23 dicembre 2016

ricapitolando

E' ora di tirare le somme, visto che il 2016 sta per finire... non credo che quest'anno avrò tempo/voglia di cimentarmi in classifiche di vario genere, anche se non si può mai dire e mi resta ancora una manciata di giorni per cambiare idea.
Per cosa ricorderemo questo 2016?
Se escludiamo l'ecatombe di personaggi più o meno famosi che ci hanno lasciato, che sembrava l'epidemia di spagnola del 1920, terremoti, attentati, la Brexit, la  vittoria di Trump e altre tragedie più o meno epocali, verrebbe da pensare che l'anno che sta per concludersi non lasci niente di bello da tramandare ai posteri. E, per quanto mi sforzi, a livello globale non mi viene davvero in mente una beata minchia che sia degna di essere ricordata nei secoli a venire. 
Ma, siccome questo è pur sempre il mio blog, cercherò di fare un riassunto di quello che è successo a me nel 2016, e che vale la pena di ricordare scrivo qua, così potrò rileggerlo quando verrò colta da demenza senile, anche se probabilmente non ci riuscirò, in quanto avrò smarrito le password.
In ogni modo.

G e n n a i o :
Ho visto la mostra fotografica di Vivian Maier allo Spazio Forma Meravigli a Milano.  Lo Spazio Forma mi piaceva molto di più nella sua sede storica di Piazza T.L.Caro, ma non si può aver tutto dalla vita.
Ho visto la mia rossa preferita di passaggio in città, ho aspettato inutilmente e per la terza volta gli omini dell'italgas per la sostituzione del contatore e poi, dopo averci pensato forse troppo, ho deciso che era ora di abbandonare Poisonville per trasferirmi in città e ho messo in vendita la casa in cui vivo da 20 anni.
Mi sono quindi buttata nel magico mondo degli annunci immobiliari, ovviamente in modo contemplativo, visto che la poraccitudine che mi contraddistingue mi impone di dover vendere l'unica casa che possiedo, prima di poterne comprare un'altra.

F e b b r a i o :
A inizio mese sono stata per l'ultima volta in ospedale per la visita di controllo relativa all'intervento subito il 26 novembre 2015. Mi hanno detto che va tutto bene e di non farmi più vedere. 
Nonostante a nessuno interessasse vedere casa mia, ho continuato imperterrita a visitare appartamenti in giro per la città. Uno, che veniva spacciato come "attico" (gli agenti immobiliari potrebbero tranquillamente scrivere le sceneggiature a Wes Anderson, o forse, a ben pensarci, potrebbero essere quelli che scrivono le famigerate sinossi del TorinoFilmFestival) aveva un balcone sgarrupatissimo e un'infelice puzza di stalla che aleggiava in tutta casa. Che, per un appartamento al 5° piano del centro cittadino è quanto meno bizzarro. Alla mia pacata osservazione "che cazzo è 'sta puzza?" l'agente mi rispondeva, ancor più pacatamente "i proprietari erano fumatori". 
Adesso, caro il mio agente immobiliare, pure io sono fumatrice, ma, ti assicuro, che un odore del genere a casa mia si sente soltanto quando concimano i prati del circondario. Quindi, a meno che i proprietari si fumassero letame essiccato - come usa fare in alcune zone dell'India e del Nepal - e lo stoccassero nel corridoio, posso assicurarvi che la puzza di fumo è diversa, e che tu mi stai prendendo per il culo. Depennato l'appartamento da un'ipotetica lista di case acquistabili, febbraio si è concluso in maniera assolutamente indolore.


M a r z o : 
Per ricordarmi che la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo, ad inizio mese qualcuno si impossessava della mia carta di credo per comprare su PayPal abbigliamento sportivo in un negozio di Baltimora (Maryland) e del cibo per animali in un negozio di Oakland (California).
Bestemmia fortissimo, telefona a PayPal, bestemmia ancora un po', telefona alla banca e blocca la carta di credito. Aspetta invano che ti arrivi, bestemmia inutilmente, dopodiché parti per New York SENZA la carta di credito. 
Sì, perché a marzo sono stata a New York per la terza volta. E sì, New York ha sempre il suo porco perchè. Anche trovare per due mattine consecutive Javier Bardem a fare colazione nello stesso nostro bar ha il suo porco perchè. Javier Bardem ne ha tantissimi, di porchi perchè. 
In ogni caso, essendo priva di carta di credito mi sentivo povera come la piccola fiammiferaia, e ho ridotto gli acquisti al minimo. 
Ovviamente al mio ritorno a casa la carta di credito nuova fiammante mi attendeva nella buca delle lettere e i signori di PayPal mi hanno riaccreditato tutto nel giro di pochissimo tempo. 


A p r i l e : 
... è il più crudele dei mesi, genera
lillà da terra morta, confondendo
memoria e desiderio, risvegliando
le radici sopite con la pioggia della primavera.
a parte questa botta di ottimismo, ad aprile non è successo nulla (negli altri mesi, invece...!) a parte che i fottutissimi omini dell'italgas, dopo aver fissato l'ennesimo appuntamento per la sostituzione del contatore, per l'ennesima volta non si sono presentati. Io so che il male non si augura a nessuno perchè non sta bene, e poi il karma e bla bla bla, ma spero che il cagotto a spruzzo li abbia colpiti nel momento più inopportuno, tutto lì.
Siccome casa mia continua a non interessare a nessuno ho smesso di andare in giro a vedere appartamenti. Metti mai che trovo la casa dei miei sogni e poi ci rimango male. 

M a g g i o :
A maggio sono andata in "gita" al santuario di Vicoforte per la salita alla cupola, che è, per dimensioni, la cupola ellittica più grande al mondo (dicono) e la quinta cupola al mondo per dimensini (dicono). In ogni modo è stato interessante (dicono).
Poi una domenica mattina ho deciso di andare a Milano per vedere la mostra di Herb Ritts al Palazzo della Ragione, prima che chiudesse. 
Herb Ritts, per quelle più giovani di voi che all'epoca non c'erano o erano troppo piccole per accorgersene, è stato un fotografo che mi ha regalato cose bellissime, tipo "Fred with tires" o il video del pezzo più strappamutande della storia della musica recente. 


G i u g n o :
Dopo tantissimi anni sono tornata a Roma, approfittando del ponte del 2 giugno. Così ho potuto vedere la mostra di Banksy, e, già che c'ero Tattoo Forever al Macro Testaccio. Ho camminato senza meta, e, se la memoria non mi inganna, credo di essermi anche ubriacata abbastanza.
E non c'è niente da fare, Roma, per un turista, ha sempre il suo fascino. Anche da sobri.
A cinque mesi dall'annuncio l'agente immobiliare ha portato una coppia a vedere la casa. 
Ho rivisto con grande piacere i Ford(s) al completo, e siccome il 24 giugno a Torino (e Genova, Firenze, ecc.ecc.) è festa, ne ho approfittato per scendere in Riviera ospite della mia rossa preferita (sì, sempre la stessa), passando il tempo a mangiare (bene) bere (parecchio), parlare (molto) e camminare sul bagnasciuga come le anziane. Che bello.

L u g l i o :
A inizio mese sono stata una settimana in Sicilia, dove faceva molto caldo e mi sono abbronzata tantissimo senza mai stare al sole. Che per una alta e bionda con gli occhi azzurri come me è davvero molto strano. 
A fine mese mi sono regalata un week end in Valtellina a trovare un'amica e, dopo anni sono finalmente riuscita a fare il giro sul Trenino Rosso del Bernina.
Per non smentirmi ho mangiato e bevuto molto. E bene.  


A g o s t o :
Ci tenevo molto a farvi sapere che, all'ennesimo appuntamento per la sostituzione del contatore del gas non si è presentato nessuno. Come ho già detto in passato, se devo farmi prendere per il culo decido io quando e decido io come. Questa volta ho preso il telefono e fatto una tamurriata all'impiegata, dicendo che il cambio del contatore è un problema loro, che io non l'ho richiesto e che per quanto mi riguarda il contatore che c'è adesso funziona benissimo. 
A parte questo ho festeggiato come ogni anno il mio compleanno andando a cena in un ristorante cittadino molto interessante, ho passato ferragosto in montagna mentre il 16 sono andata a Milano a vedere la mostra di Escher a Palazzo Reale. Fra le altre cose, se siete a Milano e non l'avete ancora vista, potete farlo fino al 22 gennaio. Ovviamente il 16 agosto Milano era semideserta e Palazzo Reale ancora di più. Che è la condizione ideale per visitare una mostra. Bellissima tra l'altro.
La coppia che era venuta a giugno a vedere la casa è tornata per un secondo sopralluogo e mi ha fatto un'offerta. Che - se fossi ricca sfondata - avrei potuto rifiutare. E invece. 

S e t t e m b r e :
... andiamo, è tempo di migrare... 
e infatti con un po' di gente a inizio mese ci siamo ritrovati per un week end in umbria in occasione di un "raduno/festa/compleanno/chissenefrega" del Buio in sala, e poi, per non perdere l'abitudine, sono partita per due settimane in Andalusia, ma di entrambe le cose ho già parlato nel blog all'epoca, quindi non mi ripeterò.

O t t o b r e :
Ho visto un appartamento bellissimo, vicino all'ufficio (troppo vicino all'ufficio), finemente ristrutturato, materiali di pregio ecc. ecc. Il problema è che in quella che avrebbe dovuto essere la camera da letto, se ci mettevo il letto non ci stava l'armadio. E viceversa. In quella che era la "zona giorno" non c'era la possibilità di mettere un tavolo da pranzo. E quindi il pensiero di vivere lì per il resto della mia vita mi metteva ansia.
Come (quasi) ogni anno sono andata alla Fiera del Marrone a Cuneo. E non ho assaggiato un marrone manco per sbaglio. Mi sono molto avvilita.
E poi, incredibilmente, il 21 ottobre ho trovato la casa. Un appartamento che mi hanno proposto da un'agenzia, e che io sono andata a vedere con lo stesso entusiasmo di Hillary Clinton il 9 novembre. E invece, alle volte.
E poi è morto Caprotti, è ha lasciato settantacinquemilionidieuro due spicci alla segretaria. Che non sono io.

N o v e m b r e:
Sono stata colta dall'ansia.
Nella casa in cui vivo, che è ENORME, c'è una quantità di rumenta da buttar via che non so da che parte girarmi. Passo i sabati mattina all'eco-centro a smaltire ogni tipo di rifiuto. E, ad occhio e croce, anche i sabati dei mesi che verranno li impegnerò in questo divertentissimo modo.
Sono anche andata al Torino Film Festival, come sempre. Anche se, come ho già detto, o forse no, quest'anno mi è sembrato che il livello fosse inferiore rispetto al solito.

D i c e m b r e :
Il 16 dicembre ho venduto casa. Sono sempre preda dell'ansia, ma un po' meno rispetto al mese scorso. I signori che hanno comprato casa mia sembrano molto gentili. Il fatto che mi facciano stare lì fino a quando non avrò finito di ristrutturare la casa che - mentre sto scrivendo - non ho ancora comprato mi sembra davvero tanta roba.
E, anche se la parola "trasloco" mi fa venire le bolle, l'idea di trasferirmi sta iniziando a piacermi. E molto.
Ecco. Questo è stato il mio 2016. Se siete arrivati a leggere fin qua, beh, a questo punto mi sembra doveroso farvi tantissimi auguri, se al grido di "sti cazzi" avete abbandonato a febbraio... beh, sti cazzi davvero.

34 commenti:

  1. Io sono arrivata in fondo, e tanti auguri anche a te. P.S. capisco l'ansia da trasloco, se lo proponessero credo che mi farei prendere da ripetute e devastanti crisi isteriche. Buon Natale Poison

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon natale anche a te, Giliola!

      Elimina
  2. Anche per me trasloco quest'anno - per fortuna già l'ho fatto, e mi sono perso tra mille mobili Ikea da montare - e, laurea a parte, in generale è stato un anno che non vedevo l'ora di finire. Se si può, io salterei Natale e Capodanno e mi sveglierei il due. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I mobili ikea da montare sono il male assoluto. Alla fine il natale non mi dispiace, il problema capodanno lo risolvo andando a dormire alle 10 et voilà! :)

      Elimina
    2. Ehhh, ma i botti?
      Okay che, dietro casa, c'ho gli zingari - Salvini, statti fermo - che sparano fuochi d'artificio da giorni. Beati loro che c'hanno da festeggià. Sui mobili Ikea, ormai, sono un esperto.
      Ma sai che Ciro, il gatto, a luglio è caduto dal balcone durante una sua ronda sul davanzale e ci è venuto un infarto? Si è fatto un brutto taglio sotto la coda, ettolitri di sangue che hanno fatto frignare mio padre durante tutto il tragitto per il veterinario, ma tutto okay. Ora non può uscire neanche dalla porta, ovviamente. :)

      Elimina
    3. Nuuuuuuu! Ciro! Poverino! Meno male che sta megluo, che paura! (Che te lo dico a fare che sono preoccupatissima per il trasloco di Gattabusiva?)

      Elimina
  3. Direi che, a parte aver visto Ford, ti è andata piuttosto bene.
    Meglio che a gran parte del mondo, se non altro. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte i maledetti omini dell'italgas non mi posso lamentare, no! :)

      Elimina
  4. 3 volte a Milano?
    Non commento che mi vengono fuori solo parolacce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dai, sicuramente il 16 agosto non c'eri! :)

      Elimina
  5. Andato anche quest'anno, auguri di buone feste! Cheers

    RispondiElimina
  6. E' stato in effetti un anno davvero pessimo, sotto tutti gli aspetti, perciò spero in qualcosa di meglio, sia per me, per te e per tutti! Auguri ;)

    RispondiElimina
  7. Solo all'idea di un trasloco mi viene l'ansia. Casa mia è piccola, ma non hai idea di quanta roba ci sia. Sono anni che sogno una casa più grande ma il pensiero di dover imballare quasi 20 anni di roba mi scoraggia.

    Comunque, gli omini del gas sono il male. Ci sto avendo a che fare per altri motivi e ti dico solo che stanotte mi sono sognata il progetto per la fornitura (in realtà era un incubo).

    Buone feste!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pensiero del trasloco mi terrorizza! E sugli omini del gas direi che siamo d'accordo!

      Elimina
  8. Per essere un viaggiando (meno), quest'anno non ti sei fatta mancare niente, quanta sana invidia e posti da segnare ;)
    Condividiamo l'ansia da trasloco, dopo un anno e mezzo di ricerche e ben 23 case viste (perlopiù inutilmente, che pure gli agenti immobiliare sono il male, non solo gli omini del gas) finalmente ci siamo, o quasi, e devo iniziare a impacchettare e comprare fingendo di essere ricca. Cosa che non sono.
    Questo 2016 piuttosto triste e desolante lo saluto volentieri, a te faccio tanti auguri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ad impacchettare non ho ancora iniziato, per ora sono ancora alla fase dello smaltimento!
      Auguri anche a te, Lisa!

      Elimina
  9. A questo punto, la prossima volta che veniamo a Torino, speriamo di vedere la tua nuova casa! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vorranno ancora 3/4 mesi, ma tenetevi pronti per il "paavty" di inaugurazione, a cui siete invitati già da adesso! :)

      Elimina
  10. No be', pensa che poteva anche esserci una terza volta in cui vedere "la tua rossa preferita" <3 Sono felicissima per la casa nuova e non vedo l'ora di riabbracciarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione tesoro! È che si è messa di mezzo l'ansia ad impedirlo! Ma dopo il trasloco arrivo. E tu continuerai ad essere la benvenuta tutte le volte che vuoi! Un abbraccio a te (e a Fra, naturalmente!) ♡♡♡

      Elimina
  11. Mah, quasi quasi ti imito e faccio il riassunto del 2016 pure io, visto che quando arrivo in fondo mi sembra sempre di non aver combinato un cazzo, e invece... Chissà che la cosa non mi faccia sentire un po' meno pigra! In bocca al lupo per il trasloco, io ho traslocato una volta sola quando mi sono sposata e mi è bastato; a meno che non venga il terremoto, ho intenzione di restare tra questi muri finchè morte (o casa di riposo) non ci separi XD Ah, e buon 2017! Alla fine del quale spero di leggere un altro resoconto come questo, naturalmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guchi, non mi ci far pensare! Questo sarà il mio ottavo trasloco (da quando sono nata), e spero anche l'ultimo!

      Buon 2017 anche a te!

      Elimina
  12. Beh, per quanto possa sembrarti impossibile... hai avuto un anno ben più movimentato del mio! :) ma d'altra parte il sottoscritto è la pigrizia fatta persona (per dire, io col trasloco sono impazzito sei anni fa, e mi auguro di farne un altro per i prossimi 66... e ho traslocato a 500 mt di distanza!).

    Buon natale, cara Poison! E se durante i tuoi viaggi càpiti dalle mie parti (Siena/Firenze e dintorni) magari fammi un fischio!

    p.s. ci hanno provato anche con me a sostituirmi il contatore, ma ho buttato subito l'avviso nella carta da riciclo. Non si è più fatto vivo nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il trasloco è una fonte di stress a prescindere dalla distanza, che siano 500 metri o 500 km, e pure io mi auguro che quello che mi aspetta sarà quello deeeefinitivo!

      Tantissimi auguri anche a te, Sauro! E la prossima volta che capiteró dalle tue parti -perché prima o poi ci ricapito senz'altro - ti avviso molto volentieri!

      Elimina
  13. Wow! Cambi casa? Bella cosa... io adoro i traslochi.. ne ho fatti sette in dieci ani quindi sono una maestra.. ora sono stanziale da 4 anni e sento che... il prossimo cambio è vicino!
    Senti ma ... GattaBusiva viene con te a casina nuova vero?
    Altra cosa... in tutto il tuo viaggiare.. ma a Firenze quando vieni???
    Dai che io Ivano & Isotta ti aspettiamo!
    Buon Anno bella Poison!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene si, mi sono decisa. Ma, siccome io detesto i traslochi, credo che questo sarà l'ultimo! Ovviamente Gattabusiva viene con me!!!
      E poi, dopo che mi sarò sistemata posso programmare un giro a Firenze!

      Buon anno a te, Silvia, e anche al santo!

      Elimina
  14. Anche io ho pensato subito a gattaabusiva.... -ahem- ma anche tu hai tutta la mia solidarietà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio! :)
      comunque l'idea di abbandonarla non mi ha mai sfiorato, anche perché quella gatta è così tonta che non sopravviverebbe 2 giorni! E, come se non bastasse, i signori che hanno comprato casa mia hanno due cani!

      Elimina
  15. un anno stra vissuto e stra viziato...
    di quelli che vanno bene così, e che lasciano preludere avventure fortunate.
    ...chissà che non inizino dal trasloco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo Patalice! ;)
      E che sia un anno pieno di cose belle anche per te!

      Elimina