31 gennaio 2013

D'o(h)


E alla fine io e la bionda ci siamo riuscite.
A provare la cucina di Davide Oldani nel suo ristorante D'O, in quel di San Pietro all'Olmo.
Dov'è San Pietro all'Olmo? Vicino a Cornaredo, in provincia di Milano.
Che dire?
Il locale è piccolo ma curato, i piatti sono uno meglio dell'altro, ricercati, particolari, gustosi e leggeri, e quando esci dopo aver mangiato di tutto di più (che io e la bionda quando decidiamo di provare un ristorante non ci facciamo mancare davvero nulla, dall'antipasto al dolce) non andrai alla ricerca della farmacia di turno per farti di alka-seltzer, perchè non ne avrai bisogno.
Un'ulteriore cosa degna di massimo rispetto, per un locale di questo livello (una stella Michelin), è che per pagare il conto non dovrai vendere un rene o impegnare la cassettiera luigi XVI della zia Adalgisa, perchè il rapporto qualità/prezzo è assolutamente insuperabile.
L'unico problema, se vogliamo proprio trovare un difetto, è dover affrontare tutte le portate con la posata passepartout, che può sembrare un po' inquietante. Ma è un problema che si supera, sia chiaro.
Anche perchè, nell'eventualità che nel menu ci siano spaghetti o roba del genere, i camerieri arriveranno in tuo soccorso portandoti una banalissima forchetta.
E comunque io sono già in crisi d'astinenza da cipolla caramellata.


50 commenti:

  1. Sono il primo e dico: "'sticazzi!"

    RispondiElimina
  2. ...e io seconda aggiungo: figata!

    RispondiElimina
  3. maddai, anche tu con i simpson stamattina? a proposito di cucina d'alta classe, ma domenica a pranzo siete da noi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai siamo in simbiosi! ah ah ah!
      domenica? o perbacco. mi relaziono immediatamente con la bionda!

      Elimina
    2. Posso venire anch'io? Mi metto in un angolo ad osservare e ad ascoltare...faccio il guardascoltone ;-)))

      Elimina
    3. OH! Fate pure come se non esistessi, eh! :-)

      Elimina
  4. uh che invidia!
    voglio fare lo chef anche io, doh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando diventi chef fammelo sapere, che vengo a provarti. :)

      Elimina
    2. tu nemmeno immagini quanto potente sia questa affermazione.
      o forse sì, per quello l'hai scritta...

      Elimina
    3. ma vengo a "provarti" in quanto chef... :)

      Elimina
    4. (lasciarmi crogiolare nella leggiadra ambiguità no eh...)

      Elimina
  5. Risposte
    1. ho dovuto andare a documentarmi, che io sono anziana, e tutti quei simboli strani mica li conosco! :)

      Elimina
  6. La posata, a suo modo, mi inquieta. Sai io quasi non so allacciarmi le scarpe!

    Comunque, come detto in altra sede, mi incuriosisce. Visto anche, diciamolo (!), i prezzi molto più accessibili rispetto a un Bottura (ti amo) o a un Cracco (sei figo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La posata inquietava parecchio anche la bionda. Io personalmente avrei azzardato i rebbi un po' più lunghi, ma se Schönhuber Franchi l'ha realizzata così, ci sarà un motivo. Oppure no. Fa lo stesso. :)

      Elimina
    2. ma schönhuber è il nome?

      Elimina
    3. Perchè no? Non è nemmeno terribile, fra l'altro. E te lo dice una che se si fosse mai riprodotta avrebbe chiamato sua figlia Antiniska. O Magenta.

      Elimina
    4. ho come un déjà vu, mi sa che ne avevamo già scritto. ma d'altra parte qui girano un sacco di gggiovani che si sono persi queste perle del passato e vuoi negargliele? eccola: ma magenta come il comune dell'hinterland milanese o come la cameriera del rocky horror show?

      Elimina
    5. oh, sì, sicuramente ne avevamo già discusso.
      Comunque magenta come la cameriera del RH. E lo so cosa stai per chiedermi. No, se avessi avuto un maschio non lo avrei chiamato RiffRaff.

      Elimina
    6. peccato, perché non lo trovo brutto per niente. ed è pure doppiamente cinematografico. e antiniska come la nemour?

      Elimina
    7. giusto per completare la vagonata di cazzi altrui, come mai?

      Elimina
    8. se ti dicessi che non me lo ricordo?

      Elimina
    9. la vecchiaia incombe

      Elimina
    10. uh, hai voglia se incombe.

      Elimina
    11. ecco cosa succede quando guardi certi film.
      io mia figlia l'avrei chiamata al massimo Leia Organa.

      Elimina
    12. mi stai dicendo che Leia Organa è meglio di Magenta? :)

      Elimina
    13. no, ti sto dicendo che la mia lista di nomi è molto più limitata.

      Elimina
  7. la forchetta mi preoccupa un tantino...ma sbavvvvv alla cipolla caramellata se giuri che non è rimasta con te per ore e ore e ore..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sposa, è rimasta con me anche troppo poco. Che a saperlo ne ordinavo due!!!

      Elimina
  8. Al pensiero della cipolla caramellata, mi scende la bavetta............

    RispondiElimina
  9. lavoro a cornaredo e ci sono stata 3 o 4 volte. Conosco locali meno famosi dove ho mangiato meglio. Tanti. Lui è un genio del marketing, si è creato attorno tutto sto alone ma quando ho rifiutato la cipolla carammellata, che sarà anche buonissima ma ho preferito mangiare altro perchè ero appena tornata dalla danimarca dove la cipolla è ovunque, ebbene a quel punto lui l'Oldani mi ha fatto una piazzata allucinante. E ha detto a tutte le mie amiche che non dovevano farmela assaggiare. Mah.
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura? beh, credo che in un caso simile il mio giudizio sarebbe stato molto meno positivo.

      Elimina
    2. giuro!!! : ) baci comunque poi ci sono tornata perchè alla fine è davvero vicino e a pranzo costa meno per cui diventa davvero una pausa diversa e godibile. Sandra

      Elimina
    3. ah, ma non ho alcun motivo per non crederti, ci mancherebbe! :)
      Comunque la formula pranzo ha un prezzo davvero ridicolo. Con quella cifra (€ 11.50) qua attorno al mio ufficio riesci a mangiare in un bar triste, o al massimo al ristorante cinese!
      (al cinese anche con meno, in effetti)

      Elimina
    4. 11.50 €? urca! a proposito, ricordami di ricordarti che ti devo parlare di una cosa (non devo chiederti dei soldi, giuro ;) )

      Elimina
    5. ok. ma quando devo iniziare a ricordarmi di ricordartelo? e ogni quanto? non puoi scrivermi su uazzapp ora subito adesso, ad esempio? che lo sai che sono ansiosa! :)

      Elimina
  10. Oddeo...la cipolla caramellata ha un aspetto ... goloso! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, io l'ho adorata dal primo boccone! :)

      Elimina
  11. Me lo segno!!! Ti dirò, lui come personaggio mi sta un pelìn sulle balle, ma se il rapporto prezzo/comesimangia è così invitante...
    Io di posti fighi fighi ne ho frequentati pochi (altrochè Chiara Maci, cresciuta tra osterie demerda e stellati Michelin, io solo le prime) e tutti nei dintorni qua...
    Mi son commossa due volte: Da Perbellini, che a momenti mi mangio anche lui e a Villa del Quar, quando c'era ancora Barbieri. Ecco, lì ho mangiato in modo incredibile. ça va sans dire che non ho pagato nè l'una nè l'altra volta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, lui effettivamente il premio simpatia non se lo merita, ma in fondo nemmeno io, quindi direi che siam pari, con la differenza che lui sa cucinare, e io no. E scusa se è poco.
      Poi, in linea di massima mi girano sempre un po' le balle a spendere cifre assurde per mangiare, ma, al grido di "morta io morti tutti", quando posso qualche sfizio me lo tolgo.

      Elimina
  12. cipolla caramellata?
    d'oh, fame!

    RispondiElimina
  13. Mi limito a sbavare elegantemente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libby, fra l'altro sbavare con eleganza dev'essere parecchio difficile! :)

      Elimina
  14. solo a leggere della cipolla caramellata già credo che mi si riproporrà tutta stanotte ...sindrome da Masterchef?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, credimi, quella cipolla non si è riproposta nemmeno mezza volta per sbaglio!
      E nessuna sindrome da masterchef, lì bisogna saper cucinare, mentre io sono bravissima a mangiare quello che cucinano gli altri! :)

      Elimina
  15. Cipolla caramellata!? E a me che sembrava impossibile il gelato fritto!

    RispondiElimina