15 luglio 2013

Now you see me

Questo film, che io ero davvero curiosa di vedere, potrà piacervi o non piacervi.
Cosa che succede con tutti i film, in fondo.
Ma, consiglio personale, non dite mai che è una puttanata. E se non mi credete, chiedetelo a Common.
A grandi linee - che di certi film non si può dire molto per non svelare il trucco - è la storia di 4 "maghi", ognuno con la propria specializzazione, che tirano a campare in modo più o meno lecito. Fino al giorno in cui ad ognuno di loro viene recapitata una carta dei tarocchi [la papessa, l'eremita, la morte, gli amanti ("3 minuti!")] con un indirizzo di New York e una data sul retro. E, nel giorno indicato, i quattro si ritrovano all'indirizzo stampato sulla carta.
Sono Daniel Atlas, esperto in cartomagia, Merritt McKinney, mentalista/ipnotista, Henley Reeves, escapologa nonche ex assistente di Daniel, e Jack Wilder, mago di strada con attitudine al furto con destrezza.
Li ritroviamo un anno dopo, durante uno spettacolo all'MGM di Las Vegas, sono diventati famosi e si fanno chiamare I Quattro Cavalieri. E, nel numero finale dello show, dopo aver selezionato un'ignaro spettatore del pubblico, rapinano in diretta la sua banca.
A Parigi.
L'FBI inizia a indagare.
A capo dell'indagine c'è il detective Dylan Rhodes, a cui viene affiancata, per l'occasione, la collega francese dell'Interpol Alma Dray.
E, mentre i 4 cavalieri, spostandosi da Las Vegas a New Orleans a New York continuano i loro show in cui il numero finale è sempre una rapina ai danni di qualcuno, Dylan e Alma, aiutati da un vecchio prestigiatore che è passato dall'altra parte della barricata creando un programma in cui smaschera i trucchi dei suoi ex colleghi, continueranno ad indagare, per cercare di capire chi sono veramente i quattro ragazzi, e chi è che li ha ingaggiati per destabilizzare il sistema, in un gioco di incastri e scatole cinesi. 
Dialoghi frizzanti, alcune battute parecchio divertenti, buon ritmo, bravi gli attori.
Verso il finale si ammoscia leggermente, tanto che pure io - che non sarei in grado di capire il più banale dei trucchi nemmeno se me lo spiegasse il coniglio nel cilindro - avevo iniziato ad intuire qualcosa, però, se consideri che siamo a luglio, periodo noto per le uscite cinematografiche scrausissime, far uscire un film come Now You See Me più che un trucco è una magia.
Ma non dite che è una puttanata.



20 commenti:

  1. ma perchè non si può dire che è una puttanata? cioè io il film non l'ho visto ma anche a leggere quello che scrivi non mi sembra una roba serissima...una puttanatina? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè... dovresti vedere il film per capirlo!
      comunque sì, credo che puttanatina si possa dire! :)

      Elimina
    2. In effetti è un film lieve, ma non banale; leggero, ma non stupido; movimentato, ma non fracassone! That's entertainment! In più la sala era piena di gggiovani: maleducati, chiacchieroni e masticanti, ma giovani a cinema... mi pare una bella cosa.
      Se non fosse per quel cavolo di ponte coi lucchetti a Parigi.... :-D

      Elimina
    3. minchia che pubblico devastante.

      Elimina
  2. Non sono sicuro di volerlo vedere. anche se probabilmente lo vedrò lo stesso. Però è vero, questa estate verrà ricordata per l'estate con più uscite interessanti di sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me intrattiene in scioltezza, io e le amiche l'abbiamo visto con piacere.
      A quest'estate però piace anche vincere facile, che la concorrenza delle uscite stagionali del 2013 è stata veramente a livelli bassini... :)

      Elimina
  3. intrattenimento puro. con un altro regista, magari anche migliore nella confezione. comunque io mi sono divertito come un pupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che non è male? :)

      Elimina
    2. yesss. mi aspettavo pochetto, è stata una piccola sorpresa

      Elimina
    3. Quindi quando ti dico le cose tu non mi credi, in buona sostanza! ;)

      Elimina
    4. sono come san tommaso

      Elimina
    5. e poi non mi avevi detto che c'era il meraviglioso naso di Mélanie Laurent. per tacere della piccola cicatrice che ha sopra l'occhio

      Elimina
    6. e mica ti posso dire sempre tutto, non credi? :)

      Elimina
  4. Tu,il trailer e qualche commento mi hanno convinto.Questo genere mi diverte,che male c'è ? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me proprio nessuno, Badit. Anzi!
      Poi fammi sapere, ok? :)

      Elimina
  5. Se trovo qualcuno con cui andare mi ci fiondo, altrimenti recupero appena possibile :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è carino e scorre bene. Io mi sono divertita, e ho trovato molto bravo Jesse Eisenberg.

      Elimina
  6. Dilusione di Diludendo!!! Anch'io mi sono lasciato tentare dai trailers e poi... Dilusione!!! Oceans 11 riveduto in salsa Silvan con una puntina di noia. Urka sta volta ho dissentito!?!?!?!?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tonono, credo sia la prima volta! La magia del cinema, no? :)
      Ah ah ah ah!

      Elimina
  7. Parole sante!!! Azzz adesso sono d'accordo!!!

    RispondiElimina