7 aprile 2011

il sonno dei giusti

E tu hai sbagliato.
Perchè ieri sera hai bevuto un caffè, dopo cena.
Sei andata a dormire, come sempre.
Come sempre ti sei addormentata, ma faticando un po’.
Poi, ad un tratto spalanchi gli occhi. Sai che è ancora TROPPO presto, e guardi l’ora sul cellulare: 2.48.
Se non fosse che non vuoi disturbare il sonno di tua madre ti alzeresti per andare a fumare una sigaretta in veranda. Pensi anche di uscire a fare un giro in bicicletta. Accantoni immediatamente l’idea e pensi di prenotare una visita da un neuropsichiatra.
Inizi a pensare alla prossima bolletta del metano. L’ipotesi del neuropsichiatra si fa spazio.
Pensi ai tuoi ex fidanzati. Non ti ricordi come si chiamava Joe, se Gialunca, Gianfranco o Giancarlo. Sti cazzi, quanto lo amavi, eh? Del resto è stato l’unico che hai lasciato tu. La notte di Natale. Solitamente succede il contrario, ma lui, Giancoso, un giorno ti diede uno schiaffo.
Riguardi l’ora: 3.31. Ti fanno ancora male i quadricipiti femorali, o meglio, ti fa male la zona in cui quelli che hanno i muscoli hanno i quadricipiti femorali. Non hai certezze in merito.
Assumi la posizione a stella prona, ma ti vengono i crampi alle dita dei piedi. Stella supina. Non ti soddisfa.
Pensi che potresti far scattare l’opzione “C” (ti tocchi). Inizi ad accarezzarti: ti rendi conto che al tuo confronto il deserto di Atacama è una zona umida e decidi che non è cosa.
Ascolti il silenzio. Non si sentono nemmeno le auto in autostrada.
Dopo un po’ senti un rumore. Pensi che i Gremlis ti abbiano invaso il salotto. Invece è tua madre che russa.
Sai già che domattina, quando le chiederai se ha dormito, ti risponderà: “eh, mica tanto!”.
Alle 4.15 il gatto si presenta alla porta della tua camera per entrare in casa. Scendi dal letto, apri, guardi il cielo. Ci sono le stelle.
Il gatto ispeziona casa e poi, miagolando, sale sul letto. Ti cammina un po’ addosso e poi si sistema dietro le tue gambe.
Finalmente riesci a prendere sonno.
Suona la sveglia. Il gatto si alza. Tu pure, ma soltanto perchè devi.
Accendi la macchina del caffè, prepari la colazione a tua madre. Bevi il caffè, apri le finestre ed esci in veranda. Fumi una sigaretta e guardi il melo fiorito. Pensi che fino a qualche tempo fa ti sarebbe venuta voglia di scattare una foto.
Ma oggi non sei sicura di sapere quello che vuoi.

22 commenti:

  1. Urca che notte difficile!

    RispondiElimina
  2. caffè prima di andare dormire, errore gravissssssssimo!!!

    RispondiElimina
  3. oh ragazza, è primavera...per favore!!!

    RispondiElimina
  4. @only: che c'è?
    mi hai chiamato ragazza? la prossima volta che ci vediamo ricordamelo, che ti bacio! :)
    lo so che è primavera, altrimenti non avrei potuto vedere il melo in fiore! :)

    RispondiElimina
  5. io mi dopo di melatonina...e cazzeggio su facebook...

    RispondiElimina
  6. che brutta roba non riuscire a dormire... uff... sono in coma pure io stamattina...

    RispondiElimina
  7. oh, ma la melatonina fa davvero qualcosa? perchè sono anni che dico "adesso la provo"... ma, come sempre, rimando!

    RispondiElimina
  8. è un senso di vuoto e di senza tempo. sei lì e nemmeno sai perchè e magari non c'è nessuna ragione perchè per esserci non servono ragioni. il neuropsichiatra non serve, meglio sarebbe un esorcista ma è dura trovarne uno :))) (quelli scarsamente dotati di intelligenza e sensibilità nemmeno sanno di cosa parli... per loro è insonnia in realtà è ben altro) un bacio D.
    (Patrizia)

    RispondiElimina
  9. se vuoi ti do una pala...

    RispondiElimina
  10. a me in questo periodo invece succede che chiudo gli occhi e cado in un buco nero.
    quando mi risveglio, di solito due minuti prima che suoni la sveglia, mi dico "oh no, un'altra giornata!!"...

    RispondiElimina
  11. @pat: a dire il vero io lo so il perchè! colpa del caffè! ;)

    @ony: grazie, ma... cosa ci dovrei fare, con la pala?

    RispondiElimina
  12. scavare una fossa... poi decidi tu se piantarci un altro melo da veder fiorire la prossima primavera oppure se buttartici dentro... ( a volte sei veramente troppo politically correct ;)

    RispondiElimina
  13. @semper: quando non bevo il caffè dopo cena funziono allo stesso modo! :)

    @only: oggi più che politically correct sono soltanto un po' invornita... poi mi passa, eh?

    RispondiElimina
  14. ah ecco... e io che pensavo.....

    RispondiElimina
  15. a me pare di si, ma son facilmente suggestionabile...visto che se bevo un caffè dopo le cinque c'ho l'occhio sbarrato poi...

    RispondiElimina
  16. @ragno... sono ancora sveglia. Aspetto di andare al cinema stasera. poi inizio a russare! :)

    RispondiElimina
  17. Notte insonne con stelle e melo in fiore e un deserto di Atac'ama umido. Forse un po' ne valeva la pena.
    Comunque la melatonina non serve a un cazzo.

    RispondiElimina
  18. BUH! TI HO VISTA SAI CHE SONNECCHIAVI!

    RispondiElimina
  19. Only, non farlo più sai? che c'ho (oltre a un'età) la pressione alta! ;)

    RispondiElimina
  20. Miiiii, insonnia e pressione alta! Se mi dici che c'hai pure la secchezza delle fauci, ti suggerisco l'eutanasia... :-)

    Come sta andando il week-end? :-)

    RispondiElimina