19 aprile 2011

Andare a piedi fino a dove non senti dolore solo per capire se sai ancora camminare. Sono le gambe piene di lividi, sono pensieri sempre più ruvidi.

Un lunedì sera come tanti, come tutti.
A casa dopo il massaggio. Ceni con tua madre quasi senza parlare, che ti sei stancata di sentire monosillabi come risposte.
Hai appena scoperto che il 2 giugno hai “vinto” il ponte e non sai cosa fartene, perchè quattro giorni in questa casa farebbero stramazzare un toro. Ma tu non sei un toro (e purtroppo non sei più nemmeno tanto vacca) e già sai che tornerai in ufficio stropicciata come uno straccio.
Nel frattempo muore il lampadario della cucina. Con la sola imposizione delle mani non ottieni alcun apprezzabile risultato, e desisti. Che essere fulminati va bene, ma solo in senso metaforico.
Mandi una mail lagnosa, mentre il tg continua a spargere informazioni.
Una notizia ti colpisce: la morte di Pietro Ferrero, ceo dell’omonimo gruppo. Stava percorrendo la strada che collega Città del Capo a Hout Bay, in Sudafrica. In bicicletta. Un allenamento defaticante, dicono al tg. Ti verrebbe da pensare che, se esistesse un Dio, avrebbe davvero uno strano senso dell’umorismo. Ma la cosa che ti colpisce, fondamentalmente, è che Pietro Ferrero aveva la tua età. E ti chiedi se tutto questo abbia un senso.

10 commenti:

  1. Pietro Ferrero aveva 48 anni. Ma tu lo sai che dalla foto che hai postato qualche giorno fa te ne davo come minimo 10 di meno?
    Sicura di essere coetanea?

    RispondiElimina
  2. in effetti no. lui è del 63, io del 64. ma insomma... e la foto di qualche giorno fa è effettivamente di 10 anni fa. Vedi che quadra tutto? :)

    RispondiElimina
  3. non ha mai un senso. poco tempo fa' è venuta a mancare un'amica: stava bene, correva e poi..
    e poi chi lo sa' cosa succede?
    ce ne andiamo.
    speriamo solo di andare in un bel posto, non troppo lontano.

    RispondiElimina
  4. lo so bene, però ogni tanto ci resto male lo stesso.
    un bel posto? se ti piace la terra non c'è niente di meglio. io poi abito a 500 metri dal cimitero... direi che è abbastanza vicino, no? ;)

    RispondiElimina
  5. mah, se potessi scegliere, cioè si che posso, ma poi chissà come disporrà chi verrà dopo di me, io vorrei essere cremata e sepolta in giardino, sotto una bella aiuola fiorita.
    ti dice male?

    RispondiElimina
  6. in effetti così torna tutto

    RispondiElimina
  7. @Semper: potendo scegliere mi farei cremare pure io. e vorrei che le ceneri venissero disperse nella baia di sidney. adesso mi organizzo ;)

    RispondiElimina
  8. ossignur, ma una roba meno complicata no? :DD

    RispondiElimina
  9. @semper: dici che è un po' troppo pretenzioso pretendere che qualcuno si spari 22/24 ore di aereo per esaudire le mie ultime volontà? mannaggia, che delusione! ;)

    RispondiElimina