11 novembre 2013

Abbiamo un programma

Che fatica.
Tutti gli anni stendere il programma del TFF è un lavoro (infatti lo faccio in ufficio, ma io questo non l'ho mai detto).
Quest'anno è stato particolarmente difficile e a tratti anche fastidioso, per alcuni inspiegabili "buchi" di programmazione.
Perché, caro il mio Virzì, non discuto sulla qualità del programma, chi sono io per farlo, dopotutto. Sicuramente ci sono un sacco di titoli che sulla carta sembrano interessanti (sulla carta anche quella merda di Tony Manero sembrava interessante, e non aggiungo altro), la retrospettiva New Hollywood è sicuramente interessante, ecc. ecc.
Ma.
A parte che per riempire degli spazi vuoti ho inserito nel (mio) programma dei film che mi interessano davvero poco, tipo Le démantèlement, A woman and war e Prince Avalanche (che sarà anche diretto da David Gordon Green, ma non è altro che il remake - e io non sopporto i remake in generale - di Either Way film islandese di Hafsteinn Gunnar Sigurðsson che io vidi al TFF di due anni fa, e che il TFF lo vinse addirittura), con protagonista Emile Hirsch, che a me sta anche un po' sulle palle, ma l'alternativa, conoscendomi, è vagare indisturbata per le vie cittadine strisciando la carta di credito in negozi vari ed eventuali: non è cosa, soprattutto non potendo dedicarmi alla mia attività preferita, ovvero comprare scarpe coi tacchi. 
Altra cosa mai successa, in 30 anni di festival, mercoledì sera non c'è UN film che sia UNO che io voglia vedere. Nemmeno sforzandomi. Ovvio che non succede niente, e io posso tranquillamente andare a casa e andare a dormire dopo il tg. Ma mi sembra davvero tanto tanto strano. 
Soprattutto perché ci sono altri film che invece non riesco a vedere perché inevitabilmente si accavallano con altre proiezioni a cui non voglio rinunciare. 
Insomma, Virzì, l'anno prossimo, se saremo ancora tutti qui, chiamaci, e il programma te lo mettiamo giù noi.


22 commenti:

  1. esagerata! comunque io voglio vedere Lfo. e anche Luton. e Scenari di oggi sul nostro domani odierno giapponese. uffa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma "scenari di oggi sul nostro domani odierno giapponese" è un titolo?
      Posso dire che è un titolo da snob? :)

      Luton? che è luton?

      Elimina
    2. Mai contenta :-O

      Elimina
    3. eh, lo so. e più divento vecchia e più divento incontentabile. :)

      Elimina
    4. Luton è un film greco. Sceneries of knowthecock è un titolo che non mi entra in testa. ed è una storia d'ammmore giapu

      Elimina
    5. Sì. Luton l'ho trovato. L'altro non ancora, ma immagino esista...

      Elimina
    6. Sceneries lo danno sabato, venerdì e sabato

      Elimina
    7. Ormai ho fatto. Indietro non si torna. :)

      Elimina
    8. secondo me la lettura del mio programma ti illuminerà ;)

      Elimina
    9. Sicuramente sarà troppo snob, per i miei umili gusti proletari... :)

      Elimina
    10. come diciamo noi piemontesi, fatti furba

      Elimina
    11. di più? sai che preferisco mantenere un basso profilo, per non strafare.. :)

      Elimina
    12. Comunque, se ti può consolare, Le démantèlement sembra sia carino! :-)

      Elimina
    13. @Tiz: il regista è lo stesso di "Le vendeur", non so se te lo ricordi...

      Elimina
    14. Ricordo un uomo triste, tanta neve, delle auto e un senso leggero ma persistente di noia, ma non una vera sòla, magari questo è meglio, coraggio! :-))

      Elimina
    15. tanta neve. pure troppa. ricordo anche un'alce morta. o era una renna?
      (ecco. adesso mi è venuto in mente Verdone: "sò du' cervi!")

      Elimina
  2. correggimi se sbaglio: Torino Film Festival? tre anni fa fu presentato Third star, quello era davvero un bel film (secondo il mio onesto parere) ma l'ho trovato solo in lingua originale, peccato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!
      Thirst star credo di essermelo perso, purtroppo scegliere diventa complicato, a scatola chiusa, e molti film che meritano non vengono mai distribuiti...

      Elimina
  3. non vedo l'ora di leggermi le recensioni io (che sono troppo pigra pure per il cinema)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cinema - per quanto mi riguarda - è una delle poche cose che riesce ancora a vincere sulla pigrizia...

      Elimina
  4. Se è stata una fatica fare il tuo, che sei in ferie, pensa al mio, con solo DUE giorni di ferie! :-D
    Il vantaggio è che Mercoledì sera io ho due film in programma e guai a chi me li tocca, concordo però sul programma, mal fatto! E' mai possibile che Sabato 23 mattina non ci sia che un film che inizia alle 9??? E che manco vorrei vedere, l'ho messo per non lasciare buchi? Che Sabato 30, dopo il film su Battiato che inizia alle 21,30 e dura 70' non ci fosse spazio per altro? Che non riesca a piazzare Ugly da nessuna parte? E potrei continuare ancora, ma passerei per invasata.
    Lo sono già? Ehm..... Chissene, se becco Virzì gliene dico quattro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma infatti. E' uno scandalo, signora mia! :)

      Elimina