17 giugno 2015

The Salvation

Arriva l'estate (cinematograficamente parlando, che ieri qua a Torino le temperature erano decisamente bassine) e in sala, come consueto, inizia ad esserci l'annuale moria dei film.
Siccome sono notoriamente buonissima e non costa niente, mi permetto di darvi un consiglio: è in uscita - domani - un film davvero carino visto al Torino Film Festival di cui all'epoca non vi ho parlato: Infinitely Polar Bear, con il sempre validissimo Mark Ruffalo e Zoe Saldana. Titolo delizioso per un film altrettanto delizioso. Voi scordatevelo (il titolo), perché qua da noi è diventato (siete pronti?) Teneramente folle. Che, se dovessi basarmi esclusivamente sul titolo, potrei prenderlo in considerazione solo se l'unica alternativa fosse un documentario lussemburghese in found footage sulla cura delle doppie punte. 
E invece. 
Mai fidarsi delle apparenze.


Ho visto The Salvation, dicevo. 
Spinta come sempre da nobilissimi motivi, ovvero la presenza di Mads Mikkelsen in un film.
Western. 
(Danese).
Cioè, che fai, te lo perdi? Non scherziamo. 
Mentre io e la bionda cazzeggiavamo allegramente per far arrivare l'orario di inizio e io mi imbattevo in maniera del tutto fortuita nel mio primo saldo al 50%, portando a casa il 28° paio di sandali (in una sfumatura di tortora che ancora mancava, ça va sans dire) di cui avevo ovviamente  a s s o l u t a necessità, ci arriva un messaggio della Tiz: "Affrettatevi, che rischiate di non trovare più posto!". Guardiamo l'ora, ci rendiamo conto che mancano 10 minuti, entriamo al cinema, facciamo il biglietto ed entriamo in sala. Oltre alla Tiz in versione burlona, c'erano, sparpagliati, credo altri 3 spettatori. Abbiamo molto riso, e poi è iniziato il film. 
Il regista è Kristian Levring, un altro degli aderenti (assieme ai più famosi von Trier e Vinterberg) al movimento Dogma95 e il film è una coproduzione anglo-danese-sudafricana. Nel cast, oltre a Mikkelsen, ci sono Eva Green (fighissima), Eric Cantona, Jonathan Pryce e Mikael Persbrandt, notevole pezzo di marcantonio che interpreta la parte del fratello di Mikkelsen. 


Pochi generi possiedono le rassicuranti certezze del film western, e anche The Salvation, nonostante non passerà certo alla storia, ne è la prova. 
Siamo nel 1870, in un luogo indefinito e anche abbastanza arido ed inospitale. I fratelli Jon e Peter, dopo la seconda guerra dello Schleswig hanno abbandonato la Danimarca per cercare fortuna oltreoceano. Dopo sette anni la famiglia di Jon riesce finalmente a ricongiungersi all'uomo. Il film inizia con Jon e suo fratello alla stazione, in attesa del treno con cui arriveranno la moglie Marie e il figlio Kresten, che ovviamente non parlano inglese, ma impareranno.
O forse no.
Sulla diligenza che li porterà verso casa, in un interminabile viaggio che la Salerno-Reggio Calabria a ferragosto non è nulla, prendono posto due carognoni col pedigree, ubriachi come più di Vidal in Cile e ovviamente le cose finiscono a schifìo. Defenestrato il povero Jon dalla diligenza i due uomini prima ammazzano il ragazzino, poi violentano e uccidono la povera Marie.
Jon (che si strugge di dolore ma in maniera glaciale e composta) raggiunge la diligenza, e ammazza i due uomini, che, nel frattempo avevano ucciso anche i due carovanieri (qualcuno sa darmi una definizione per il conducente della diligenza? grazie).

Ma, siccome siamo in un film western, anche se danese, l'uomo ucciso da Jon è l'amato fratello del colonnello Delarue, un'altro adorabile personaggino che detta legge nella zona, chiedendo il pizzo agli abitanti del ridente paesino, con la compiacenza del sindaco corrotto e l'inettitudine dello sceriffo/pastore del villaggio. Naturalmente Delarue vuole il colpevole dell'omicidio ad ogni costo. 
E, grazie all'amorevole altruismo dei suoi vili compaesani, Jon viene consegnato a Delarue, che nel frattempo, oltre ad impossessarsi dei terreni circostanti, praticamente un  enorme giacimento di petrolio, si è impossessato anche della vedova muta del fratello la quale non sembra molto entusiasta della cosa, ma subisce in silenzio (sì, lo so, è pessima. Perdonatemi).
Per farvela breve, se no vi racconto tutto il film, Jon si trasformerà da uomo pacifico a implacabile vendicatore. E, per via delle rassicuranti certezze che soli il western ci può dare, vissero tutti felici vedovi e contenti.
Fotografia che passa dal nero più cupo ai colori più abbaglianti, quasi sovraesposti, attraverso tutta una serie di sfumature polverose che lo rendono visivamente affascinante, The Salvation si fa vedere senza fatica, grazie anche al fantastico minutaggio di 90 minuti che non allunga a dismisura le situazioni. 


23 commenti:

  1. Certo che anche voi, credere al pienone per un western danese di Martedì sera! ;-D
    Però peggio per chi se lo perde, perché è dimolto bellino, con tutti i suoi bei clichè al posto giusto, dagli speroni tintinnanti al frusciar degli spolverini ai visti dolenti e impolverati e al rumore dei fucili caricati. Chissà perché io trovo il western sempre romantico...

    RispondiElimina
  2. Erano visi dolenti.... Uff.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaro! Tanto per capire quanto fossero dolenti (e anche doloranti) andavano visti... :)

      Elimina
    2. E comunque che ti devo dire? noi al tuo messaggio abbiamo creduto. Anche se non trovare un cane morto alla cassa - a parte la cassiera - avrebbe dovuto farci venire qualche dubbio, in effetti... :)
      (che me la immagino a chiedrsi "ma queste due perchè hanno tanta fretta????)

      Elimina
    3. E' che normalmente non sono burlona, quindi tendete a credermi! :-)

      Elimina
    4. probabilmente è andata davvero così! :)

      Elimina
    5. Forse che guida una diligenza è un postiglione? In inlglese dicono così:
      Though the job of a stagecoach driver may not initially seem as dangerous as some professions in the Old West such as working as a cowboy, gambler, soldier or lawman, this profession did, in fact, require a bold and strong character. From the earliest days of stage-coaching, these many men and women, who went by several nicknames such as "whip,” "Charlie,” "jehu,” reinsman, and others, has been likened to the Roman chariot racers of centuries ago. Not just anyone could handle the job that required excellent horsemanship, driving skills, and often great courage as they traveled through hostile Indian country and were the constant target of bandits.

      Elimina
  3. Mi pare proprio roba mia.
    Vedo di recuperarlo alla svelta, come mi ero ripromesso di fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare proprio anche a me... :)

      Elimina
  4. Cast di gente che piace, un genere che mi compra tutte le volte, non è rivoluzionario ma funziona, ha una bella sparatoria finale ed è quasi un film muto, i due protagonisti sono fighi e di poche parole, a me è piaciuto, nel suo piccolo. Dovrei riuscire a parlarne nei prossimi giorni ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai reso perfettamente l'idea! E comunque anche a noi non è dispiaciuto affatto! :)

      Elimina
  5. che poi mi potevate pure invitare, per dire. ma vi avrei detto «no, grazie, c'ho il film islandese a Milano». tsk!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, non c'avevi judo, stavolta? :-)

      Elimina
    2. no no, ho visto un sacco di belle cose. per adesso ho i titoli, prima o poi ci metto sotto anche i post...

      Elimina
  6. Visto qualche tempo fa, in una lingua stramba con sottotitoli più strambi ancora. Va a finire, anche l'anno scorso, chissà. Piacevole e, come dici tu, dura poco: cosa buona e giusta. Lo ricordo per la figaggine inaudita dei due protagonisti: la Green - splendida muta e tutta vestita, dunque vengono meno il suo meraviglioso accento e le sue doti non troppo segrete sfoggiate in The Dreamers e non solo - e quel Mikkelsen che ha un carisma senza pari. Il suo Hannibal, uccidetemi, ha rimpiazzato quello di Hopkins.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto Hannibal, ma sul carisma di Mikkelsen sfondi una porta aperta! :)

      Elimina
  7. C'è Eva Green.Lo guarderei pure se fosse un documentario sull'allevamento di vermi da pesca.
    Cmq mi consola leggere che non è un gran pacco come temevo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no.
      Ed Eva Green è davvero splendida.

      Elimina
  8. Più che un western, è un omaggio al western... con tutti i clichè del genere. Comunque tutto sommato si lascia vedere, e Mikkelsen è una garanzia nel ruolo di vendicatore solitario e poco loquace. Concordo l'apprezzamento sulla durata: finalmente un film di un'ora e mezza, è un grande merito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lascia vedere davvero in tutta scioltezza, nonostante i clichè. Credo che ambientando un film in quell'epoca e in quei luoghi sia davvero impossibile evitarli! :)

      Elimina
  9. Mads Mikkelsen ed Eva Green... il mio sogno ghei e il mio sogno etero insieme. Come avrai capito, lo voglio assolutamente vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti aspettare il capolavoro o i colpi di scena inauditi, che tanto non ci sono. Ma nel complesso è un film onesto, non dovrebbe deluderti...

      Elimina