24 giugno 2014

Ricapitolando. Vietnam fai da te.

Come avevo già avuto modo di dire un po' di tempo fa, se decidete di andare in Vietnam vi occorrerà il visto. Se accettate un consiglio spassionato non fatelo in Italia prima di partire, vi costerà più del doppio (115€ escluse le spese di spedizione del passaporto, a meno che non siate di Torino - Consolato - o Roma - Ambasciata - e vi ci rechiate di persona). Vi conviene richiedere una lettera di invito (Vietnam visa pre-approved letter, in rete si trovano un sacco di agenzie che per pochi dollari ve la manderanno nel giro di 24 ore, io ho usato www.vietnamvisacorp.com, spendendo - in due - $29.80) che vi consentirà, una volta arrivate all'aeroporto di farvi rilasciare il VOA (Visa On Arrival), pagando 45$ in contanti. Il tutto, in termini di tempo, richiede 20/30 minuti, e voi avrete risparmiato, in termini di soldi, una settantina di euri.
Con il vostro bel visto potete mettervi in coda all'immigrazione, e, quando arriverete al ritiro bagagli non dovrete nemmeno aspettare che arrivino, perchè nel frattempo saranno già arrivati e saranno loro ad aspettare voi. 
Per i voli interni, se avete intenzione di farne, affidatevi a Vietnam Airlines, molto più puntuale ed affidabile di quanto non sia VietJet, che, anche se è una compagnia low cost non è poi tanto più economica di V.A., e, oltre a non avere un Bag Drop Counter (annullando in questo modo il vantaggio di aver fatto il chek in online) proverà a farvi pagare il bagaglio anche se, come nel mio caso, era stato già pagato al momento dell'acquisto del biglietto. 
A parte questo, in generale non abbiamo avuto nessun problema con i voli. Sul volo intercontinentale sono anche riuscita a dormire - con l'aiuto della chimica - per ben 4 ore consecutive. C'era una discreta scelta di film e telefilm (comprese tutte le 8 puntate di True Detective) ma non ne ho visto nemmeno uno. I bagagli ci hanno sempre seguito, che l'attesa al nastro trasportatore mi crea sempre un po' di ansia... 
Siamo anche state parecchio fortunate meteorologicamente parlando, abbiamo beccato pioggia soltanto una mezza giornata, ovviamente uno dei due giorni di trekking a Sa Pa, così ho potuto rendermi conto nel giro di 10 minuti che il mio parka impermeabile era tutto chiacchiere e distintivo, e io ero fradicia come se avessi indossato un giubbino fatto con lo scottex casa. 
A dire il vero ha diluviato anche una sera ad Hanoi, ma proprio una roba brutta, con fulmini e tuoni, strade allagate, interi quartieri senza illuminazione e alberi caduti lungo le strade. Per fortuna era la sera in cui io e la bionda avevamo deciso di fare le turiste snob e andare a cena in taxi al ristorante credo più caro di Hanoi, lo Spices Garden, all'interno del Sofitel Metropole. Quindi, mentre dal cielo scendeva tutta l'acqua dell'universo mondo, noi aspettavamo il taxi mollemente adagiate sui divani della hall del nostro hotel. 
L'ultimo acquazzone l'ultimo giorno a Saigon, ma noi avevamo appena varcato l'ingresso dell'Ho Chi Minh City Fine Arts Museum (97 Phó Đức Chính, Nguyễn Thái Bình, ingresso 10.000 vnd, chiuso il lunedì), quindi, anche in questo caso, non ci siamo bagnate. Insomma, possiamo dirlo: abbiamo avuto un gran culo.

Hanoi


Sa Pa
Hoi An

20 commenti:

  1. Risposte
    1. Ah ah ah!
      Allora devo considerarmi fortunata per il fatto che l'aereo sia atterrato nell'aeroporto giusto e l'equipaggio non si sia auto dirottato da un'altra parte? :)

      Elimina
  2. che bello avere un gran culo quando si viaggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guchi, decisamente!
      Un po' di culo non guasta mai, nella vita! :)

      Elimina
  3. Io ora questo Vietnam lo voglio proprio vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È faresti benissimo, sono sicura che te ne innamoreresti! ;)

      Elimina
  4. Sai una cosa???? il Vietnam non è mai stato uno dei posti che avrei in progetto di vedere, come tutti i paesi del Sud Est asiatico... non mi attirerebbero per nulla.... però, però..... ora che ho letto le tue cronache, ho rivisto completamente le mie opinioni...........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura? Mi fa davvero piacere! Il sud-est asiatico a me affascina parecchio, pur avendone visto pochissimo. Spero di riuscire a visitare altri paesi, prima o poi.

      Elimina
    2. Secondo me sono tra le zone più belle del mondo, più facili e anche più economiche da viaggiare.

      Elimina
    3. Ne sono assolutamente convinta, spero di riuscire ad approfondire la conoscenza visitando altri zone...

      Elimina
  5. Intrigante!!!!! ecco la parola che cercavo!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intrigante mi piace parecchio! Di nuovo grazie! :)

      Elimina
  6. Poison, piove più nel ns Piemonte o nel tuo viaggio appena concluso?
    Sheltering.
    n.b. belle le foto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sheltering, qua da me pioveva ieri mattina, ieri pomeriggio ha grandinato per un quarto d'ora con chicchi grossi come noci, oggi pomeriggio ha piovuto un po' e adesso sta di nuovo piovendo.... Direi che a livello pioggia Piemonte batte Vietnam! :)

      Grazie!
      Le foto che ho pubblicato le ho fatte col telefono, devo ancora scaricare quelle fatte con la macchina fotografica, sono curiosa di vedere come sono venute, visto che sono partita senza avee il tempo di leggere le istruzioni! :)

      Elimina
  7. Le foto mi hanno lasciato senza fiato. Chissà dal vivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal vivo è ancora meglio! :)

      Elimina