8 novembre 2010

Last night

“non pensavo sarebbe successo…”
“neanche la seconda volta?”


Come suggerisce il titolo, succede tutto in una notte (è per questo che hanno riesumato Griffin Dunne?). Joanna è sposata con Michael e, ad una cena di lavoro a cui partecipa conosce l’attraente Laura, nuova collega del marito e, sospettando le peggio cose, rientrati a casa fa una scenata all’inconsapevole Michael, che, anche se visibilmente attratto da Laura, non se ne era ancora reso conto. Il destino vuole che i due debbano partire il giorno dopo per un viaggio di lavoro a Philadelphia, mentre la povera Joanna rimane a casa coi suoi dubbi. Uscendo per un caffè si imbatte in Alex, ex mai dimenticato che vive a Parigi. Escono a cena, e il feeling fra i due è sempre più palpabile, mentre a Philadelphia il buon Michael di palpabile si deve “accontentare” di Laura... ma, divorato dal senso di colpa, decide di anticipare il ritorno a casa, dove trova una Joanna in lacrime, perchè Alex è appena ripartito.
Il film non giudica e non prende posizione, lasciando che sia lo spettatore a farlo. E, dopo che io e sua bionditudine abbiamo stabilito che per noi è molto più “colpevole” Joanna di Michael, abbiamo anche sentenziato che Eva Mendes ci piace molto di più di Kiera Knightley.

Nessun commento:

Posta un commento