10 novembre 2014

T(o)ur-ista a To(u)rino




Ci sono week end in cui riesco a sconfiggere la pigrizia con cui convivo da sempre e (ri)esco a fare cose, vedere gente. Quello appena passato è stato uno di questi, in cui la pigrizia è rimasta a casa, ad aspettarmi. Sul divano. Assieme al gatto.
La settimana scorsa, curiosando nella sezione delle fotogallery della Stampa ho scoperto che in Barriera di Milano era stato istituito il bando B.Art, che prevedeva l'ideazione di un concept e la sua realizzazione sulle facciate di 13 edifici sparsi nel quartiere. La gara è stata vinta da Francesco Giorgino, in arte Millo, architetto pugliese trapiantato a Pescara, e. proprio sabato, il Comitato Urban organizzava dei tour alla scoperta dei vari lavori che hanno abbellito le facciate cieche di palazzi più o meno anonimi.
Approfittando anche del meteo favorevole mi sono iscritta, e sono andata alla scoperta delle opere di Millo, che tornerò a vedere con più calma, prima o poi, appena smetterà di piovere, forse. 


Durante il tour urbano era prevista una sosta al Bunker, interessante associazione culturale - di cui ignoravo l'esistenza - che sorge in un'immensa area post-industriale collocata fra Barriera di Milano e lo Scalo Vanchiglia che propone attività culturali e sportive di diversa natura per promuovere l’utilizzo delle aree urbane. Il progetto è caratterizzato da manifestazioni musicali, mostre, eventi sportivi, attività artistiche che vanno dalla street art ad installazioni di varia natura, oltre alla possibilità di coltivare degli orti. Decisamente interessante. Se volete saperne di più, qua trovate tutte le informazioni, io, come al solito, ci metto le figure:


 
Alla fine del tour ho mangiato una cosa al volo in un bar e ho raggiunto la bionda in centro.
"Ci vediamo in Piazza San Carlo?" chiede lei.
"Facciamo in piazzetta (Piazza Carlo Alberto ndr), che è più piccola e c'è meno casino?" rispondo io.
In Piazza Carlo Alberto (revival mode on: piazzetta è il nome con cui veniva identificata negli anni 80, quando era il nostro luogo di ritrovo preferito. E di stallo, visto che, attorno a quel monumento, ci abbiamo passato interi pomeriggi a decidere cosa fare e dove andare. E il più delle volte si finiva a non fare mai niente, e non si andava da nessuna parte. Revival mode off) il secondo sabato del mese c'è Extravaganza, mercatino del vintage e del modernariato, quindi la piazzetta con meno casino era un tripudio di gente e bancarelle e io e la bionda per trovarci abbiamo dovuto telefonarci, quando eravamo a meno di 10 metri di distanza. 
Ma alla fine ci siamo trovate.
E siamo andate al cinema.
A vedere "io sto con la sposa".
Di cui vi parlerò prossimamente.
Forse. 

13 commenti:

  1. Io sono stata a Tanz Salvario, con la non recondita idea di farmi un hot dog Tetesco di Cermania con tutti i crismi, ma, big delusion, bancarelle a iosa di giovani creativi e designer di cose in massima parte importabili per una signora di una certa come me ma zero cibo. C'erano bijoux che ti sarebbero piaciuti! (Per la parte revival, mi sa che dovresti pubblicare una foto con noi enne anni fa, per dare davero davero l'idea del Come eravamo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma nemmeno nei locali che solitamente vendono cibo non c'era nessun venditore abusivo di hot dog? oh.
      A Tanz Salvario ci avrei fatto volentieri un giro ieri, se non ci fosse stato un tempo di merda.
      E per il "come eravamo" si devono fidare, si devono...)
      ;)

      Elimina
    2. Sì, in effetti era ieri e siamo riusciti ad andare prima che piovesse, quindi è stato carino, e poi abbiamo abbandonato l'idea hot dog per una farinata all'ex Saint Paul... (cioè, che fosse ex l'ho scoperto là davanti).

      Elimina
    3. Anche perché non fosse stata ex col cavolo che ti facevano la farinata, quelli! :)
      (che peccato però, la pretty mi piaceva così tanto... e anche loro, così disadattati... un po' mi mancheranno....)

      Elimina
    4. non c'è più Saint Paul? ossantinumi

      Elimina
  2. avete dei murales così belli a Torino? e perchè quando ci sono stata non ne ho visto nemmeno uno? T.T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh sì!
      beh, c'è da dire che quelli di Millo sono stati eseguiti nell'arco degli ultimi due mesi e ce ne sono ancora due da realizzare, e, oltretutto, non sono esattamente in zone di passaggio e/o passeggio turistico... però secondo me cose come queste sono occasioni per valorizzare e far conoscere zone della città solitamente snobbate dai circuiti tradizionali...

      Elimina
  3. Ti ho seguita con passione su Instagram... ma la meraviglia. Quando vengo con F. qualcosina mi piacerebbe vedere! Poi ti offriamo il pranzo. O la cena. O entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi porterò in esplorazione più che volentieri!!!

      Elimina
  4. ma mi piace proprio questa cosa! anche se il nome d'arte dell'architetto mi fa ridere molto per motivi personali di quando ero gggiovane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me è molto bella... poi il nome d'arte (leggevo) è stata una scelta quasi obbligata, perchè se cerchi Francesco Giorgino su Google ti appare il giornalista del TG1, quindi lui, che di secondo nome fa CaMILLO ha optato per Millo. Et voila.

      Elimina
  5. Altro che gli argentini, voi torinesi sì che sapete come valorizzare le medianeras :)

    ps: Aspetto il prossimamente di Io sto con la sposa, è stata una delle visioni più intense per me a Venezia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che bravi? :)
      Appena riesco a trovare un po' di tempo mi applico, comunque film decisamente interessante, sono d'accordo.

      Elimina