23 febbraio 2011

L'importante, nella vita, è essere coerenti.

Ricordate l’altro giorno quando mi autoincensavo per la mia morigeratezza nei confronti dello shopping nell’ultimo periodo?
Ecco. Io non l’ho mai detto. E, se l’ho detto, sono stata fraintesa.
Oggi a Torino c’è il sole. E la sottoscritta ha deciso di prolungare la pausa pranzo e spingersi fino al mercato di Corso Palestro.
Ella è tornata in ufficio carica come un venditore ambulante di tappeti, corredata di: numero una maglia blu, numero un vestito color prugna, numero un cappotto color panna, numero una borsa color tortora e numero un’arancia tarocco.
Oltre all’immediata ed effimera gratificazione da shopping inutile und inaspettato, adesso sono anche vagamente pervasa da un lievissimo senso di colpa: non avrei dovuto comprarla, quell’arancia.

12 commenti:

  1. in effetti l'arancia potrebbe essere di troppo, stona anche un po' con i colori, ma per il resto...mi hai fatto venire voglia di risvegliare la mia carta di credito!!! ;)

    RispondiElimina
  2. vero? che col blu ci sta malissimo e col prugna non parliamone neanche! :)

    RispondiElimina
  3. no decisamente l'arancia non dovevi comprarla!!!:D
    io per evitare di fare shopping dovrei accecarmi, non vedo altra soluzione.

    RispondiElimina
  4. pensa che io giusto quella mi potevo prendere!!

    RispondiElimina
  5. @distrattamente: anche amputarmi le mani, in modo da non essere più in grado di estrarre la carta di credito potrebbe essere una soluzione! :)
    @quaglia: l'arancia? ma le hai le scarpe giuste da abbinarci, almeno? :)

    RispondiElimina
  6. Coi tempi che corrono sono proprio le arance a pesare sul budget...

    RispondiElimina
  7. Ma guarda che la frutta costa! Lo dicono sempre anche a Studio Aperto!!
    Almeno l'economia, salla!

    RispondiElimina
  8. ma infatti per un periodo ho adottato il fantastico metodo di uscire di casa senza bancomat/carte e simili.Ovviamente anche le banconote superiori ai 5 euro erano bandite dal portafoglio...ma dopo l'ennesima figura di merda alla coop o dal fruttivendolo (perche io ho manie compulsive anche al supermercato...:()di arrivare alla cassa e accorgersi di non avere soldi e chiamare i coinquilini che ti vengano in soccorso rimanendo li fermi vicini vicini alla cassiera con tutte le robe inbustate, tutti che ti guardano e ripetere a nastro.."eh si che sbadata..ho sbagliato portafoglio stamattina" ho deciso che era tutto inutile.
    sorry per il commento lunghissimo!!:D

    RispondiElimina
  9. Ah, beh, certo, l'arancia!!!

    RispondiElimina
  10. l'arancia tarocco nel senso che non volevi comprare un'arancia originale? No ecco, scusami per la pessima battuta... Che bello quel mercato lì, anni fa ci ho comprato una felpa a 6€ che adoro ed è ancora perfetta

    RispondiElimina
  11. @ragno: e, lo so. è per quello che mi son venuti i sensi di colpa!

    @PRxT: studioaperto? è troppo complicato per me, non lo guardo mai. Dev'essere per quello che poi mi lascio turlupinare dai venditori di arance tarocche!

    @madame: un agrume ricco di vitamina C? :)))

    @distrattamente: le manie compulsive al supermercato mi mancano. sono una dilettante e lo scopro solo ora??? :)

    @funambola: a qualcosa bisogna pur dare la colpa, non credi?

    @vete: quel mercato è delizioso. Purtroppo (o per fortuna, dipende dai punti di vista) da quando mi hanno acccorciato la pausa pranzo lo frequento molto meno...

    RispondiElimina