17 febbraio 2013

The Day

Vivete giorno per giorno.
Ieri è stato un sogno.
Domani solo una visione.

E, a proposito di visioni, ieri pomeriggio ho trovato il tempo per vedere "The Day", che mi aveva incuriosito dopo averne letto (bene) da Beatrix.
Che a sua volta ne aveva letto (bene) in altri blog,
In un panorama desolato (nel mondo è successo qualcosa, anche se non ci è dato sapere esattamente cosa) un gruppo di sopravvissuti composto da cinque elementi, armati fino ai denti, sporchi, laceri e cattivi (avete notato che non ho detto brutti? Già, perché, anche se ne avranno viste di ogni, dato che inizialmente erano una dozzina, non si lavano da chissà quando, e sicuramente puzzeranno anche un po', sono tutti fighi, roba che io nemmeno dopo una giornata passata a farmi ritoccare a Photoshop) vagano apparentemente senza destinazione, ma in fuga da qualcuno.
Uno di loro è malato, e, quando sul loro cammino troveranno un casale abbandonato decideranno di fare tappa per riposarsi.
E, mentre le due donne vengono mandate fuori alla ricerca di "tracce", gli uomini restano in casa in attesa di quel qualcuno misterioso. E quel qualcuno non tarda ad arrivare. E da quel momento inizia una lotta senza esclusione di colpi, tra i nostri cinque, che nel frattempo sono rimasti in quattro, e gli altri, che sono la metà di mille e sono affamati. Oltre che dediti al cannibalismo.
Crudo e spietato, senza esclusione di colpi (anche di scena), fino alla sequenza finale, che mi ha fatto esclamare "Minchia!" come si usa qua, nei circoli del bridge di Oxford.
Come se il regista avesse incrociato, shakerando bene, Assault on precint 13 e the road.
Bello.
 
 

19 commenti:

  1. The road m'aveva angosciato e commosso assai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede anche a me di commuovermi, quando vedo Viggo Mortensen

      Elimina
    2. immagino avrai tutta la saga del signore degli anelli allora ;o)

      Elimina
    3. È più forte di me, il signore degli anelli non ce la posso proprio fare! :)

      Elimina
  2. Contenta che ti sia piaciuto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrix, sí, decisamente!
      Ma... l'ultima scena? ;)

      Elimina
    2. E io che l'avevo scaricato, lasciato lì per mesi e poi scaricato nel cestino senza guardarlo perché l'hard disk era pieno e qualcosa dovevo sacrificare...adesso mi tocca recuperarlo...uffa, non ci sono più i film da scartare di una volta ;-)))...vado a pulire la cucina...

      Elimina
    3. Ecco. Pulite la cucina. Dovrei iniziare pure io. Devo trovare l'ispirazione. La vedo dura.

      Elimina

  3. quasi casco dal divano!! mamma mia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vero? Mi ha lasciato secca!
      (Ho davvero esclamato "Minchia!", sia chiaro!)

      Elimina
  4. Gioiellino. E con quel finale lì (che a me ha ricordato molto il cinema di Marshall) l'applauso scatta spontaneo.

    RispondiElimina
  5. Poison buonasera,
    Django finalmente è arrivato nella tetra provincia, mi è piaciuto anche se ha delle cadute di tono dovute alla prolungata durata... son tre ore ! Che fine hanno fatto i film da 90 - 100 min. ? Per lunghezze superiori dovrebbero essere compresi nel prezzo del biglietto generi di conforto ( almeno tequila limone e sale).
    Mi piacerebbe sapere le tue preferenze per gli oscar del prox 24 febb (quando e se hai tempo e voglia).
    Buona serata. Sheltering.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Sono contenta ti sia piaciuto, a me la durata non era pesata minimamente, anche se effettivamente ultimamente i film da 90 minuti sembrano un oscuro ricordo!
      Le mie preferenze? Non ho ancora visto tutti i film candidati per le categorie principali, ma se dovessi darli io sarebbero così:
      Film: zero dark thirty
      Regia: Haneke
      Attore: Joaquin Phoenix
      Attrice: Quvenzhané Wallis
      Attore n.p.: Christoph Waltz
      Attrice n.p.: Helen Hunt
      Film straniero: War Witch
      Ma sono sicura che non ne azzeccherò mezzo! :)

      Elimina
  6. a me la coscia lasciata nuda dallo stivale o dalle parigine m'ha sempre fatto un gran bell'effetto. ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, peccato che le parigine siano un invenzione de lo dimonio. che hanno sempre quella tendenza all'appappamento alla caviglia che io, quando le indosso, passo il tempo a tirarmele su. che dopo un po' ti passa pure la voglia.
      comunque la tipa in questione è tostissima, con o senza parigine.

      Elimina