24 luglio 2018

Scozia 2018 - la partenza (e l'arrivo, ecc.ecc.)

Siamo partite lunedì (2 luglio) perché i voli della domenica erano troppo cari. Se sei low cost e poi mi costi più di BA tanto vale, no?

Il nostro volo è partito in orario, e altrettanto in orario siamo arrivate ad Edimburgo. Peccato che poi abbiamo perso tempo al controllo passaporti. Manco questi fossero usciti dall'Europa. Ah no, aspetta, effettivamente, per quanto gli scozzesi non ne avessero intenzione, sono effettivamente usciti dall'Europa. Dopo un po' di coda siamo finalmente uscite dall'aeroporto. Per ritirare l'auto a noleggio devi camminare, camminare, camminare, camminare e arrivare in un edificio dove sono raggruppate tutti i banchi delle compagnie. Data l'ora (erano le 8 di sera) non c'era molta gente.

A dire il vero non c'era molta gente nemmeno al banco della nostra compagnia, drammaticamente deserto. Però c'era una giacca appesa allo schienale della sedia, e questo ci ha fatto ben sperare. Infatti dopo un po' è arrivato l'impiegato, che dopo avermi "prelevato" una paccata di soldi dalla carta di credito per parcheggiarli nel limbo delle cauzioni, ci ha dato le chiavi e ci ha detto dove ritirare l'auto. 
Ci è capitata una VW Polo nera, nuovissima e comoda. 
Mi sono seduta al posto di guida e ho iniziato a prendere confidenza con quella scatoletta assemblata al contrario.
Per fortuna per uscire dal parcheggio c'è il senso unico, quindi, anche volendo, non puoi fare grandi cazzate. 
Abbiamo seguito le indicazioni (grazie alla signorina di google maps, che ci ha fatto arrivare sempre dappertutto senza quasi mai sbagliare) e ci siamo messe sulla strada verso la nostra prima tappa, Dundee, dove passeremo due notti. 
La strada da Edimburgo a Dundee è a tre corsie, il traffico era nullo e per fortuna in questa stagione è chiaro fino a tardi, quindi il primo viaggio "contromano" è andato bene. 
Il nostro hotel (vedi freccia) è in una posizione perfetta, alla fine del Tay Road Bridge, che, con le sue 42 campate,  attraversa l'estuario del fiume Tay tra Dundee e Newport-on-Tay ed è lungo 2250 metri. Dopo aver preso possesso della camera, da cui si gode una bella vista sul ponte, visto che sono passate le 9, scendiamo alla ricerca di un luogo in cui cenare. 
Po.ve.re. il.lu.se.
Dietro l'hotel abbiamo visto un ristorante cinese quando abbiamo parcheggiato. Quando siamo scese era chiuso. Di altri ristoranti nelle vicinanze nemmeno l'ombra. Dopo aver scartato un kebabbaro scrauso (io il kebab lo mangio solo in Turchia, che ci volete fare? Sono snob) e dopo essere state rimbalzate da un paio di pub della zona, al grido "la cucina ha chiuso alle sette e mezza", oltre ad esserci indignate un po' perché - al limite - alle sette è mezza la cucina APRE, abbiamo capito che le probabilità di cenare diminuivano drammaticamente. 
Ve la faccio breve: abbiamo cenato sedute sul letto della nostra camera, con due tramezzini comprati da Tesco. Che - sempre perchè era TARDI - non ci ha venduto nemmeno una bottiglia di birra. 
Allora, io lo so che nei paesi anglosassoni hanno l'abitudine di cenare presto, ci era capitata una cosa del genere anche ad Adelaide. Lo so e mi adeguo (per forza di cose, altrimenti digiuno).
Ma porca paletta, perché un pub non è in grado di farti nemmeno un panino? Un panino, non uno Chateaubriand di tonno in crosta di pistacchi!!! 
Però il tramezzino di Tesco con salmone e creme fraiche era davvero molto buono. 



8 commenti:

  1. Sette e mezza è proprio un po' prestino, e non sapevo che al pub non ti fanno neanche un panino dopo quell'ora. Sono orari davvero improbabili, credo che non mi ci abituerei mai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più straniante poi è il fatto che in questa stagione è chiaro fino alle 11 di sera, con tutta sta luce potrebbero "allungare" un po' i tempi, no? In certi posti puoi cenare dalle 5, quando per me è quasi presto per la prima birra! :)

      Elimina
  2. Effettivamente è troppo presto, già un po' di problemi ebbi in Romagna nel cenare alle sette e mezza, ma almeno lì era ancora tutto aperto alle 11 ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'orario della cena è davvero un grosso ostacolo. Fai conto che anche nei ristoranti di città più grandi dopo le 9 non entri da nessuna parte!

      Elimina
  3. Grazie per aver risposto ai miei dubbi sulla guida, anche se in un futuro farò guidare il giovine, abituato ormai a questo ruolo in ogni vacanza, per il bene di entrambi :)
    Ma, davero davero la cucina chiude a quell'ora? Ti credo che hanno la fama di ubriaconi se non possono più "inzuppare" l'alcool con del cibo... pazzi.
    In ogni caso, mi/ci capita ad ogni viaggio di mangiare almeno una sera in stanza con panini da supermercato, vuoi per la stanchezza, vuoi per l'orario, vuoi che ormai a questa tradizione ci siamo affezionati.

    RispondiElimina
  4. Ma davero davero si, una tristezza! È comunque è incredibile quanto bevano! Una sera noi non avevamo ancora finito la nostra pinta è il ragazzo seduto di fianco a noi era arrivato alla quarta!!!

    Prego! In effetti c'è da considerare anche che - con l'auto a noleggio - il guidatore unico costa molto meno! Se il giovine, come me, si presta, si risparmia qualcosa! Dato che a me piace guidare, io guido e sua Bionditudine fa il navigatore!

    RispondiElimina
  5. Eh l'avevo sentita questa del cena presto o muori d'inedia, riguardo alla Scozia… aspetto le prossime puntate con racconti horror sull'haggis e compagnia bella XD
    E foto di scozzesi rosci fighi mi raccomando(ho un debole sia per gli scozzesi che per i ginger in genere…)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm... mi toccherà deluderti, non ho assaggiato l'haggis e non ho fotografato scozzesi fighi... cioè, non ho proprio fotografato scozzesi tout court! :)

      Elimina