8 aprile 2015

Chi si sorprende della tortura fa sempre il gioco dei torturatori

a noi basta la macelleria messicana.

21 commenti:

  1. Mi piacerebbe avere qualcosa di intelligente da dire, ma mi viene solo qualcosa tipo, ma come, io lo sapevo da anni, tanto ci avete messo a capirlo anche voi, che ci fu tortura alla Diaz?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, qualcosa di intelligente da dire non è venuto in mente nemmeno al SAP, che afferma che "parlare di tortura è esagerato"... :(

      Elimina
  2. Ho appena finito di leggere un articolo su Repubblica (riguardo le dichiarazioni del SAP) e un articolo su L'Internazionale che è un pugno nello stomaco. Un po' come il film di Daniele Vicari, per intenderci.

    Quell'anno ero a Genova anche io. Avevo 18 anni. Sai, le prime vere ribellioni da maggiorenne. Per puro caso non ho dormito lì. Per puro caso ho preso un treno e sono tornata a casa quella notte. Continuo a dirmelo ogni volta che se ne parla. Per puro caso. Ed è stranissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è chiara quella sensazione di "stranissimo", situazione diversa, ma io - per caso - ero a Bologna il primo agosto del 1980 e non il 2.
      Le dichiarazioni del SAP sono l'ennesima conferma al fatto che un bel tacer non fu mai scritto.

      Elimina
    2. Vittime (fortunate) del caso.
      Tremendo.

      Elimina
  3. Ho letto l'articolo del manifesto, mi rendo conto che, politicamente, l'Italia è uno stato che fa paura.
    Serve una legge che condanni la tortura, e serve subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma no, con calma, che bisogno c'è di farla subito?
      dai fatti di Genova son passati appena 14 anni... mica abbiamo fretta!

      Elimina
    2. Esatto. E pooi c'è la prescrizione, di che ci preoccupiamo?

      Elimina
    3. Che tristezza e che rabbia!

      Elimina
  4. Ne ho sentite e lette tante di cagaDe dopo questa decisione a scoppio ritardato che ogni ulteriore mio commento sarebbe superfluo. Che vergogna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che vergogna riassume bene, in compenso.

      Elimina
  5. Oggi e dico solo OGGI, alla Camera si dibatte il tema della legge sulla tortura.
    Ci siamo arenati per anni sull'essenza della parola: ovvero se dovevano essere condannati per tale reato solo i "portatori" di divisa o allargare l'orizzonte a tutti. Premesso che chi indossa una divisa ha un'aggravante mica da ridere nel caso, penso che tutti siano "possibili" torturatori e quindi condannabili per il reato, se lo commettono.
    Ora sembra che la cosa si sia sbloccata: riguarda tutti. Chi commette il reato indossando una divisa avrà l'aggravante e più pena da scontare.
    Ma siamo sempre i soliti o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo sempre i soliti, sì: ci piace mantenere elevati standard di bassezza.

      Elimina
  6. Vediamo se i nostri governanti (nostri per modo di dire), che ad ogni imposizione europea ci bastonano economicamente, non ascolteranno una sentenza che dall'Europa. Tardi, tardissimo, ma meglio tardi che mai, credo sia un detto perfetto per la nostra povera patria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non l'ascoltassimo (ascoltassero?) io non mi stupirei. Tu?

      Elimina
  7. Ce l'ha dovuto dire l'Europa che fu tortura, e ancora mica si sono convinti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, metti che si siano confusi...

      Elimina
  8. ieri sera sky ci ha riproposto il film, che ho visto (come la volta precedente) trattenendo il fiato. Dalla rabbia, dalla tristezza e dalla vergogna. E poi che dopo 14 anni qualcuno ci dica che fu tortura mi sembra un'ulteriore violenza. Ma siamo in italia e ci si scalda solo per le partite di pallone

    RispondiElimina