18 settembre 2012

Do androids dream of electric sheep?

Sono sempre stata la pecora nera della famiglia.
Quella che andava controcorrente, che a 14 anni diceva che non si sarebbe mai sposata e che non avrebbe fatto figli, quella che si faceva i fatti suoi, che alle riunioni di famiglia arrivava con un muso così e non spiccicava parola, quella che rispondeva male, che si vestiva strana, che stava in giro tutta la notte, che non si sapeva mai con chi era, dove e perchè, quella che "ma tua figlia si droga?" Ma parliamone. Avete mai visto un tossico sovrappeso? John Belushi? Ok, niente, come non detto. Comunque no. Non mi sono mai drogata. Pesantemente, almeno.
Poi ultimamente ho scoperto che, forse forse, non ero proprio la peggio.
Mia cugina M. alle prese con una separazione abbastanza antipatica, un po' di tempo fa mi ha detto:
"sai che c'è? che ti hanno sempre criticato tutti, ma alla fine non hai nulla da rimproverarti, mentre io, che sono sempre stata la figlia perfetta, son qua che mando giù merda dalla mattina alla sera! Avrei dovuto fare come te e fregarmene di quello che pensavano gli altri!"
Credo che il punto sia questo. Dell'opinione degli altri non mi è mai interessato un granchè.
Le cose che ho fatto (cazzate comprese) le ho fatte perchè ero io a volerle fare, non perchè lo facevano tutti, andava fatto, si faceva così. E se tornassi indietro, facilmente rifarei tutto, cazzate comprese. Che quelle non ho mai smesso. Bisognerebbe darmi atto della coerenza, se non altro.
Ecco, magari, col famoso senno del poi, quello che non serve a una beata minchia, forse potrei rivedere la mia carriera scolastica, che con la storia dell'è brava ma non si impegna ci ho campato per anni. Quando, se solo mi fossi impegnata un pelo di più, magari adesso avrei un'inutile laurea in architettura nel cassetto e farei la donna delle pulizie alla Triennale. O alla GAM, o al GNAM. Che a me il GNAM fa impazzire. Come acronimo, più che altro.
E a proposito di gnam, uno zio romano, un cugino coatto da curva sud, un capo e amici a fottere, e nessuno di loro mi ha mai fatto assaggiare le coppiette? Ma che, si fa così?
 
 

26 commenti:

  1. ecco, questa volta è il tuo che non ho capito...( solo la parte di assaggiare le coppiette )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' sconclusionata, nevvero?

      Elimina
    2. so che potrei vendicarmi... ma io l'ho capito tutto

      Elimina
    3. ah, ok, ora capii...

      Elimina
  2. quante cose si imparano, carne di asino o cavallo. e io che pensavo alle coppiette e pacciani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si finisce mai di imparare. Io adesso so di avere un impegno concreto: assaggiare le coppiette.

      Elimina
  3. ignoravo l'esistenza della gnam, che non arriva ai vertici del mao ma è notevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me GNAM è semplicemente fantastico.

      Elimina
  4. Per le coppiette: quelle originali sono di cavallo, non solo di maiale come purtroppo si trovano in giro oggi.
    Per il resto mi genufletto ossequioso, principessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, dai, ti prego, alzati. che farsi partire un menisco è un attimo, sai?
      (ecco. che poi non si dica che io non do ai miei lettori l'occasione di toccarsi come e quando vogliono).

      ma io mi chiedo, ma perchè nessuno me le ha mai fatte assaggiare? avrò mica la faccia da vegetariana?

      Elimina
  5. Anch'io se mi fossi impegnata solo un po' di più (che me l'hanno fatta a fette con sta frase) avrei un'inutile laurea in lettere e filosofia.
    Ah, anche di me dicevano che mi drogavo e che ero strana.
    Tutta gente che ha capito una sega!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anfatti.
      fossero mai andati a dire a mia madre: "ma che, per caso tua figlia è un po' zoccola?" avrei anche potuto capire...

      Elimina
  6. ah, avevano già specificato sul tipo di carne delle coppiette. sorry.
    comunque sono belle piccanti, sapevatevelo. E buonissime, ovvio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco. no, ma grazie.
      insisti pure, eh? ;)

      Elimina
    2. Vuoi dire che dalle tue parti non fanno, ogni tanto, una degustazione di prodotti regionali tipici?
      Le megacatene grande distribuzione organizzata ne allestiscono, di solito.
      Sennò la prossima volta che transiti dalle parti "daah maggica" fai un sarto a'Ariccia, t'accomodi sotto a 'na fraschetta e te toji lo sfizio.
      Ricorda: tutta la carne essiccata, in genere, non vuole l'acqua. Solo le coppiette esigono che si accompagnino col vino.

      Elimina
    3. eh, sì, fanno. ma non ricordo degustazioni di prodotti laziali.
      E' che purtroppo a Roma ci vado sempre molto meno di quanto vorrei, e ogni volta accumulo sfizi a catafottere, e non riesco mai a fare tutto quello che vorrei.

      Figliolo, io ti perdono SOLTANTO perchè mi leggi da poco. Ti sembro una che possa bere acqua????

      Elimina
  7. co le coppiette mi mandi a nozze (la cosa sembra complicarsi)...! la prossima volta che capiti da queste parti chiedi prima al sottoscritto :) un saluto e un inchino alla tua filosofia di vita (sono di parte l'ho seguita alla lettera anch'io)

    RispondiElimina
  8. Vedi gli strani percorsi della vita? A me hanno sempre dato del bravo ragazzo, a scuola ero un mezzo secchione, mi son preso pure la laurea, eppure nemmeno io sapevo cos'erano le coppiette!
    E adesso che lo so, vivo male...

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. E pensare che finchè c'era mia zia scendevo un paio di volte l'anno... quanto mi manca.

      Elimina
  10. La coppietta non è sta leccornia.
    Io posso dirlo, sono del loco...
    Eppoi...onore a tu cugino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma la curiosità è femmina! Pure io posso dire che la bagna cauda non è l'ottavameraviglia della cucina piemontese, ma tutti gli "stranieri" in visita la vogliono assaggiare!
      Mio cuggino mio cuggino? E non per il fatto che fosse coatto, suppongo! :)

      Elimina