8 febbraio 2013

Zero Dark Thirty


Dopo la quasi inaspettata vittoria agli oscar del 2010 con The Hurt Locker, in cui la Bigelow ci raccontava i risvolti della guerra in Iran,  la regista torna con un altro titolo sempre preso dallo slang militare (Zero Dark Thirty significa trenta minuti dopo mezzanotte e indica quel periodo di tempo in cui il buio favorisce gli attacchi e le incursioni) per raccontarci, partendo dal famigerato 11 settembre 2001, i dieci anni che hanno portato alla cattura di Osama Bin Laden, avvenuta il 2 maggio 2011.
Dieci anni.
In cui una donna, al suo primo incarico (esemplare la scena in cui, quando le viene chiesto da un superiore cosa abbia fatto, lei risponderà "non ho fatto nient'altro") riuscirà, portando avanti la sua tesi inizialmente osteggiata da tutti, ovvero quella per cui, per arrivare a Bin Laden bisogna seguire chi consegna i messaggi - nello specifico, Abu Ahmed - ad individuare il luogo in cui si nasconde il capo di al-Qaida, ad  Abbottabad, Pakistan.
La trama si dipana dall'interrogatorio iniziale di un fiancheggiatore di al-Qaida, in cui vengono evidenziate le cosiddette "tecniche di interrogatorio forzato", che è un elegante modo per definire la tortura, passando attraverso gli attentati di Londra del 2005 e quello al Marriott Hotel di Islamabad del 2008, in una progressione narrativa che, nonostante i 157 minuti, non ha un solo momento di cedimento, fino alla sequenza finale dell'incursione che portò all'uccisione di Bin Laden, 40 minuti serratissimi che si aprono con il volo notturno di due aerei "invisibili", scena che io personalmente ho trovato magnifica, per concludersi con il ritorno a casa di Maya, sola, come è sempre stata, su un aereo militare tutto per lei.
Un thriller politico di taglio documentaristico che non indugia su etica e moralità, mettendo in scena le tecniche di indagine, la rigidità della scala gerarchica, l'attesa e la ragione, quasi senza sentimento.
Un gran film, asciutto ed essenziale.

36 commenti:

  1. Sono emozionato :-)
    Finalmente hai citato un film che ho visto: The Hurt Locker,
    L'ho visto per errore eh...ma almeno uno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si vede un fim per errore? :)

      Elimina
    2. Beh io non amo i film di guerra...tranne uno: Gunny (non so se l'hai mai visto)
      La mia Morosa arriva con sto film...The Hurt Locker e mi propone di guardarlo. Ora già me la da poco...se poi le dico "no che sto film mi fa cagare" non becco niente e allora, l'ho guardato.
      Poi ho scoperto che aveva il ciclo e non me l'ha data lo stesso...
      Ecco come si fa a vedere un film "per errore"

      Elimina
    3. capisco.

      (certo che ho visto Gunny, Cunny!)

      Elimina
    4. Non è il miglior film di Clint...ma visto che è il mio attore preferito in assoluto...

      Elimina
    5. The Hurt Locker e Black Hawk Down sono i miei preferiti di sempre.
      Questo credo potrebbe entrare in classifica.

      Elimina
    6. Vipero, questo è un decisamente un gran film. Non perdertelo.

      Elimina
    7. Ok.
      Ma Broken City? M'interessava... Sbaglio o è sparita la locandina?

      Elimina
    8. Non sbagli. E' che - se ieri i quotidiani non avessero cannato totalmente gli orari di programmazione - ZDT avrebbero dovuto darlo, come sta avvenendo da oggi, alle 18.30 e alle 21.30, quindi, non potendolo vedere alle 18.30 ed essendo le 21.30 troppo tardi per le anziane come noi, si era optato per Broken City. Ma, dovendo giustificare la cappella dei giornali, ieri hanno dato ZDT alle 20.00, e quindi non ci siamo nemmeno poste il dubbio di cosa andare a vedere.
      Comunque è probabile che Broken City lo veda domani sera, anche se, secondo me, non sarà nulla di che.

      Elimina
    9. Ahahahahahah...m'ha fatto ridere Cunny! ;-)))

      Elimina
  2. Commento senza aver letto il post (ma sarò scema??) perchè stiamo parlando del film per me al momento più atteso dell'anno, quindi non voglio leggere niente fino alla visione, prevista per la prox settimana...si, sono scema...vabbè, unicamente per dire che ho adorato The Hurt Locker, e che adoro la Bigelow...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma no che non sei scema... al limite sono scema io, che prima di andare a vedere un film voglio saperne più cose possibili! :)
      Pure a me The hurt locker era piaciuto molto, all'epoca. Anche s ammetto che mai mi sarei aspettata la vittoria agli oscar, sinceramente.

      Elimina
  3. grandissimo film, maremma mayala! :)

    RispondiElimina
  4. Grandissimo. Una vera bomba.
    E i quaranta minuti finali sono una lezione di Cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente.
      Anche se credo - ma mi piacerebbe sbagliarmi - che quest'anno per la Bigelow statuette poche, anche per le inevitabili (quanto inutili) polemiche che ci sono state in merito alle scene di tortura. Manco se le fosse inventate lei.

      Elimina
    2. Film molto ma molto bello, nessuno sconto alla CIA, che tra torture e cappelle a strascico non fa bella figura proprio per nulla, comunque il film e la Bigelow hanno preso un bel po' di riconoscimenti anche senza l'academy award (ho sempre il dubbio che mi cazzino se non metto vicino al nome del premio "marchio registrato"!)
      E comunque le torture se l'è inventate lei, a Guantanamo son sempre lì a chiederti perpiacere, chettticredi? :-D

      Elimina
    3. Anfatti, ne ero praticamente certa. Del resto lo sanno tutti che il cinema è finzione, no?

      Elimina
    4. a Gitmo non fanno niente altro che pararci il culo, a noi. Non l'avete visto "Codice d'onore"? Sorvegliano affinchè il mondo libero non sia invaso dai brutti e cattivi.
      Soprattutto i brutti.

      Se non ci fossero loro...

      Elimina
  5. Bello bello bello bello.

    RispondiElimina
  6. sarò scemo, ma a me Abbottabad fa schiattare dal ridere. ok, l'ho detto, mi sento più leggero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io, che in quanto a scemenza non sono seconda a nessuno, quando a un certo punto si spostano nella famigerata "area 51", ho detto: "ma Osama l'hanno preso usando gli alieni?".
      Ecco, l'ho detto pure io. E, mi piaerebbe molto poter dire che mi sento più leggera, ma la pizza con le cipolle mangiata a pranzo non me lo consente.

      Elimina
    2. ma che davero? lo sapevo che c'entravano gli ufo!

      p.s.: pensa ammé che trabocco di risotto con lo zafferano e mezzo tiramisù

      Elimina
    3. Però sò fichi st'americani!
      Pensa se l'avessimo fatta noi, un'azione simile dadoaddà-dadàaddò:
      "l'amo preso! l'amo preso!... eccolo quà, sto delinquente..."
      "ma... ma... Mr Obama!... ma... ma... macche avete combinato?"
      "aoohhh e sta a guardà er capello!!! Obbama, Osama... cambio er rapporto e stamo apposto, ok?... aaahhcoso... Gargiulo!!! Gargiùùùù!!!! Porta er bianchetto và che sistemamo 'sto casino..."

      Elimina
  7. The Hurt Locker non m'aveva convinto, l'ho messo nella sezione "a posto così"...questo già m'intriga di più...e la Bigelow è ancora una discreta Milf

    RispondiElimina
  8. Niente.Non ce la fo.Sarà tecnicamente superbo come dite tutti che ne capite a pacchi, ma io stò cumulo di balle non non ce la faccio, a guardarlo.E' il principio, ecco! Io e la mia sospensione dell'incredulità andiamo fuori a mangiare un boccone e a berci una birra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bah, che io ne capisca a pacchi è tutto da vedere, ma il cumulo di balle nello specifico è riferito a cosa? al fatto che abbiano catturato OBL o che sia lui l'artefice dell'attentato al WTC? O entrambe le cose e altro ancora?

      Elimina
    2. forse intende il volo notturno dei due aerei invisibili? in realtà erano due elicotteri, almeno quelli che hanno effettivamente svolto l'attacco.
      uno sono pure riusciti a sfasciarlo... delinquenti!

      Elimina
    3. ho scritto aerei? volevo dire elicotteri. certo che saranno stati pure invisibili, ma eran davvero bruttini.

      Elimina
    4. Tutta colpa della tennologia avanzata.
      una volta le forme erano più burrose, affascinanti.
      Adesso per ridurre l'impronta radar e le emissioni all'infrarosso tirano furoi delle schifezze, esteticamente parlando.

      Elimina
    5. Nono, niente uber complottismo di massa doppio ritorto carpiato omnicomprensivo.Semplicemente la storia della seek & destroy.Una baracconata indegna.

      Elimina
  9. Abbottabad fa schiattare dal ridere anche me ( per peggiorare la situazione abbozzo una traduzione " La Botta cattiva ? " ) Poison ti prego stendi un velo pietoso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Badit, non ti preoccupare... :)

      Elimina
  10. Era già in lista da tempo: domani sera me lo sparo!!!

    RispondiElimina