27 luglio 2011

16 e non sentirli

Che non sono i miei anni, anche se ogni tanto penso che a 16 è possibile che io fossi più seria di adesso. E’ la temperatura odierna del ridente nord-ovest in questa giornata di fine luglio, che, casualmente, combacia anche col giorno di paga.
Stamattina in macchina pensavo (sì, pensavo. So che sembra strano, ma succede anche a me) a quando ho chiesto alla sister in un commento di qualche post fa, se avevamo avuto lo stesso fidanzato. E ho realizzato che ex-moroso mi ha lasciato proprio per mettersi con una che ha il suo stesso nome. Che mi ha fatto giurare (la sister) di non rivelare nemmeno sotto tortura.
Poi sono arrivata in ufficio, ho parcheggiato, e sono andata al bar a fare colazione. E alla radio c’era Jovanotti. E mi è venuto in mente che l’altro giorno, in piscina, una ragazz(in)a, che devo ancora decidere se classificarla come piccolo genio incompreso o grandissima imbecille, ma siccome (la sister dice che) sono buona propenderei per la seconda che ho detto, è riuscita a cantare “il più grande spettacolo dopo il Big Mac”... Che poi è strano, perchè dal big bang ai buchi neri è un attimo.
Vabbè.
Comunque piove.
E io ieri sera quando sono uscita dalla palestra, dopo essermi comprata un delizioso sandalino nero che mi mancava, sono pure andata a casa del capo a bagnargli le piante. Sì, sempre per la solita storia che non son capace a dire di no, esatto.
Magari la prossima volta me la prendo più comoda e fra un giro e l’altro di annaffiatoio (che alla fine ne ho fatti 6, che io mi chiedo cosa se ne faccia uno di tutte quelle piante sul balcone) mi siedo sul divano con un bicchiere di quello Zacapa che, casualmente, è rimasto lì sul tavolo...

14 commenti:

  1. ok, quando porti la tua amica agronoma a vedere le piante del capo?

    RispondiElimina
  2. Bagnare le piante al capo? eeeeeh?
    Naaaaaaaaaa troppo troppo troppo... buona!!!
    Ma scherzi!? Io le avrei fatte in mille pezzi, soprattutto adesso che il capo ha lasciato me a ricevere clienti che fanno solo sclerare, mentre lei se la spassa al mare!

    RispondiElimina
  3. Il sandalino nero acquistato in un giorno di pioggia, mi fa venire in mente quello bianco e argento che ho acquistato io in una giornata di fine gennaio con una bufera di neve che ha bloccato l'intera città...e il tizio del negozio che mi domandava se stavo partendo per le Maldive!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. @Only: io ci torno domani sera dopo la palestra, hai da fare? :)

    RispondiElimina
  5. @funambola: è che io veramente, faccio proprio fatica a dire di no! e se tu venissi a casa mia non troveresti una pianta in vaso nemmeno a cercarla! :)

    RispondiElimina
  6. @CiaoGi: a mia discolpa posso solo dire che ieri NON pioveva!!! ;)

    RispondiElimina
  7. ...e comunque secondo me lo ha lasciato lì apposta per te! :) Domani dici? No guarda... evo fare 90 km in bici, sai com'è... ;)

    RispondiElimina
  8. @only: l'ho pensato pure io...
    ma proprio domani li devi fare sti 90km? ;)
    (che poi... sei sicura di farcela? ah ah ah!)

    RispondiElimina
  9. no, non ce la farò...morirò sicuramente al km 89... :)

    RispondiElimina
  10. ah no, eh? un conto è morire a 70, ma a 89 non te lo permetto! :)
    Lo sai che se fai 90 km da casa tua arrivi giusta a casa mia? potresti farlo prima o poi! ;)

    RispondiElimina
  11. @semper: nell'89 pure io... ;)

    RispondiElimina
  12. Diciamo pure che il tempo me le sta facendo girare preventivamente. Spero si sistemi per le ferie, altrimenti ... niente, altrimenti me la piglio nel didietro e sto a prendere la pioggia, invece del sole!

    RispondiElimina
  13. @libby: effettivamente un luglio così freddo è piovoso io non lo ricordo. ma io non faccio testo. non ricordo nemmeno cosa ho mangiato ieri a pranzo...
    in ogni caso buone vacanze! :)

    RispondiElimina