1 dicembre 2012

Thank's God it's friday

Siamo quasi alle battute finali, domani terminerà questa frenetica settimana, in cui i dialoghi assurdi fra me, la Tiz, la Tiz-sorella, il Tiz-ex-fidanzato, la bionda, dantès, hanno sfiorato più volte il surreale, mischiandosi alle code per entrare in sala, le corse da una sala all'altra, pareri ed impressioni sui film visti e consigli per quelli da vedere ma soprattutto per quelli da evitare scambiati con le altre persone in coda, i pranzi (pranzi, vabbè) in piedi, i caffè al volo, la sigaretta fra un film e l'altro, i tram affollati, la pioggia e tutto il resto. Forse lavorare è meno faticoso, alla fine, ma va benissimo così.

SHADOW DANCER
A seguito dell'uccisione del fratellino, nel 1973, Colette entra nell'IRA. La ritroviamo a Londra, 20 anni dopo, mentre lascia un'ordigno esplosivo in metropolitana. Ma durante la fuga viene catturata dalla polizia, che la convincerà a collaborare.
Interessante, ma lento e un po' troppo ingarbugliato, per i miei gusti.

COLOUR DE PEAU: MIEL
Disegni animati, filmini in super8 e riprese in tempo reale per raccontare la vita di Jung, orfano coreano adottato da una famiglia belga, dal momento in cui viene dichiarato adottabile ai giorni nostri, quando Jung decide di tornare in Corea per fare finalmente pace con le sue origini, rinnegate per buona parte della sua vita. Tenero e toccante.

A LIAR'S AUTOBIOGRAPHY: THE UNTRUE STORY OF MONTY PHITON'S GRAHAM CHAPMAN
Dando per scontato che i Monty Python non abbiano bisogno di presentazioni, il film, purtroppo in 3D, che io personalmente patisco parecchio, attraverso diversi episodi, anche qua in un'alternanza di cartoni animati e filmati di repertorio, ci raccontano la vita di Chapman, fino alla sua morte, avvenuta nel 1989, a soli 48 anni.
Geniale.

THANKS FOR SHARING
La dipendenza, che si tratti di alcool, droga, cibo o sesso, è una malattia, ma a differenza del cancro, che suscita compassione, genera una specie di repulsione e diffidenza, come spiegherà Adam a Phoebe in una scena del film. Dimenticatevi quella palla mortale di shame, dimenticatevi anche Fassbender, sostituitelo con Mark Ruffalo, che ha raggiunto, grazie al supporto del gruppo di incontro, che funziona come gli alcolisti anonimi, il traguardo dei 5 anni di astinenza, grazie anche a Mike, il suo sponsor. Neil, invece, protetto proprio di Adam, non riesce a tenere a freno le sue pulsioni, ma, quando nel gruppo entrerà Dede, l'unica donna, anche per lui le cose inizieranno a cambiare.
Spero che venga distribuito, perché è molto carino.

A CARA QUE MERECES
Non ho chiuso in bellezza, perché a metà film ho preso e me ne sono andata.
Che ad un certo punto compaiono da non si capisce dove, sette disadattati duri per prendersi cura di Francisco, a cui è venuto il morbillo. Quando uno dei sette, per punizione, deve contare i capelli di un altro del gruppo, e, giunto a 6002 trova un pidocchio e inizia a parlargli, ho capito che poteva bastare. Che non ho mica fatto del male a nessuno io. Perché dovrei cominciare adesso, partendo proprio da me?

 

13 commenti:

  1. Thanks for sharing to you! Ciao! :)

    RispondiElimina
  2. E io che pensavo che guardare film fosse una passeggiata...

    RispondiElimina
  3. io avrei scelto Thanks for sharing... ma tu non hai detto alla fime: quale film avete visto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia, li ho visti tutti! :)

      Elimina
  4. ...accidenti...dopo una settimana così intensa di cinema, la prima volta che andrai a messa deventerai matta alla ricerca della biglietteria.. (ma ora che ti guardo bene..mi sa che ho sbagliato esempio..)
    un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, temo proprio che non sia esattamente un esempio che mi si addice molto!

      Elimina
  5. thanks for sharing uscirà per minerva pictures con il titolo di tentazioni (ir)resistibili. e poi dice che si fa facile ironia sul nome minerva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vorrai mica lasciarti sfuggire l'occasione dell'ennesima traduzione a cazzo finto-pruriginosa, ti pare?

      Elimina
    2. sarò un messaggio subliminale per i sex addict italiani?

      Elimina
    3. sarà, naturalmente. ma digito al buio...

      Elimina
    4. Ah ah ah!
      L'idea di te come messaggio subliminale per i sex addicted, mi perdonerai, ma è un'immagine bellissima! ;)

      Elimina