...e perché mangiano i croccantini :-(
      Il fatto che non si lascino avvicinare rende difficile assegnare loro un nome dato che non vorrei mai chiamare una femmina con il nome di un maschio (porto gli occhiali e ci vedo bene...ma non abbastanza da vedere se un gatto ha il pisello o meno a un 100 metri di distanza).

      Li potrei chiamare Andrea dato che è maschile e, in certi stati, femminile...

      Elimina
  4. Fascino distorto26/11/12, 15:49

    Non vedo l'ora! Sarò stordito, ma solo ora il titolo "Attack the Block" riceve nella mia testa un senso compiutamente compiuto...a volte mi perdo in un bicchier d'acqua...glu glu glu glu glu

    RispondiElimina
  5. Vedrò ance questo. Come crei attesa tu per un film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo a me è piaciuto davvero un sacco!

      Elimina
    2. Questo a me è piaciuto davvero un sacco!

      Elimina