22 maggio 2017

Una settimana a Nosy-Be (Madagascar)

Essere in vacanza significa non avere niente da fare e avere tutto il giorno per farlo.
Avevo bisogno di riprendermi dallo stress del trasloco, e ho deciso che una breve vacanza era quello che faceva al caso mio.
A dirla tutta io e la bionda abbiamo prenotato a metà gennaio, quando la casa era ancora un cantiere e il trasloco una vaga idea, e, mentre la bionda mi chiedeva "ma sarai a posto per quella data?", io, pervasa dal pensiero positivo rispondevo che una settimana di ferie non avrebbe cambiato nulla, in ogni caso. Poi, come ormai sanno anche i sassi, ho traslocato il 7 aprile, mi sono accampata più o meno sistemata e il 10 maggio io e la bionda siamo uscite dall'ufficio alle 17.00 per andare a Malpensa.
Considerato che il volo partiva alle 22.00 abbiamo deciso di cenare allo Spazio Ferrari, evitando così la sontuosa cena aerea. E per fortuna, perché in volo hanno servito dei gnocchi morti di stenti a causa del loro prolungato soggiorno nel microonde, roba  che definirli immangiabili è riduttivo e non riesce a descrivere il disgusto, ma, per darvi un'idea, succhiarli crudi dal banco frigo del supermercato avrebbe dato più soddisfazione.  
Come sempre in aereo, nonostante l'aiuto della chimica, non ho dormito un cazzo ho dormito pochissimo e mi sono annoiata parecchio. Ma sono sopravvissuta.
All'arrivo all'aereoporto di Nosy-be il caldo mi ha accolto in tutta la sua umidità, e ho avuto un attimo di shock termico. Ci hanno recuperato con il pulmino e, dopo un'ora di viaggio su strade per lo più sterrate, siamo arrivate al villaggio, con tanto di drink di benvenuto e balletto con canzoni indigene. Mi sono ricordata immediatamente il motivo per cui la vacanza in villaggio non fa per me, e ho fatto finta di niente.
L'assegnazione delle camere è stata relativamente veloce, e in pochissimo tempo abbiamo preso possesso della nostra stanza. Che era enorme con bagno spaziosissimo. Meno male, perchè conservo ancora il ricordo di una stanza di albergo di Brisbane dove in piedi in due non ci potevi stare, così quando una si alzava l'altra doveva sedersi sul letto. Allucinante!
Il tempo di posare le valigie ed eravamo già in costume, pronte a spalmarci in spiaggia dove, a parte due piccole escursioni, siamo rimaste praticamente per tutto il tempo. Per la cronaca, mi sono abituata al caldo tempo zero, e devo dire che si stava benissimo. Anche l'acqua del mare (che poi è Oceano) aveva una temperatura deliziosa. Anzi, a dirla tutta, i primi due giorni era fin troppo calda.
Peccato che il sole in questa stagione tramonti presto, e quindi verso le 6, dopo aver ammirato il tramonto, ci toccava trasferirci al bar a bere.
E lo so, a volte la vita è davvero dura.


21 commenti:

  1. Vedendo quel tramonto splendido mi è venuta voglia di ripartire *__* Che vita dura, eh! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. durissima cara, davvero durissima! :)

      Elimina
  2. Volete portare pure me?
    Giuro che mi faccio piccolo piccolo e non mi muovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta ci organizziamo per farti entrare nel bagaglio a mano! :)

      Elimina
  3. Oddio........ e io che tra venti giorni parto e bada ben bada ben bada ben, trasferisco le mie notevoli chiappe sulla oramai inesistente spiaggia del Lido di Metaponto (solo a pensarci mi viene la depressione, non dovresti mai lasciare l'iniziativa ad un uomo quando si programma una vacanza)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, dai, c'è di peggio! :)

      Elimina
    2. Infatti, l'altra opzione era Isola di Capo Rizzuto.......

      Elimina
  4. In Madagascar! wow...e hai per caso visto 4 pinguini? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia, i pinguini no! Però ho preso in braccio un lemure, è morbidissimo!!!!! :)

      Elimina
  5. Certe fatiche tutte a te eh! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro!!!! Come stai? ❤❤❤
      Comunque sì, sono votata al sacrificio!

      Elimina
  6. Che meravigliosi tramonti 😍 ho visto le foto su Instagram dei lemuri 😍 mi piacciono molto! L'unica volta che ho visto dei lemuri è stato a Bussolengo nel parco naturale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vanessa.
      I lemuri sono davvero deliziosi, ne ho preso in braccio uno ed è morbidissimo, sembrava finto!!! :)

      Elimina
  7. Che voglia di mare, spiaggia, lettino e tramonti! Mi annoierei dopo 2 giorni, lo so, ma son dettagli trascurabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la mia resistenza si assesta sui 4 giorni, poi inizio a diventare insofferente. Parlando con un ragazzo dell'animazione ho saputo che c'è gente che prenota in villaggio per due, ma, attenzione, anche TRE!!!! settimane! io potrei morire, credo.

      Elimina
  8. "Ci toccava trasferirci in bar a bere" è bellissima XD e ti capisco riguardo le vacanze in villaggio!!!!Anche se una volta nella vita vorrei provare(non ci sono mai stata).Riguardo alle camere piccolissime ci è capitato l'altr'anno in Giappone,siamo entrati e c'era talmente poco spazio che mi ha preso una mezza crisi d'asma(e non sarei claustrofobica...in teoria!)
    Comunque in casi di stress,una bella vacanza rilassante è sempre la risposta giusta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che una vacanza sia la risposta giusta un po' per tutto! :)
      La vacanza in villaggio secondo me una volta ogni tanto si può anche fare, ovviamente programmandosi almeno un paio di escursioni perché altrimenti il rischio che la noia ti assalga prepotentemente è sempre in agguato. Io approfitto di queste settimane per leggere tutti i libri che non riesco a leggere durante l'anno, ma il mio concetto di "vacanza" non è comunque questo!

      Elimina
  9. C'è la notifica di un nuovo post tuo, ma il post non c'è!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, lo so, ho fatto una cazzata! :)

      Elimina
    2. E non lo recuperi????? Su Libero invece capita che è lui che ti butta fuori mentre stai pubblicando. Là va sempre peggio.

      Elimina