10 febbraio 2015

Wild Card

"e se mi uccidono?"
"starò malissimo per giorni."


E (g)niente. 
Che io leggo Jason Statham e non voglio sapere nient'altro.
Anche perché, se mi mettessi ad indagare, probabilmente... ahime, probabilmente purtroppo lo vedrei lo stesso. 
Alla regia c'è Simon West, che, lo dico per quelli di voi che frequentano solo il cinema con la C maiuscola e non il cinema di serie C, ha diretto cose come Con Air, Lara Croft: Tomb raider, The Mechanic, The Expendables 2, che quando leggi "la figlia del generale" ti viene da chiederti se non si siano sbagliati. O forse, semplicemente, si è sbagliato lui. 
Che, se la memoria non mi inganna, quello sembrava quasi un film serio.
Comunque.
Pare che questo Wild Card sia un remake di un film del 1986 con Burt Reynolds che si intitolava Heat. 
No, non l'Heat diretto da Michael Mann, sciocchini, quello è del 1995, tutta un'altra roba.
Già l'originale non fu un grande successo (ho letto, perché io non ne ho memoria), ma qua siamo a livelli che il film ha guadagnato una cifra davvero ridicola, ma così ridicola, ma talmente ridicola che l'unica cifra più ridicola che mi viene in mente è quella della mia busta paga. 
Siamo a Las Vegas durante il periodo natalizio. 
Che tu mi chiederai, giustamente, come si fa a capire che è Natale a Las Vegas?
Semplice, così:

La "Wild Card" è la carta da gioco cui può essere assegnato il valore di una qualunque altra carta del mazzo. In informatica, una Wild card è un carattere speciale che rappresenta un qualunque carattere o sequenza di caratteri. In italiano la carta è il jolly e per questo motivo l'equivalente informatico prende il nome di carattere jolly. Sempre per questo motivo questo capolavoro di film, in paesi come Francia e Ungheria si intitola "Joker". 
Wild è anche il cognome del nostro protagonista - fantasia portami via - che si intuisce abbia un passato più o meno misterioso, e che adesso fa lo chaperon a Las Vegas, e viene ingaggiato da Cyrus Kinnick (Michael Angarano) per proteggerlo dal pericoloso mondo del gioco di azzardo, ma quando la sua amica Holly viene violentata e pestata a sangue dal boss DeMarco e dai suoi due scagnozzi, il suo lavoro con Kinnick passa in secondo piano.
Bisogna aspettare 40 minuti per vedere Statham recarsi nella suite di Demarco ed esibirsi in un calcio rotante, e altri 20 per vederlo stenderne settordici a mani nude nel casinò dove nel frattempo, dopo due interminabili mani di black jack il nostro eroe ha prima vinto 500.000 dollari, e poi, con la stessa velocità, li ha persi. 
Nel frattempo abbiamo scoperto che il sogno di Nick è abbandonare Las Vegas (come dargli torto) per trasferirsi in Corsica. E i 500.000 dollari gli servivano (anche) per quello. Ma, dopo la rissa nel Casinò viene prelevato dagli uomini di Baby (Stanley Tucci con il parrucchino di Ennio Doris) perchè qualcuno dopo l'incursione nella famosa suite ha ammazzato i due scagnozzi del giovane boss, che ovviamente incolpa Nick degli omicidi. 
Ma Baby, nonostante sia una carogna, è intelligente, e sa che Wild non usa MAI armi da fuoco, e quindi - tu pensa - gli salva la vita, in modo che DeMarco possa giurargli vendetta e noi si possa assistere al gran finale dove, in un crescendo di suspance, il nostr...

13 commenti:

  1. Aspetta: Nick è il protagonista, cioè Nick Wild? Chè mi sono (s)confusa un po' leggendo l'avvincente trama dell'ennesimo film con Statham che mi sono persa senza neanche sapere esistesse, quindi grazie, almeno adesso so che me lo sono perso! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì sì, Statham è Nick Wild.
      Ma davvero un film bell.zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

      Elimina
  2. Jason Statham era un grande.
    Da quando è entrato a far parte degli Expendables però non ha più azzeccato un film...
    Sarà un caso? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra il primo expendables e il secondo però c'è stato Killer Elite, che a me era piaciuto abbastanza, Poi, diciamocelo, non è che la sua filmografia, se vogliamo escludere i film di Guy Ritchie, pulluli di pietre miliari della cinematografia... ma questo davvero, raggiunge dei livelli di noia pesante che non sono umanamente sopportabili...

      Elimina
  3. Ero quasi tentato di daunloudarlo, ma poi mi son detto che probabilmente era una cazzata di quelle inguardabili...e infatti. Grazie di assaggiare il cibo per me, te ne sono grato :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ben sai è un duro lavoro, ma qualcuno dovrà pur farlo... :)

      Elimina
    2. lo so lo so, hai tutta la mia stima e il mio ossequio :-D

      Elimina
  4. Un film d'azione che fa pure ronfare? Passo alla grande proprio ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azione è una parola grossa, che tre pestaggi per 90 minuti di durata, in un film con Jason Statham non si avvicinano nemmeno lontanamente al minimo sindacale!!!
      Guarda, sono indignata! :)

      Elimina
  5. ...io passo...
    i film d'azione non sono il mio dio d'amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari fosse un film d'azione, questo!!! :)

      Elimina
  6. Ahahahah, diciamo che il buon Jason è da un po' che non imbrocca un film giusto, purtroppo... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simone, non mi dire niente.... un vero dolore!!! :)

      Elimina