17 giugno 2013

ho fatto cose, ho visto gente

Il week end con l'ospite, come sempre è volato.
E l'ospite non l'ho nemmeno ospitato io.
Ma non è colpa mia se io tengo un gatto e lui tiene l'allergia. Oltretutto il mio gatto nel week end è stato più latitante di Matteo Messina Denaro, degnandosi di apparire per cinque minuti al sabato sera, mentre noi stavamo sparando vaccate fotoniche disquisendo sulla caducità delle umane cose comodamente spaparanzati in veranda, con un bicchiere di rum in una mano, e una fetta di torta nell'altra. 
Ma andiamo per ordine.
L'ospite è arrivato giovedì nel tardo pomeriggio, e io l'ho recuperato in stazione. 
Treno puntuale, io pure.
L'ho portato a bere uno spritz cattivissimo. Che se arrivi dal Veneto un po' queste cose le patisci, posso capirlo. Dico solo che il mio spritz è meglio. Il che la dice abbastanza lunga su quanto facesse cagare quello che abbiamo bevuto. 
Siccome non sembra, ma è un signore, non me l'ha nemmeno fatto pesare.
Facile che a quest'ora abbia cancellato il mio numero di telefono, il mio indirizzo e.mail e il contatto what's up dalla sua rubrica, ma questi son dettagli. 
Quindi siamo andati al cinema. 
Il film, di cui ho parlato qui, era brutto. 
Ma non è colpa nostra se l'unica alternativa decente, ovvero questa, lui l'aveva già vista. 
Dopo il film e la pizza, due chiacchiere e ci si vede domani.
Il venerdì lo abbiamo lasciato solo alla scoperta della città, che, dice, gli è piaciuta molto. 
Quindi, avendo scoperto la possibilità di effettuare una visita guidata alla Manifattura Tabacchi, ed essendo amanti dell'architettura industriale (senti quanto fa figo dirlo: architettura industriale) ci siamo detti che si poteva fare.
Recuperato l'uomo ai piedi della Mole, ci siamo diretti alla manifattura.
Luogo assolutamente interessante, non fosse che il nostro concetto di "visita guidata" era diverso da "ritrovo dei partecipanti e poi, dopo due passi, comizio in semicerchio sulla vita delle lavoratrici della fabbrica", con la gente che dopo un po' iniziava a vagare qua e là nell'inutile speranza che l'oratore si spegnesse. Alla fine, alla fatidica frase "ci sono domande?" solitamente uno ha già scoperto tutto quello che voleva sapere, e anche quello che non gli interessava, che si guarda bene dall'aprire bocca.
Ma.
Avevamo sottovalutato la presenza di Furio, l'epidemiologo. 
Che, in un ardito calcolo, ha espresso pressapoco il concetto che, se una sigaraia lavorava X ore e produceva Y sigari, in un giorno di lavoro, data la popolazione cittadina Z di quel periodo, aveva praticamente causato la morte a DUE torinesi. Ma così, a spanne, perché purtroppo non aveva seco il portatile e non poteva azzardare un calcolo più preciso. Spero che il mio vaffanculo gli sia arrivato preciso in mezzo agli occhi. 
Visto che si era fatta una  certa, spostarsi di nuovo in centro per l'aperitivo sembrava inutile, quindi ci siamo fermati in un bar della zona, che offriva un buffet assolutamente valido e un Mojito più che dignitoso. 
Sabato l'allegra comitiva si è spostata a Poisonville, e da lì, dopo un giro della Poison-casa, siamo partiti alla volta del forte di Bard, per vedere la mostra Magnum Contact Sheets.
Peccato che la mostra aprirà soltanto sabato prossimo. Ehm. 
Insomma, ricapitolando: uno spritz cattivo, un brutto film, una visita senza visitare nulla e una mostra che non c'era.
Siamo o non siamo le regine dell'ospitalità? 

28 commenti:

  1. Tenendo anche conto che il letto non era alla sua altezza e, men che meno, alla sua lunghezza; che le pareti della casa erano colorate (da pronunciare con un lieve cicinin di disgusto) e c'erano pure libri di Stephen King sugli scaffali, direi che abbiamo fatto di tutto per farlo sentire un re! ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma, soprattutto, non vogliamo che ci si dica grazie! :)

      Elimina
    2. Infatti, andando via mi ha detto: "sono a credito!" :-))

      Elimina
    3. In credito un paio di palle. Gli abbiamo anche fatto vedere l'uomo uccello. Quando gli ricapita?

      Elimina
    4. Fascino Bard17/06/13, 16:51

      L'uomo uccello...spero mai!!! ;-)))
      Comunque, dettagli a parte, siete le regine dell'ospitalità!! Ah, Poison, non trovo più il tuo numero...ops, neanche il tuo Tiz...lo dico scherzando, ma lo dico...Grazie!! ;-)))

      P.s.: comunque, a me, la mostra "alternativa" al castello di Bard è piaciuta molto e tu, Poison, sei un'antropologa mancata ;-))
      @Tiz: comunque consolati col fatto che andandomene non t'ho rubato neanche un libro ;-)))

      Elimina
    5. Minchia, l'uomo uccello, la prossima controlliamo che sia sempre lì?
      @Fascino: già, te ne sei andato con dei Cd.... :-)))

      Elimina
    6. sono una "mancata" in un sacco di discipline, mi applico per fallire un po' ovunque! :)

      Elimina
    7. "Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio." S. Beckett

      Elimina
    8. Beckett sarebbe orgoglione di me.

      Elimina
  2. io dico che il tuo divano da solo vale la pena di venirci a piedi
    ma io sono di parte perchè t'amo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu pensa che il divano non e stato nemmeno sfiorato!
      Ma parliamo di cose serie, quando torni, tu? :)

      Elimina
    2. noi ci chiedevamo se il torrido agosto potrebbe andare bene, per la bagna cauda già so...

      Elimina
    3. Il torrido agosto può andare bene per la granita siciliana, per l'anguria al chiosco e per le zanzare schierate a presepe, ma per la bagna cauda la vedo un po' dura, ecco!

      Elimina
  3. Minchia, spe' che ti chiedo di ospitarmi Tiz!
    Non avendo problemi di gatti andrei a Poisonville,ma dubito che potrei resistere ad una visita guidata.
    O ad uno Spritz....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il gatto mi ha detto che non ha problemi coi Giocher, quindi si può fare.
      Però anche tu devi farti portare a vedere una mostra una settimana prima della sua apertura, altrimenti non c'è gusto!

      Elimina
    2. Le mostre in fieri sono un non luogo concettualmente intrigante.
      Andata!

      Elimina
    3. @Giocher, non sai che ti perdi... :-))

      Elimina
  4. Senti, ma se ne avessi bisogno potresti ospitare pure me? Perché quel che hai fatto vivere al tuo ospite è un po' il mio sogno nel cassetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, quando vuoi! :)

      Elimina
    2. Quando ti prenderò in parola rimpiangerai di averlo detto :D

      Elimina
    3. Ah ah ah!
      Sono pronta a scommettere! :P

      Elimina
    4. Ok, sto già preparando i bagagli allora :P

      Elimina
  5. Bellissimo il forte Bard. Devo andare a visitarlo prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ti capita, fai un fischio. Sarò felicissima di darti indicazioni su mostre inesistenti! :)

      Elimina
    2. Ora che ci penso, non sono mai stato a Torino. Eppure è a manco un'ora e mezza di macchina da qui.

      Elimina
    3. Dovresti colmare queste lacune.

      Elimina
    4. @Vipero: su, cosa aspetti? Almeno saliamo al forte per la mostra "giusta"! :-))

      Elimina