23 luglio 2013

Zack & Miri make a porno

Ovviamente mi rifiuto di riportare il solito terrificante titolo italiano, che davvero non ne posso più.
Anche perché, per tutta una serie di motivi, a partire dai giochi di parole sicuramente intraducibili, questo è un film che va assolutamente visto in lingua originale, quindi il problema nemmeno sussiste.
La regia è di Kevin Smith, amato dalla sottoscritta dai tempi di Clerks, uno dei miei personalissimi cult di tutti i tempi, per quanto - a mio parere - anche Dogma, arrivato 5 anni dopo era un film geniale. Adesso aspettiamo che arrivi il 3° capitolo di Clerks, che, si mormora, Smith voglia far uscire l'anno prossimo, a 20 anni esatti dal primo, che era del 1994, e, nel frattempo, siccome stasera rivedrò Seth Rogen sul grande schermo, torniamo indietro di qualche anno. 
Siamo a Pittsburgh, Zack e Miri (Linki) sono due ex compagni di scuola, grandi amici (soltanto amici perché - dicono loro - il sesso complicherebbe l'amicizia. Sarà anche vero - dico io - ma mica sempre, anzi. Chiusa parentesi) e coinquilini per dividere le spese. Ma, fra lavori precari e stipendi insussistenti - arrivano al alla fine del mese senza riuscire a pagare le bollette. Sicuri che troveranno una soluzione, dopo che gli hanno staccato l'acqua, vanno ad una festa di vecchi compagni del liceo. Mentre Miri sta inutilmente tentando di sedurre il suo vecchio compagno Bobby Long, Zack inizia a parlare con Brandon St.Randy, che gli spiega di essere un attore porno, nonché fidanzato di Bobby. 
I due tornano a casa e scoprono che gli è stata staccata anche la luce. 
E a Zack viene un'idea per racimolare qualche dollaro: girare un film porno amatoriale.
Trovata l'attrezzatura, la location, lo "sponsor", parte il casting. E non dico niente, metti mai che ci sia qualcuno che il film ancora non l'ha visto. Quando è tutto pronto per iniziare le riprese e sono anche riusciti ad imbastire una specie di sceneggiatura, la location viene demolita. 
Decidono quindi di trasferire il set nel bar dove lavora Zack (la scena in cui, nel bel mezzo delle riprese entra un tifoso ubriaco ad ordinare un caffè senza accorgersi di nulla ancora un po' e mi provoca le convulsioni) e si arriva al momento in cui i due amici devono - per esigenze di copione - accoppiarsi in favor di telecamera. 
Kevin Smith riesce, in questo modo, a mischiare il porno alla commedia romantica, perché l'amicizia fra Zack e Miri nascondeva ovviamente una grande passione, ma, sebbene sia chiaro a tutti, loro, vuoi per timidezza, vuoi per paura di rovinare tutto continuano a non arrendersi all'evidenza, rischiando davvero di rovinare tutto proprio per questa paura di esternare i loro veri sentimenti. E fra battute più o meno (più più che meno) volgari, timoni olandesi, bolle di sapone, spade laser di guerre stellari rivedute e corrette, arriviamo alla fine del film - anzi, di tutti e due i film, pure il porno - con la consapevolezza che Kevin Smith riesce anche a parlare d'amore. 
Lo fa a modo suo, e a noi piace per questo. 



32 commenti:

  1. Uno dei film della vita per me.
    Lo amo. L'ho amato.
    L'amerò per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccezionale ed esilarante, nella sua semplicità.

      Elimina
  2. Se non fosse che amo alla follia i due Clerks - e che aspetto il terzo -, direi che questo è il miglior Kevin Smith di sempre.
    Volgare ed emozionante, simpatico e passionale.
    Mitico!
    Casa Ford dice sì! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo Clerks è qualcosa di ineguagliabile, secondo me. Capolavoro totale e assoluto. Attendo curiosissima il terzo.
      E comunque anche casa Poison dice sì! ;)

      Elimina
  3. Ho adorato Clerks, non ho visto il 2 e nemmeno Dogma. Comunque voglio recuperare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, DEVI recuperare assolutamente!!!! :)

      Elimina
  4. Ma è uscito in Italia? E perchè non lo abbiamo visto? Il titolo italiano è tremendo, ma il regista ci avrebbe fatto superare lo scoglio, come pure, ahimè, avremmo sopportato il doppiaggio, dunque, soprattutto, qual'è il why, ma anche il beacause? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uscito con un ritardo tipo di 3 anni, ma io sinceramente non ne ho alcuna memoria. Anche perchè, diciamocelo, con quel titolo l'avrò sicuramente ignorato...
      Comunque il dvd dovrei avertelo già passato, perchè l'ha visto anche la bionda.

      Elimina
    2. Si, è tra quella ventina di dvd da vedere.... in più mi sono comprata (3 euro alla bancarella) Rango! (In caso Vipero sia in lettura)

      Elimina
    3. ah ah ah! secondo me quando scopre che lo s-vendevano a tre euro ci rimarrà malissimo. E temo che dovrai proprio prestarmelo, altrimenti mi toglie il saluto! ;)

      Elimina
    4. Te lo porto stasera, tanto ne ho di cose da vedere! E sarà almeno contento, dato che l'ho comprato solo grazie alla sua lieve insistenza!
      ;-)

      Elimina
    5. Perfetto, che io ho esaurito le mie scorte. Devo trovare uno scaricatore più affidabile. Che vita difficile! ;)

      Elimina
    6. Fatti un giro al Venerdì (e talvolta al Martedì) in Pzza Benefica, c'è uno spacciatore di dvd (incellophanati, anche se talvolta provenienti dal noleggio) che ha titoli interessanti! :-D

      Elimina
    7. con la mia merdosa pausa di 45 minuti piazza benefica non è fattibile.

      Elimina
    8. Peccato! Con la mia da 90 minuti è, ahimè, una tentazione fortte fortte fortte!

      Elimina
    9. quando hai finito di girare il coltello nella piaga, saresti così gentile dal lavarlo tu? tanto hai la pausa più lunga! ah ah ah ah ah ;)

      Elimina
    10. Eh, lo laverò volentieri, ma mica ho finito! Su, stasera ti porto qualcosina per rimpolpare le tue visioni, occhio che sono cose che devo vedere, non spoilerare troppo! :-))

      Elimina
    11. Sai che io spoilero solo di fronte alle robe urende! :)
      Lo faccio per il bene del prossimo.

      Elimina
  5. Confermo, da guardare solo in lingua (a proposito, cercati questo film, ha qlc anno ma è geniale: In the Loop - credo che il regista si chiami Armando Iannucci - scozzese ;-) )...Clerks mito intramontabile nonostante il pessimo sequel ;-)...di Smith consiglio anche Red State, imperfetto ma interessante. Au revoir

    RispondiElimina
  6. Dimenticavo...Elizabeth Banks...e ho detto tutto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dovuto gugolarla per capire chi fosse e, una volta vista, l'ho dimenticata all'istante! Mah, i gusti dei Fascino... ;-))

      Elimina
    2. ma no che è tanto caruccia!

      Elimina
    3. Mica ho detto che è brutta! E' che le classiche biondine con i lineamenti fini io le dimentico in un istante netto, ho problemi di fisiognomica!

      Elimina
  7. Li recupero immediatamente ;)

    RispondiElimina
  8. Seth Rogen <3 Kevin Smith <3<3
    Perché non l'ho ancora recuperato questo film rimane un mistero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordando la tua passione per Seth Rogen effettivamente sì, è davvero un mistero! Cosa aspetti? :)

      Elimina
  9. Sono OT: volevo segnalare che dal 29 al 31 esce in sala FEAR AND DESIRE,
    il primo film di Stanley Kubrick (che lui tentò, senza riuscirci, di eliminare dalla faccia della terra perchè lo considerava ingenuo e didascalico: in realtà vedendolo, si può trovare anche su youtube, ma in versioni dalla qualità miserrima, a me è sembrato un buon film...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Sì, ho saputo di questa proiezione, devo ancora decidere se recuperarla o meno...

      Elimina
  10. sai che mi sono rifiutato di vederlo doppiato? ho paura che mi faccia crollare il mito di questo film che è veramente da lacrime agli occhi...vogliamo parlare di come fa le bolle di sapone Traci Lords...mi sono quasi ribaltato sulal poltrona quando l'ho visto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E hai fatto tanto bene. Certi film doppiati non hanno alcun senso...

      Elimina
  11. Adoro Kevin Smith, ho visto tutti i suoi film (belli e brutti), ho pure letto tutti i fumetti che ha sceneggiato, da autentico nerd. Questo film, che in italia è uscito con due anni di ritardo, l'ho visto in lingua originale e poi anche in italiano e devo concordare con te BelDonnino. Come sempre.

    RispondiElimina