21 ottobre 2016

American Pastoral




...Dream when the day is through,
dream and they might come true,
things never are as bad as they seem,
so dream, dream, dream...

Non posso dire "era meglio il libro" perché tanto per cambiare il libro non l'ho (ancora) letto, ma hai visto mai che magari adesso lo inizio.
Posso dire che in merito all'esordio alla regia di Ewan McGregor non sapevo esattamente cosa aspettarmi, ma in linea di massima, va a sapere perché, le peggio cose. 
E invece.
EMG se la cava dignitosamente, sia come regista, sia come attore (è lui lo svedese), Jennifer Connely è... dio, ma quanto è bella Jennifer Connely? Non si capisce. 
Dakota Fanning non delude, anche quando diventa giaina e il suo "non ci laviamo per non fare male all'acqua" mi ha fatto finalmente capire che nel mio ufficio di giainisti ce ne sono almeno una mezza dozzina.
Mi sfugge il motivo di distribuire un film doppiato (maluccio, as usual) mantenendo però il titolo originale, ma in fondo, sti cazzi.
In ogni caso Pastorale Americana  American Pastoral mi è sembrato un film interessante, nel raccontare la vita imperfetta di una famiglia che ha tutte le carte in regola per essere perfetta, perchè, come sempre, la vita se ne frega.
In un modo assolutamente inverosimile, ciò che non avrebbe dovuto accadere era accaduto e ciò che avrebbe dovuto accadere non era accaduto.

23 commenti:

  1. Non posso stare lontano da un film con Jennifer Connely, non vedo l'ora di vederlo. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non faccio nessuna fatica a crederci. E' di un bello che toglie il fiato.

      Elimina
  2. Prendendo spunto dal Bara, non posso stare lontana da un film con Ewan, anche se temo anch'io il suo esordio perchè non si è scelto un compito facile.
    Il libro l'ho adorato (il migliore tra i Roth che ho letto), ma per fortuna sono passati parecchi anni e la memoria è quella che è, quindi il film lo andrò a vedere lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me lui piace parecchio, e secondo me se l'è cavata bene, nonostante il progetto un pelo ambizioso.

      Elimina
  3. Tra gli attori, non so dirti chi mi piaccia di più.
    Il libro mi manca - l'ho sempre temuto, e poi è lunghissimo: potrei morire prima di finirlo -, quindi vedrò anch'io senza pregiudizi.
    Speriamo presto, tutto ciò. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho deciso di iniziare a leggerlo... ma non garantisco, ovviamente!

      Elimina
  4. Andrò a vederlo mercoledì. speremmu ben. Anche io sono digiuna dal libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non aver letto il libro può essere un vantaggio, credo...

      Elimina
  5. film che mi intriga assai vediamo se in cineteca mi fanno la grazia (no, doppiato questo no..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, hai ragione. purtroppo a Torino è arrivato doppiato...

      Elimina
  6. Quindi non è così terribile come (parecchi) hanno scritto... bene, a questo punto lo vado a vedere.
    Sul titolo sono d'accordissimo con te: un nonsenso tutto italiano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kris, non so che dire, io, che partivo prevenuta e senza aver letto il libro non l'ho trovato affatto malvagio. Oltretutto il progetto era ambizioso mica poco... e - se consideriamo che si tratta comunque di un esordio alla regia - Ewan McGregor se l'è cavata bene.

      Elimina
  7. Ho paura che sia troppo radical per me, o troppo patinato.
    Speriamo bene. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non è né radical né patinato, potresti patirlo - al limite - in quanto genitore. ;)

      Elimina
  8. Sto leggendo Roth in queste settimane.

    Il primo è stato proprio Pastorale americana :-)

    Un gran bel libro (non adatto se l'umore tende al basso ;-)),
    un romanzo nel quale mi sono identificato in pieno: mi rivedo nello Svedese, non da un punto di vista estetico (ahime), ma nel suo fallimentare tentativo di essere conciliante con l'esistenza, di uniformarsi all'american way of life, di gestire l'ingestibile disgregazione della famiglia e della società.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un'analisi stringata e perfetta.

      Elimina
  9. Adoro Ewan come attore, ma come regista pure io non parto con grandi aspettative, non so bene perché...
    Il tuo parere positivo comunque è incoraggiante. ;)

    RispondiElimina
  10. Non ho proprio idea di cosa tratti il film, perciò non saprei però se c'è la Connely sicuramente non lo perderò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lei è senz'altro un gran bel vedere!

      Elimina
  11. Sono stata oggi a vederlo e ti dirò che sono abbastanza confusa. Non ho letto nemmeno io il libro ovviamente, quindi ne parlerò proprio esclusivamente per il film.
    Ewan comunque promette bene, anche se lui come attore non mi trasmette molto. Non sono sicura che sarà la scelta giusta per la prossima stagione di Fargo, ma tant'è..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io EMG lo trovo comunque bravo, vedremo...

      Elimina
  12. Ammetto che Roth è uno di quegli autori che, come Saramago, mi spaventano. Il film lo vedrò dopo aver letto il libro...

    RispondiElimina