18 novembre 2012

007 - Skyfall

Il cinema di provincia, con le poltrone inclinate che se appoggi i piedi sui supporti dei sedili davanti ti sembra di essere dal ginecologo, ha ospitato me e la bionda per il recupero dell'ultimo (magari!) film di Bond. Nell'altra sala c'era Twilight, quindi la folla era tutta intruppata di là.
Entriamo in sala, ci vediamo il trailer di 7 psicopatici, poi quello di Twilight, per finire con il film sul concerto di Vasco Rossi, e il film del concerto dei Queen, poi il trailer di... Twilight e quindi il film del concerto di Vasco Rossi. No, non sono io che mi ripeto.
Poi inizia il film. E la barbona dietro di me, con un tempismo che nemmeno in Svizzera, apre il suo sacchetto di pop corn. Senz'altro se l'è portato da casa, perché se non altro il pop corn del cinema hanno la decenza di vendertelo nell'immondo bicchierone.
Il sacchetto fa un rumore tale che sembra che il dolby sorround sia tutto lì dentro.
La maledici fino alla settima generazione e ti godi - si fa per dire - l'inizio del film. A Istanbul (ebbene si, di nuovo Istanbul. Pare che quest'anno abbiano girato tutto là) c'è il nostro James impegnato a recuperare un file contenente il database di tutti gli agenti infiltrati in ogni dove, sparito misteriosamente. Dopo un inverosimile inseguimento in moto sui tetti della città ci spostiamo in scioltezza sul tetto di un treno dove l'agente di supporto, in contatto con gli uffici dell'Mi6 a Londra, eseguendo gli ordini di M preme il grilletto e spara. E colpisce Bond. Che cade. E precipita dal ponte più alto di tutta la Turchia. Finisce in acqua, e poi, per non farsi mancare niente, precipita pure nella cascata.
Fine.
Ah no. Siamo solo ai titoli di testa. Che, c'è da dire, nei film di 007, sono sempre bellissimi.
A Londra tutti sono dispiaciuti per la scomparsa di Bond, che, nel frattempo, in qualche isola presumibilmente del centro America, si sta scopando e bevendo tutto quello che entra nel suo raggio d'azione. Vedere Bond che beve a canna la peggio birra del mondo fa male, io ve lo dico.
Nel frattempo a Londra un'esplosione distrugge gli uffici dell'MI6 violando tutti i sistemi di sicurezza della struttura. Bond decide che è ora di tornare, vola a Shangai, sistema i conti col tizio di Istanbul (apro parentesi: Shangai è l'unica città della Cina che io vorrei visitare e la scena col pannello luminoso con le meduse esteticamente è la migliore del film. Chiusa parentesi). Da Shangai la scena si sposta a Macao, dove Bond incontra Severine, la gnocca di turno. A sto giro se la tromba banalmente sotto la doccia, ma in barca. Poi finalmente si dirigono dal cattivo.
Vengono fatti prigionieri dall'equipaggio, arrivano al cospetto di Bardem (e qualcuno mi deve spiegare perché me lo devono sempre truccare come un mentecatto. Perché quando lo vedi rivaluti immediatamente l'orribile acconciatura che sfoggiava in "non è un paese per vecchi"), sparatoria, arrivano i nostri in elicottero e catturano il perfido Javier.
Fine.
Ah no, è l'intervallo.
Siamo di nuovo a Londra, ma nei nuovi uffici, Thiago Rodriguez aka Silva aka Bardem è prigioniero, evade, Bond gli dà la caccia ecc.ecc.
Lungo, lungo, lungo, lungo.
Inutilmente lungo.
Abbastanza noioso.
L'ho già detto lungo?
Poi per fortuna finisce.
Da quando l'agente con licenza d'uccidere ha la faccia di Craig c'è stata una progressione esponenziale.
In peggio.
Casino Royale era un buon film. Già solo per la scena iniziale in Madagascar, che mischiava inseguimento e parkour.
Quantum of Solace era abbastanza innocuo. Anche perchè non mi sembra il genere più congeniale a Marc Forster. Senza infamia e senza lode.
Questo è soltanto lungo.
Troppo lungo.
L'ho già detto lungo?
 
 

46 commenti:

  1. ...ok..basta così... MI HAI CONVINTO!! notte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film era finito da mezz'ora e io non ero ancora riuscita a smettere di sbadigliare... :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ah ah ah!
      Guarda, a me Craig, così spigoloso da sembrare tagliato con l'accetta nemmeno dispiace. Brosnan aveva quell'aria un po' piaciona e l'espressione di chi ti prende per il culo facendoti perfino trovare l'esperienza piacevole, ma qua non è nemmeno un problema dell'interprete, è che la storia viene talmente tirata per le lunghe che alla fine ti si sfilaccia tra le mani...

      Elimina
  3. pensa che a me è piaciuto, certo ho preferito il primo di craig, ma mi sono goduto abbastanza pure questo.
    e ammetto che lui mi piace come agente 007, certo un po' oltre il classico stereotipo cui eravamo abituati, ma almeno è un filo più "credibile" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione, Craig nei panni di Bond piace anche a me, sia chiaro.
      È proprio questo film che non è riuscito a trasmettermi nulla, nè a livello di tensione, nè a livello di emozione. A parte quando appare l'Aston Martin, ma è davvero un po' poco.

      Elimina
    2. hahaah in effetti io avrei cambiato qualcosina da sceneggiatore, e bardem è stato sfruttato male, anche se come cattivo l'ho trovato splendido.
      ma sai io sono un fans assoluto di John McClane... quindi sono considerabile diversamente sano di mente :)

      Elimina
    3. Non colgo il nesso con John McClane... :)

      Elimina
    4. beh sono entrambi due duri, spesso insanguinati e con film che molti trovano tremendi ahahah

      Elimina
    5. Ah, ecco.
      No, secondo me i Die Hard sono un'altra cosa... :)

      Elimina
    6. piacciono anche a te? mitica!! :)

      Elimina
    7. Scherzi? Io sono cresciuta a film tamarri! ;)

      Elimina
    8. ahahahah io a film tamarri son fenomeno, pensa che io quando capita mi rivedo pure febbre da cavallo ;) un mito...
      e conosco tutti i fantozzi praticamente a memoria

      Elimina
  4. 007, twilight, vasco, i queen... tutto insieme!
    non avrei retto più di 10 secondi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai dimenticato i pop corn pacco famiglia.
      I casi sono 2: o sono la reincarnazione del Dalai Lama o sono masochista.
      O sono il Dalai Lama masochista.

      Elimina
  5. stavo pensando di andarlo a vedere... ma mi a che passo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sinceramente non me la sento di consigliarttelo.
      Se non l'hai ancora visto, guarda Argo, piuttosto! :)

      Elimina
    2. spero di farlo.
      io comunque oggi ero nella sala accanto a vedere Breaking Down parte II. (ok, non sarà il film dell'anno...ma sono stati i libri che mi hanno appassionata quando ero più giovane. ed i film sono un rituale con mia cugina. e si, l'ho visto solo per vedere Jacob a petto nudo :P)

      Elimina
    3. Sono troppo vecchia per i pettorali di jacob, purtroppo. :)

      Elimina
    4. posso suggerire un link a Cristina? eh? posso? ok:

      http://www.malvestite.net/2009/07/13/twilight-saga-2-incontriamo-i-vampiri-mona/

      Elimina
  6. Mi sa che nemmeno pagato andrei a vederlo...un pò per lui,un pò per il trailer di vasco e molto per i fottutissimi pop corn :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la moda di fare i film dei concerti poi? Che per questo di Vasco ti "attirano" dicendo che adesso potrai vederlo da vicino.
      Ma cazzo, è basco rossi, mica brad Pitt!

      Elimina
    2. Basco rossi?
      Dove cavolo sono i miei occhiali?

      Elimina
  7. Io l'ho visto settimana scorsa e non mi è dispiaciuto! Non l'ho trovato nemmeno troppo lungo, ma forse è perchè mentre erano a shangai io dormivo ;)

    RispondiElimina
  8. Ma gli sponsor, poi, quanto ti hanno dato? Magari andando al cinema si diventa ricchi anche materialmente. Felice week!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli sponsor? mi hanno pagato bene, naturalmente. Altrimenti del film avrei parlato senz'altro peggio! :)

      Elimina
    2. Quindi mi confermi che ti stai arricchendo. Bene! :)

      Elimina
    3. Stai pensando di chiedere la mia mano? :)

      Elimina
    4. Le tue qualità di donna, da quello che si legge in giro, sono ben altre. Bastano e avanzano, secondo me, per avere già tanti corteggiatori. E poi, diciamolo, uno MM (molto maschio) come me non potrebbe mai farsi mantenere da una donna. Ci sarebbe un crollo totale della mia autostima, e quindi, presumo, anche di tutto il resto. Tu mi capisci... :)

      Elimina
    5. come no!
      è che per la mano - a differenza di altre zone - non c'era lista d'attesa, sai com'è! :)

      Elimina
  9. Nonostante sia uno schifol, lo andrò a vedere lo stesso, sallo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che è esattamente quello che ho fatto io, dopo che fonti affidabili me ne avevano parlato male! :)

      Elimina
    2. L'importante è esserne consapevoli. Cioè questa è la vera fantascienza, perchè qualunque cosa accada è umanamente impossibile.
      Però il bello è che, almeno per ora, usano fare quello che accade quasi dal vero, senza troppi trucchi computerizzati.
      A volte, nelle sale, si avverte lo stupore della platea, un sommesso "ooooohhhhh" a significare un generale "se vabbè...".
      Poi appena torna il silenzio, immancabilmente, si ode la voce sicura del fan più accanito: "se po' fà, se po' fà...".

      Elimina
    3. ma io sono sempre assolutamente consapevole di tutte le cazzate che faccio. Ancor prima di iniziare a farle.
      il "se po' fà se po' fà" però mi manca...

      Elimina
    4. è il tizio ben rappresentato da Verdone agli inizi della sua carriera. Quello con la camicia aperta sul petto villoso, la capezza coi peli attorcigliaticisi, i ray-ban a specchio e la sigaretta a mezza bocca.

      p.s. capezza = catena d'oro.

      Elimina
    5. sai che mentre ripetevo fra me è me "se po' fà, se po' fà" era esattamente ad un personaggio di quelli coattissimi del verdone degli inizi che pensavo? :)

      Elimina
    6. Verdone è un gran copione, sallo ;o)

      Elimina
    7. nel senso che i suoi personaggi non sono inventati ma presi paro paro dall'uomo della strada? lo so.
      Quando ancora era vivo mio zio Vinicio, ogni tanto passavo dei pomeriggi con lui nel suo distributore sulla Salaria. E ho avuto modo di imbattermi in personaggi che Verdone gli poteva fare una referenziale pippa con l'inchino.

      Elimina
  10. card.napellus20/11/12, 14:54

    Ho letto praticamente tutto Ian Fleming, per questo i nuovi 007 mi sono sempre meno simpatici. Ian non avrebbe tollerato un Bond bevitore di birra, penso che nei libri non lo faccia mai. Beve moltissimo, soprattutto Whisky, Bourbon, Vodka, parecchi cocktail, ottimi vini francesi, e quando lo trova Taittinger (altrimenti si accontenta del Dom Perignon). Un'ultimo appunto sul cattivo: nei vecchi film si è vista della brava gente, io ricordo Celi, Pleasance, Savalas...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza scomodare Fleming, che fra l'altro io non ho mai letto, ti assicuro che vederlo bere birra, soprattutto QUELLA birra, è davvero una roba che fa male agli occhi.

      Elimina
  11. card.napellus20/11/12, 18:37

    In Moonraker, che è molto diverso dal film, Ian impiega una decina di pagine per descrivere Bond che arriva al Blades, l'esclusivo club di cui fa parte M, e tratteggiarne la storia. Altrettante per descrivere il pranzo, l'ambiente, e poi tantissime per la famosa partita a bridge con le carte truccate. Ogni particolare dell'ambiente e delle persone è descritto, ma il racconto scorre bene, anche se si sente che è stato scritto sessanta anni fa.

    RispondiElimina
  12. Io non ho visto Skyfall e nessun film di James BOnd dopo Sean Connery. Quindi sono ferma all'età della pietra.
    Mi introduco solo per dire che tutti gli ultimi film che ho visto sono lunghi, lunghi, lunghissimi ed estenuanti. Anche i cartoni animati.
    Ma non si riesce piu' a stare entro i famosi 120 minuti??

    RispondiElimina
  13. Ti dirò, a me è piaciuto molto! Ma credo che sia una certa aurea nolaniana che ho cisto in alcuni passaggi e nel tratteggiare il cattivo, sennò lo ritengo un buon film d'azione. Il passato teatrale di Mendes si vede tutto poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so. a me ha convinto davvero poco, ma tanto non smetterò certo di andarli a vedere. manco fosse una missione, la mia! :)

      Elimina