15 giugno 2016

The Neon Demon

Seguo Nicolas Winding Refn dai tempi di Pusher (1996), e - se escludiamo Fear X, che non ho visto - ho sempre apprezzato tutti i suoi film. Questa volta, se escludiamo la bellezza visiva, la colonna sonora incalzante e ipnotica di Cliff Martinez e la bravura di Elle Fanning devo ammettere - un po' a malincuore - che NWR non mi ha convinto. Che nessuno si azzardi a rompermi il cazzo con "eh, ma questo non è un film per tutti" perché sinceramente di essere considerata una minus habens perché non ho apprezzato un film inizio ad averne un po' i coglioni pieni. 


Detto ciò, The neon demon è una sorta di favola orrorifica che ci porta in una L.A. che resta sullo sfondo, e ci racconta la storia di una moderna Cenerentola 16enne di provincia, che con la sua bellezza non ancora intaccata dal bisturi e dal botox, intraprende la carriera di modella, suscitando ammirazione negli addetti ai lavori e invidia nelle "colleghe". E, fra necrofilia saffica, cannibalismo e stupratori pedofili trovano spazio dialoghi degni di Federico Moccia in pieno trip da Mdma.



18 commenti:

  1. Temo purtroppo che gli stia accadendo un po' come a M. Night Shyamalan: ottima partenza con un capolavoro (Drive) e poi l'ispirazione che si inaridisce.
    Comunque lo vedrò di sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la partenza era iniziata 5 anni prima di Drive, che ha l'indubbio merito di avergli dato maggior visibilità... Ero ovviamente molto curiosa e per una volta - incredibilmente - non ho voluto leggere nulla... però non mi ha davvero convinto. C'è comunque gente grida al capolavoro.

      Elimina
  2. 38 di febbre al Torino film festival per vedere "Bronson" quindi non vedo l'ora di vedere anche questo chiacchieratissimo Demone con le lucette ;-) Mi piace la tua definizione del film però! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda, ad un certo punto, mi pare a "tu sei il sole che illumina la stanza" o un'altra vaccata del genere hanno iniziato a sanguinarmi le orecchie...

      Elimina
  3. A me di suo mancano i primissi, ma ciò che ho visto l'ho amato e continua a stupirmi.
    Sinceramente in futuro non saprei cosa aspettarmi, ogni suo film sembra a sè stante, ma saranno da me ben accetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo non smetterò di vedere i suoi lavori, nonostante questo non mi abbia entusiasmato

      Elimina
  4. Io io io ioooooo grido al CAPOLAVORO!!! 😊 Questo film mi è rimasto dentro da quando l'ho visto (in anteprima) e non riesco ancora a non pensarci più. Un film durante il quale ho avuto continui attacchindi pelle d'oca e brividi!!! Meraviglioso ed esteticamente perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'avevo capito (non ho letto nulla da nessuna parte - cosa rara - per non farmi influenzare). Come ho detto, esteticamente è ineccepibile, ecc. ma come potrai certo immaginare ho smesso di pensarci dopo cinque minuti! :)

      Elimina
  5. Mi è capitata una clip sott'occhio e dialoghi e doppiaggio, madonna santa, erano un tantinello osceni. Ci fidiamo di Refn? Ma io mica tanto, mi fido più di te e lo aspetto comodamente a casa.
    Elle, che sei tanto bell', perdonami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah! E io ti ringrazio. :)
      Come dicevo oggi su Facebook parlando con dantes una volta qualcuno commentando un mio post mi disse che mi fossilizzo troppo sulla trama. Ed è vero, ma cazzo, un film mi deve "raccontare" qualcosa. Perché ad una scatola d'oro che contiene un fiore di plastica preferisco un sacchetto di carta con dentro un'orchidea. Limite mio? Possibile, ma fa lo stesso.

      Elimina
    2. No, concordo con te.
      Ecco perché schifo (tranne in Youth) un Sorrentino. :)

      Elimina
  6. Eh ma se non ti piace non sei Kult.
    A me capita puntualmente di rimuovere dalla mente entro le 24h dalla visione ogni film di questo talentuoso, unico, inimitabile e bla bla regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao M.!
      eh, lo so, non solo kult per niente... adesso non so se entrare in analisi o farmene una ragione, ma credo che opterò per la seconda che ho detto! :)

      Elimina
  7. Mi sa che non è per noi neppure questo ;)
    Io mi beccherò spesso della minus habens di sicuro,ma un film mi deve trasmettere qualcosa,e sopratutto deve interessarmi,se mi annoia lo considero tempo sprecato,anche se è esteticamente figo e tecnicamente mostruoso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che la pensiamo allo stesso modo allora!
      Questo è sicuramente un filmone a livello "regia-montaggio-fotografia-colonnasonora-stigrancazzi", ma a me è la storia che deve dire qualcosa, e poi può essere girato anche coi piedi...

      Elimina
  8. Posso dire che sono contenta di averlo visto aggratis? :-))

    RispondiElimina
  9. Non mi convince neanche a me, la storia non mi dice niente di particolare!
    http://gattaracinefila.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la storia è di una banalità al limite dell'imbarazzo.

      Elimina