9 dicembre 2014

32° TFF: Inupiluk

Inupiluk
(di Sébastien Betbeder - Francia, 2014)


Perché mi è piaciuto tanto Inupiluk?
Per la sua durata ridotta? Per la poesia che riesce a trasmettere? Per la sua ambientazione parigina al cui fascino non riesco a sottrarmi? Per la simpatia e la tenerezza dei suoi protagonisti?
Credo sia un po’ per tutte queste cose messe assieme.
Il cortometraggio (34 minuti) realizzato da Sebastin Betbeder inizia facendoci conoscere Thomas (Thomas Blanchard) intento a passare il pomeriggio in un bar, assillato dall'atroce dubbio se mandare o meno un messaggio alla ragazza che l'ha lasciato. Viene raggiunto dal suo amico Thomas (Thomas Scimeca) distrutto da tre ore di tennis (viste in TV, genio) e i due, essenzialmente due eterni minchioni - ma nel senso buono del termine - iniziano a discutere della caducità delle umane cose, quando Thomas dice a Thomas (come fai a non volergli bene?) di essere preoccupato. Il padre, che vive sei mesi all'anno in Groenlandia, aveva deciso di ospitare due inuit che non si sono mai mossi dal loro paese e che non hanno mai visto il mondo, ma un incidente di caccia non gli consente di potersi prendere cura dei suoi ospiti. I biglietti, che non sono affatto economici, sono già stati acquistati, il viaggio prenotato e i due eschimesi arriveranno in città il giorno successivo, e Thomas ha promesso al padre che se ne sarebbe occupato lui, quindi chiede all'amico Thomas di unirsi a lui per fare da guida agli ospiti di suo padre.
Quando Ole ed Adam arrivano a Parigi inizia l'avventura: i due inuit non parlano una parola di inglese, né tanto meno di francese, e si esprimono soltanto nella loro lingua. I due Thomas pensano quindi di registrare i loro dialoghi per poi farli tradurre via skype al padre. In un contesto surreale i due ragazzi accompagneranno gli inuit allo zoo a fargli vedere animali di cui hanno sempre solo sentito parlare, e, cercando in qualche modo di comprendersi e farsi comprendere vicendevolmente, fra scambi di battute senza possibilità di comprensione accompagneranno i due ospiti fino al mare, dove potranno fare il loro primo bagno.
Quando arriverà il momento dei saluti fra i quattro si sarà instaurato comunque un rapporto di amicizia.
Mezz'ora che scorre senza che capiti chissà che, ma tutto quello che succede è così naturale e spontaneo che a Inupiluk (che significa "gangster" in lingua inuit) non si può non voler bene.

10 commenti:

  1. Ma l'sms alla fidanzata che l'ha lasciato l'ha mandato? No, sai, è importante! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Importanterrimo, direi. Sai che forse sì ma non ne sono sicurissima?
      John Black. 42 Washington Street...

      Elimina
  2. Risposte
    1. Guarda come parla l'esquimese 'sto qua! It's the eskimo blood in your veins...

      Elimina
    2. e comunque l'associazione a cchiù inupiluk pi ttutthi scatta automatica...

      Elimina
    3. Infatti mi stavo chiedendo se fare la battuta o no, poi mi son detto che era una cazzata e ho lasciato perdere :-D...vabbé, andrò a non leggere il blog di Danty, magari inizio a sbadigliare e a dormire un po'. Poison, che tu sappia, oltre ad essere snob è anche permaloso? Comunque mi attira tanto tanto 'sto corto...

      Elimina
    4. Tesoro, ma dovresti sapere che qua le cazzate proliferano come la fuffa a mazzetti...
      Comunque il corto è davvero davvero molto carino. :)

      Elimina
  3. mi piace!! Potrei arrischiarmi a vederlo pure io che perdo i sensi dopo 35minuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi? è perfetto, questo ne dura 34!!! :)

      Elimina