6 novembre 2012

Chiedimi se sono felice (reprise)

No.
Ma ci sto lavorando.

42 commenti:

  1. Lui, secondo me, ci si avvicina molto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il gatto che si crede un leopardo? :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. un po' meno allucinato, forse. :)

      Elimina
  3. Ok non ti chiedo se sei felice...ti chiederei se me la dai ma temo che non migliorerebbe la tua felicità...anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah!
      non pensavo ti piacesse l'antiquariato! :)

      Elimina
    2. Non ti risponderò perché poi sembra che faccia il piacione...ma visto che ho intravisto tempo fa come sei...e non dico altro :-)

      Elimina
    3. ah ah ah!
      quindi che faccio? lo prendo come un complimento? :)

      Elimina
    4. Eh? no no...che poi dopo mi emoziono ;-)

      Elimina
    5. ah, ok. come non detto, allora. :)

      Elimina
  4. buon lavoro allora :)
    direi che è uno dei pochi lavori davvero meritevoli di attenzione...
    e buongiorno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e buongiorno a te.
      e grazie... :)

      Elimina
    2. ah il martedì è sempre una buona giornata, serata con calcetto e trattoria con gli amici e vino ocme piovesse (a volte basta poco per lavorarci) ;)

      Elimina
    3. è vero. a volte basta poco. non sempre, però!

      confessa, che vai a giocare a calcetto per il post-partita! :)

      Elimina
    4. assolutamente sì :)
      ogni occasione è buona per gozzovigliare

      Elimina
  5. Perfetto, in questo caso ci vuole Ivan Segreto (della serie una canzone per ogni attimo ;o)

    Da: Porta Vagnu, ecco a voi Ivan Segreto con Puzzle!

    E’ stato ieri o forse l’altro ieri,
    Tornavo a casa che il Sole era già in piedi,
    La mia piantina lì sul davanzale,
    Mi supplicava di darle da bere.

    Pensavo tanto, no ne trovavo il senso…
    Volevo ridere, adesso che ci penso.
    Io lì seduto che me ne stavo mite,
    La mia piantina urlava ho sete.

    Uno, due e tre, comincerò da me.
    E non sarà di certo facile.
    Sto già contando trentadue, ma…
    Ci sto lavorando…

    Dovuta agli animi irrequieti,
    Dovuta come il sonno,
    Dovuta al corpo stanco,
    Dovuta al cuor.

    Dovuta a chi ha dovuto…
    senz’altro anche dovuta a chi…
    Dovuta e qui si tace…
    Dovuta un pò di pace.

    Poi ho creduto di averla catturata,
    L’irrequietezza d’un tratto dileguata.
    E’ per la gioia che stavo per ballare, quando…
    Il mio sorriso mescolavo al pianto.

    Vivo in un mondo che mi porta lontano,
    quello in cui vivo veramente mi è cattivo,
    a petto in fuori urlavo io lo cambierò,
    urlavo ma ero io per primo che doveo cambiare…

    Uno, due e tre, continuerò da me.
    No non ho detto che sia facile,
    Sto già contando trentadue, ma…
    Ci sto lavorando… Ancora un pò.

    Dopo un bel poco ancora un poco e dopo un pò…
    Un altro po’…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non la conosco. dovresti cantarmela. :)

      Elimina
    2. credevo volessi smettere di piangere...

      Elimina
    3. mi stai dicendo che sentirti cantare è straziante? :)

      Elimina
    4. quasi quanto vedermi nudo ;o)

      Elimina
    5. non temere, sei al sicuro.

      Elimina
    6. non stavo temendo, infatti. :)

      Elimina
    7. ti agevolo il caro vecchio Ivan.

      http://www.youtube.com/watch?v=hJT7UXknfhA&playnext=1&list=PL6C5425C9EA9298BC&feature=results_video

      Elimina
  6. E pagano bene? Così faccio domanda anche io per lavorarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no. è più una forma di volontariato, alla fine.

      Elimina
  7. Ok, ma la piantina è morta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non guardare me, che ho i pollici verdi innestati al contrario.

      Elimina
  8. quando trovi il modo, mandami un tweet :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok.
      ma non ci contare troppo, eh? :)

      Elimina
  9. Lui più che felice è estremamente riposato.... però magari dorme perchè è annoiato, o perchè non ha nulla di melgio da fare... no è?
    Buongiorno cara e bentornata!
    T'ho commentata poco ma ti ho seguita nella mini vacanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, i gatti. chi li capisce...
      Istanbul ne era piena. E bellissimi per essere dei randagi. O le gattare turche li nutrono con crocchette OGM, o si mangiano direttamente le gattare, da quanto sono grossi.

      Grazie, cara! :)

      Elimina
    2. Oh scusa, pensavo non stessi lavorando ;) Beh, quando ti prendi una pausa,se vuoi facciamo una tavola rotonda sul tema... :)

      Elimina
    3. Te lo ricordi il film "lavorare con lentezza"?
      Ecco. Io.

      Elimina
  10. c'era uno che cantava: "la libertà non è star sopra un albero.".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che vale anche se sei in gatto?

      Elimina
    2. (senti è tutto il giorno che tentenno, ma ora basta non resisto! devo fare la battutaccia!)

      Dovresti domandarti, semmai, se vale anche se sei una topa.

      (Ecco, l'ho detta, bannatemi pure)

      Elimina
    3. Non farlo più.
      Tentennare, dico.
      Che qua la battutaccia la si apprezza.
      A prescindere.

      Elimina
  11. In effetti la libertà è essere l'albero ma è 'na roba troppo zen :-) Sai, con la pasta al forno di mia zia ci s'avvicina! Cosa darei per farvela assaggiare, mannaggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andiamo tutti dalla zia!
      Dove sta? ;)

      Elimina
  12. (Ci s'avvicina alla felicità, non che ci si trasforma in un albero... 'si sa mai, preciso :-D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era chiaro, tranquilla.
      Anche perché io la felicità nel trasformarmi in un albero non riesco a vederla. Con cani e padroni di canii che ti pisciano addosso.
      Cioè, per carità, so che c'è gente a cui piace, ma non è il mio caso, quindi no. Niente albero, per me. :)

      Elimina