18 maggio 2015

Child 44


Dopo Leviathan, film Russo fatto da Russi che racconta la Russia, sembrava giusto proseguire con Child 44, film altrettanto russo anche se diretto da Daniel Espinosa, uno svedese di origine cilena, che si avvale di una coproduzione USA/Regno Unito/Romania/Repubblica Ceca, dove scopriamo che, anche se "non ci sono delitti in paradiso" i comunisti mangiavano i bambini. 
No, dai. Non è che se li mangiassero sul serio, su.  
In ogni caso, paradiso o no, qualcuno che li uccideva c'era.  
Il film inizia negli anni 30 (carestia, fame, Holodomor, migliaia di orfani, ecc...) dove facciamo conoscenza con il piccolo Leo, che si unisce ad un gruppo di soldati, e in un attimo siamo a Berlino, ed è il 2 maggio del 1945, abbiamo la foto di Evgenij Chaldej e a dimostrarcelo ci sono il nostro Leo Demidov, che nel frattempo è diventato Tom Hardy, in compagnia di Alexei Andreyev (Fares Fares, visto da poco in The Keeper of Lost Causes) a fare da modelli per quel celebre scatto. 


E, mentre nella mia testa risuonava una vecchia canzone dei CCCP, pensavo alle analogie con la foto di Joe Rosenthal, raccontata da Clint Eastwood in Flags of our Fathers.
Già, perché, come molte foto passate alla storia, anche quella di Chaldej è stata "costruita". 
Immagino abbiate già capito - se mi leggete da un po' senz'altro - che quando inizio a parlare della qualunque a discapito del film, significa che questo non mi ha entusiasmato particolarmente, né ha catturato la mia attenzione. Il che non vuol dire necessariamente che il film non mi sia piaciuto. Semplicemente l'ho trovato un po... meh,.. 
Pare si ispiri alla vicenda di Andrej Romanovič Čikatilo, serial killer conosciuto come il mostro (e/o il macellaio) di Rostov. nonostante il film sia ambientato in epoca precedente e le vittime del killer (all'epoca il termine "serial killer" non era ancora in auge, e "in paradiso" non avevano certo bisogno dei profiler dell'FBI) siano diventate dei bambini, mentre nella realtà fra le vittime di Čikatilo c'erano anche molte giovani donne.
Ma tornando al film, avevamo lasciato il giovane Leo Demidov sul tetto del Reichstag, e lo ritroviamo, eroe sovietico, a capo di una squadra dell'MGB, con il suo fedele amico Alexei e l'immancabile pezzo di merda Vasili. Nel frattempo il figlio di Alexei viene ucciso, ma, sempre per il solito motivo (non ci sono crimini in paradiso, esatto) l'omicidio viene fatto passare come incidente, e toccherà proprio a Leo comunicare la cosa ad Alexei. Passa il tempo, succedono cose, e improvvisamente Leo cade in disgrazia per essersi rifiutato di denunciare la moglie Raisa, sospettata di essere una traditrice del regime. 
La coppia viene esiliata trasferita nel ridente villaggio di Volsk e qua Leo, agli ordini del generale Nesterov scoprirà che altri bambini sono stati uccisi esattamente come il filgio di Alexei. Inizierà a indagare e alla fine scoprirà che...fra diffidenza, sospetto, giochi di potere, corruzione, insabbiamenti, paure e tradimenti, il paradiso non è poi tutta sta meraviglia. 




E... non lo so. Alcune scene vengono risolte in maniera un po' troppo frettolosa, altre risultano un po' confuse, e di altre ancora non se ne sente la necessità, ma, nel complesso, quadra più o meno tutto.
Nel cast, oltre a Tom Hardy, abbiamo Noomi Rapace già da ora candidata al premio peggior tinta di capelli del secolo, ancora in coppia con Hardy dopo "The drop", il già citato Fares Fares, Vincent Cassel, Gary Oldman, Paddy Considine, Jason Clarke e, per finire, Joel Kinnaman, che molti di voi, a differenza della sottoscritta, avranno visto interpretare il figlio di Liam Neeson nel recente Run all Night, il figlio di Robocop nel remake di Robocop, e il figlio di puttana in questo film.

30 commenti:

  1. Giudizio tecnico: Due coglioni così!!! (a mia moglie però è piaciuto). E' stato bello perchè ad un certo punto mi ha trovato ronfante sulla poltrona del cinema e mi ha svegliato con una gomitata. Al che io ho chiesto "CHI HA FATTO PALO??!!" alla fantozzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nzomma... non proprio due coglioni così, ma insomma... :)

      Elimina
  2. Mi ero annoiato di più solo guardando "La Talpa" e Transformers 4 (che sembrava non finire mai tant'è che a metà film abbiamo preso e ce ne siamo fuggiti dal cinema)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura?
      La talpa l'avevo trovato un po' ostico all'inizio, ma alla fine, quando finalmente sono riuscita a capire chi era chi e faceva cosa, non è stato affatto un brutto film.
      Mentre per T4 non saprei, non ne ho mai visto mezzo...

      Elimina
    2. Comunque mi sono documentato. Sono uscito a metà film a Transformers 3. Il 4 l'ho visto tutto... Tutto... Le parti in cui non dormivo...

      Elimina
  3. Avevo nasato la mezza fregatura. su questa:
    "il figlio di Robocop nel remake di Robocop, e il figlio di puttana in questo film"
    Ho riso come lo scemo che sono ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che corro il rischio di sembrare lombrosiana, ma il Kinnaman c'ha proprio la faccia da figlio d'androcchia... :)

      Elimina
  4. Kinnaman è zio Dario! Il sosia del fratello di Ford! Quello di the Killing!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah! non mi è venuto in mente Dario, sarà che non me lo ricordo con quella faccia di merda? :)
      (ovviamente non ho mai visto The Killing....)

      Elimina
  5. non ho buone prospettive di riuscire ad entrare in un cinema in queste settimane, ma questo non sarebbe stato la mia prima scelta comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ero abbastanza curiosa, invece, ma devo dire che il risultato non è stato dei migliori...

      Elimina
  6. In questo film non c'è traccia di vodka, e già questo gli nuoce, e parecchio, in più è proprio una russia vista con occhi statunitensi, quindi una ciofeca di posto immondo... Per carità, il ridente paesino dell'esilio è sputato a Mordor, e non faccio fatica a crederlo, ma, insomma, una visione un po' troppo di parte! Però la Rapace è una bella tosta, e la scena wrestling nel fango non è male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti qua sembrano tutti astemi...
      E comunque la lotta nel fango ci poteva anche stare, visto che c'era il fango, ma vogliamo parlare della carneficina sul treno, quando loro due ne ammazzano settordici?

      Elimina
    2. Eh, per quello dico che è tosta, normalmente in 'sti casi nei film la donna sta in un angolo a squittire, mentre lei s'incazza e glie mena! L'ho trovato implausibile, ma godurioso!

      Elimina
    3. È possibile che quando ci sono dei treni di mezzo - qualcuno ha detto snowpiercer? - tendano inspiegabilmente a svaccare? :)

      Elimina
    4. Potrebbero provare a farne una in un treno di pendolari italiani, così, per vedere se trovano un posto per girare la scena! :-)

      Elimina
    5. però su un treno di pendolari incazzosi sai come si scatena bene la rissa? :)

      Elimina
  7. Sul film non saprei, forse lo provero.
    Invece a proposito di Tom Hardy hai visto questa ( https://www.facebook.com/SkyCinema/videos/914364958625668/ ) intervista? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film non si nemmeno io se consigliarlo o meno, mentre all'intervista darò senz'altro un'occhiata!

      Elimina
    2. ahah c'è solo un minuto di intervista, dai uno sguardo e fatti (spero) quattro risate. ;)

      Elimina
  8. A me il romanzo da cui è tratto era piaciuto molto, nonostante le ambientazioni sovietiche non sono il massimo per me. Sono curioso di vedere il film, sebbene non ti abbia entusiasmato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro (per non venir meno alla mia fama di "lettricedimerda") non l'ho letto, e, pensa un po', sono convinta che sia senz'altro meglio...

      Elimina
  9. A me ha annoiato parecchio. Pensa che io e Lui abbiamo anche fatto la cazzata di andare al cinema a vederlo. Volsk, comunque, è un gran bel posticino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure noi al cinema...
      Volks davvero, esci dalla sala e vorresti catapultarti in agenzia viaggi a prenotare!

      Elimina
  10. Boh ...magari prima leggo il libro...(oggi son in vena di commenti profondi )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me il libro sarà sicuramente meglio....

      Elimina
  11. Ciao ragazza, per far 'pendant' con te in questo periodo mi sono lanciata sul made in Russia e ho acquistato ben due obiettivi fotografici marchiati URSS, estremamente pesanti come (credo) il film che hai visto...
    Come stai? Tutto bene? Ho letto della tua nuova auto … ma ha il (fondamentale) volante riscaldato? Un abbraccio Sheltering.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao cara, ti ho pensato ieri mentre guardavo il programma del Torino Jazz Festival! ;)
      Sto bene, grazie... e tu?
      però adesso che ho realizzato che la mia nuova auto NON HA il volante riscaldato mi sono un po' intristita.... :)

      Elimina