7 novembre 2014

Interstellar

Non andartene docile in quella buona notte,
I vecchi dovrebbero bruciare e delirare al serrarsi del giorno;
Infuria, infuria, contro il morire della luce.
Benché i saggi conoscano alla fine che la tenebra è giusta,
perché dalle loro parole non diramarono fulmini
non se ne vanno docili in quella buona notte,
i probi, con l'ultima onda, gridando quanto splendide
le loro deboli gesta danzerebbero in una verde baia,
l'infuriano, s'infuriano contro il morire della luce.
Gli impulsivi che il sole presero al volo e cantarono,
troppo tardi imparando d'averne afflitto il cammino,
non se ne vanno docili in quella buona notte.
Gli austeri, prossimi alla morte, con cieca vista accorgendosi
che occhi spenti potevano brillare come meteore e gioire
s'infuriano, s'infuriano contro il morire della luce.
E tu, padre mio, là sulla triste altura maledicimi,
benedicimi, ora, con le tue lacrime furiose, te ne prego.
Non andartene docile in quella buona notte.
Infuriati, infuriati contro il morire della luce.


Il tempo è relativo, e il buon Nolan non perde occasione di ricordarcelo, ma il suo ultimo film dura 169 minuti che - alla faccia della relatività - mettili come vuoi, restano pur sempre 169 minuti. 
Per questo motivo io e la bionda, ieri, abbiamo affrontato il film allo spettacolo delle 18.30.


Lo ammetto, partivo con la mia bella manciata di pregiudizi, intanto perché il genere non ha mai incontrato i miei favori, ma soprattutto perché, dal trailer, il film non prometteva davvero nulla di buono.
Ma, siccome tutto è relativo, va detto che il trailer non rende affatto giustizia all'opera, anzi.
E io, che temevo di dover affrontare una rottura di maroni cosmica, ho dovuto ricredermi. Se non altro qua nessuno ad un certo punto si permette di saltare in groppa ad un estintore, per dire. 

Siccome nasco cretina, quando la Brand (Hataway) [da non confondersi con il Brand (Caine)] nomina "loro" e Cooper (McConaughey) chiede perplesso "loro chi?" ho risposto io: "i mimimmi!"
E, se qualcuno ancora aveva dei dubbi, a questo punto avrà capito che quella che sta leggendo non è una recensione seria. Quelle le trovate un po' ovunque, ma qua no, qua. No.
Ve la faccio breve: siamo nel solito futuro prossimo, e il pianeta terra sta agonizzando. Piove sabbia, le coltivazioni a poco a poco stanno scomparendo. Solo il mais - ma ancora per quanto? - sembra resistere. In una fattoria circondata da campi di mais vive Cooper, ex pilota della Nasa prestato all'agricoltura, vedovo, con due figli e il padre. La ragazzina, Murph, attraverso dei segnali da parte di un "fantasma" porterà Cooper fino alla segretissima base della Nasa, dove un gruppo di scienziati sta per iniziare un viaggio spaziale che, attraverso un wormhole, cercherà di raggiungere altri pianeti dove il genere umano potrà iniziare una nuova vita. 
Combinazione mancava giusto un pilota.


Cooper decide così di indossare la maglietta da salvatore del mondo, e parte: per salvare il mondo, ma, soprattutto, per salvare i suoi figli. 
E fra scienza, fantascienza, effetti speciali, colonna sonora incisiva, universi paralleli, equazioni e formule mai risolte, fisica dei quanti e teoria della relatività, alla fine sembra che il messaggio che Nolan tenta di veicolare è che è l'amore a far girare il mondo. 
Ovvero quando 2001 odissea nello spazio incontra l'uomo dei sogni. 


E qua mi fermo. 
Perchè non vorrei correre il rischio di dire troppo.
Quindi vi butto lì due parole sul cast.
Matthew McConaughey nel ruolo di Cooper. Che dire? Niente, non serve.
Anne Hataway nel ruolo della dottoressa Brand. Nonostante l'attrice non sia tra le mie favorite devo ammettere che qua non se la cava male.
Michael Caine nel ruolo del professor Brand. Impeccabile, come sempre.
Jessica Chastain nel ruolo di Murph, figlia di Cooper, adulta. Brava, as usual, e, per restare in tema, gran figa spaziale. 
Mackenzie Foy, nel ruolo di Murph bambina. Promettente.
Casey Affleck nel ruolo di Tom (figlio di Cooper) adulto. 
Matt Damon nel ruolo del dottor Mann. Posso? Uno stronzo galattico.
Ecco, l'ho detto.



Quindi, in ultima analisi, posso dire che Interstellar non delude. Anzi, ad un certo punto io mi sono pure commossa, già. E' tanta roba, e forse, qua e là, ci sono anche un paio di incongruenze, ma credo che, nel complesso, si possano perdonare. 

53 commenti:

  1. Sai Poison?
    SPOILER
    Mica so se in realtà poi il messaggio sia che l'amore fa girare il mondo.
    Ad un certo punto pare di sì, e senz'altro rimane la sensazione fino al finale-
    In reatà il colpo di scena del film è scoprire che tozzaniamente gli altri siamo noi, e che quindi siamo noi, con il nostro sapere, con la nostra testa, con i nostri studi ad esserci così evoluti nel futuro da, in un collasso temporale, avere aiutato noi stessi nel passato.
    Più che un film sull'amore che salva tutto lo vedo uno sulle infinite capacità dell'uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SPOILER AGAIN
      Credo che il film si presti a molteplici interpretazioni, e che Nolan, furbescamente, lasci tutte le porte aperte, comprese quelle dei buchi neri...Infatti nel finale Cooper riparte alla ricerca di Amelia, che è arrivata sul pianeta raggiunto dall'uomo che amava...

      Elimina
  2. Grazie cara, ti aspettavo al varco.
    Temporale.

    RispondiElimina
  3. Stasera me lo schiaffo. L'hype sta salendo vertiginosamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verrò poi a leggerti.
      io - che non sono certo un'amante del genere - l'ho apprezzato.

      Elimina
    2. Visto e...
      ... che dire, di certo bello. Ma per me gli mancava qualcosina per farsi amare del tutto. Nel complesso, però, un gran film - a parte un primo segmento che non finiva più...

      Elimina
    3. Come sai io partivo convinta che mi sarei annoiata a morte, e la cosa in questo caso ha giocato a mio favore.

      Elimina
  4. aspettavo da tempo questo film. Sono appassionato di film di fantascienza e dei film di Nolan. E Interstellar finalmente mi gratifica di un Nolanfantascientifico. Il trailer aveva lasciato molti perplessi, compreso me, ma sapevo che potesse essere un film difficilmente appettibile in un trailer di pochi minuti, quando di molti film il trailer è la parte migliore. E da più parti ho recepito la svolta di Nolan, un po meno algido del solito, con qualche sentimento in più. Non che io non ami quella parte cosi mentale di Nolan da lasciarmi più volte a gratificato davanti a pellicole come memento e inception e prestige e chiederne ancora e ancora come mai assuefatto. Grazie della tua recensione, mi è stata utile per alcune considerazione che avevo a proposito del film e che andrò a vedere al più presto.Demian, quello della biondazza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che piacere averti qua... ;)
      So della tua passione - a differenza mia - per la fantascienza, e credo che questo film abbia tutte le carte in regola per non deludere gli appassionati. Con il pregio di riuscire a convincere anche chi, con la fantascienza, ha un rapporto conflittuale.
      Bacia la biondazza da parte mia!

      Elimina
    2. A me, come Poison, non piace la fantascienza.
      O almeno quella che rimane confinata nel genere.
      Ma quella, come ho scritto da me, che riesce a parlare di tematiche umane ed universali portandole nello Spazio la trovo magnifica.
      La famosa fantascienza intimista se proprio vogliamo catalogarla.
      E sì, come dice Demian (ma anche Poison) stavolta Nolan esalta i sentimenti come mai prima.
      Probabilmente potrebbe anche essere successo qualcosa nella sua vita privata, noi scriviamo sempre quello che siamo e quello che pensiamo.
      E anche noi evolviamo.
      Meno male che non ho una libreria a casa, altrimenti ogni libro che fosse caduto mi sarei messo là col foglio a cercar si capire (stocazzo)

      Elimina
    3. beh ti leggo spesso per chè so che ami il cinema, come me, al di la della fantascienza sono, alfine, un onnivoro di pellicole. E dobbiamo ringraziarti, io e la biondazza, per averci ingolosito con le tue recensioni di True Detective... un solo commento: WOW

      Elimina
    4. @Caden: l'unica volta che mi sono caduti dei libri dalla libreria è stato quando ha ceduto un tassello della mia bookWORM (un chiaro riferimento al WORMhole, aiuto!!!!) e si sono scaraventati sul pavimento nel cuore della notte, facendomi prendere un colpo!!!!

      Elimina
    5. Poison sta parlando a te eh...
      Per come si sono messi i commenti un lettore potrebbe pensare che risponde a me. vista anche il mio amore e quello che ho scritto per TD.
      Ma è giusto dare a Poison quel che è di Poison, quindi lettore occasionale, cerca di fare un salto di un commento per capire.
      Ahhahaha, la poisonetta

      Elimina
    6. Oh cazzo, altro che codice binario, ci sarà stata una voragine tale che bisognava usare il linguaggio delle catastrofi naturali per decifrarlo

      Elimina
    7. io, pragmaticamente, ho risolto cambiando la libreria!!!
      (adesso è costituita da una serie di solidissimi portasciugameani ikea in legno...)

      Elimina
    8. Non c'entra una fava eh, ma vedevo la tua blog roll a destra.

      L'hai descritta:

      PASSO IL TEMPO CON:

      e poi 78 blog

      ahahahhahahahahha

      hai giornate da 95 ore?

      ti prego, non cambiare mai titolo alla blog roll, l'effetto è troppo comico

      Elimina
    9. Da 134, 67 ore di luce e 67 di buio... come nel simpatico ed ospitale pianeta raggiunto dal Dottor Mann... :)

      Elimina
    10. Sempre meglio dell'altrettanto simpaticissimo pianeta Tsunami 24H

      Elimina
    11. uh, che paura quelle ondone!!!

      Elimina
  5. non ho letto nulla, vado sabato, ti dirò

    RispondiElimina
  6. Neanch'io sono amante del genere, quelle (quasi) tre ore mi pietrificano, però è da vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, la lunghezza spaventa un po'... per fortuna una sala vicino all'ufficio lo proponeva alle 18.30, che alle 21.00 passate dello spettacolo serale non so se avrei resistito... infatti per lo stesso motivo abbiamo rinunciato alla visione in v.o. (anche perché certi passaggi erano già abbastanza complicati da seguire in italiano...)
      Ma concordo, resta un film da vedere.

      Elimina
  7. Anche a me il genere non entusiasma affatto. Poi sta storia apocalisse imminente-salviamo la terra ha stufato. Stesso discorso sul trailer, banale. Però ho sentito ovunque commenti entusiasti e allora niente, misa che mi decido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo, il trailer è davvero controcorrente: generalmente ti mettono i mejo momenti del film e quando vai al cinema hai già visto tutto quello che c'era da vedere, qua invece sembra che sia stato montato ad arte da uno a cui sta sul cazzo Nolan...

      Elimina
    2. Dissento! :-) Il trailer è molto carino, ma non eccede in informazioni, a me ha fatto venire una gran curiosità e ho guardato il film come se non l' avessi visto neanche (il trailer), il che secondo me è un pregio, 'sta urfida abitudine di metterci tutto il meglio deve finire!

      Elimina
  8. I Mimmimmi!!!
    Comunque domenica spero di vederlo anche io, che già vi odio tutti, voi che l'avete visto prima di me!! ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico solo a te: i mimimmi non si vedono... ma secondo me ci sono, da qualche parte! :)
      Attendo le tue impressioni!

      Elimina
  9. A me la fantascienza fa mediamente ca.gare... Però se vieni a tenermi il bimbo per tre ore, ti giuro che vado anche a vedere il filmato di King Kong che si depila con la pinzetta...
    Per dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh.
      Io vado al cinema grazie a te. Sei i miei occhi! GRAZIE! Al pupo ci penso io :)

      Elimina
    2. bella che sei! :)
      Grazie a te!!! :)

      Elimina
  10. I Mimimmi, spettacolo! XD Tu dici che non ci sono, mo' mi tocca vederlo per verificarlo! Sta a vedere che il significato non è l'ammore, ma che l'origine di tutto risiede a Foggia! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che potresti avere ragione?

      Elimina
  11. Visto! Bello! Piaciutissimo! 3 ore senza sentirle, gran tensione, bravi tutti, nel post e nei commen tiè già stato detto tutto. Mi permetto di chiedere una cosa: ma se gli altri/i fantasmi siamo noi, com'è possibile che il wormhole sia comparso 48 anni prima dall'inizio della nostra storia? Alla Nasa dicono che quelcuno l'ha messo lì per noi, ma i tempi non coincidono con il ritorno dal buco nero, Cooper non ha 48 anni più della figlia? O sì? E il wormhole è il buco nero rovesciato che permette di saltare dall'altra parte? L'appassionata di fantascienza che è in me gongola davanti a certi dilemmi, l'ignorante di fisica quantistica un po' meno... Tornerò a vederlo in v.o., nonostante il doppiaggio sia senz'altro buono.

    RispondiElimina
  12. Uffa tutti 'sti errori di battitura... :-(

    RispondiElimina
  13. da dove esce 48? E comunque ho dei dubbi che Cooper abbia 48 anni PIU' della figlia.
    Se quando è partito Murph ne aveva una decina lui avrebbe dovuto averne quasi 60...
    per il resto.... un grande boh. Al posto del cervello devo avere un buco nero. Da almeno 48 anni.
    Detto ciò, sono molto contenta di averlo visto doppiato, che in certi punti facevo fatica a seguire i dialoghi anche in italiano, figuriamoci in inglese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sono alla Nasa la prima volta Cooper e la figlia, Brand dice loro del warmhole comparso 48 anni prima, a meno che un buco nero fotonico non abbia ingoiato i miei neuroni, che ci sta pure, comunque! Anche io un paio di cose dei dialoghi me le sono perse, magari se le vedo scritte le capisco! :-)

      Elimina
    2. Di dubbi ce ne son tanti, ma forse l'unica certezza è che tra Cooper e sua figlia ci siano 23 anni.
      Quando tornano sulla navicella sono appunto passati 23 anni e come ultimo videomessaggio c'è lei che le dice di avere adesso la sua età.

      Per il resto il concetto del tempo è relativo, e questo non lo dico per "salvare" Nolan ma perchè è l'architrave del film.
      Quindi dire QUANDO hanno messo il wormhole pensando al nostro tempo non ha senso.
      Anche perchè se è per questo Cooper parla, attraverso la libreria, con la figlia anni e anni dopo, il tempo è collassato

      Elimina
    3. un pò di errori, specie "le dice" al posto di "gli dice"

      Elimina
    4. del resto, se il tempo è relativo, perché non potrebbe esserlo anche la grammatica? cosa sono tutti sti privilegi? il tempo sì e la grammatica no? chi lo ha deciso? LORO? :)

      Elimina
    5. Stai dimenticando che loro, gli altri, siamo noi.

      (Umberto Tozzi era avanti 30 anni, secondo me era passato lui stesso in un wormhole)

      Elimina
    6. O, più probabilmente, Umberto Tozzi E' il wormhole.

      Elimina
  14. vabbè sto ancora ridendo sui mimimmi. e mi sa che stasera mi sparo 'sto cortometraggio... Matthew McConaughey ma quanto mi è piaciuto in True detective? e quanto m'è piaciuto True detective?

    p.s.: vi (a voi tutte e tre, non ho iniziato a darti del voi) scrissi a proposito del tff!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, finalmente hai visto True Detective? ebbravo!
      ho visto che hai scritto, ma non ho ancora letto. però tanto so che giàssò. :)

      Elimina
    2. maquantenesai!

      p.s.: e mi dovevo fare tre giorni di mutua per vederlo con tutti i santi crismi...

      Elimina
    3. Carcosa...........

      Elimina
    4. di' carcosa di sinistro!

      Elimina
  15. Non è il mio genere, ma il motivo per cui non mi sono ancora decisa a vederlo è la durata (sono peggio dei bambini, tenermi ferma per più di due ore è dura). Però tutti quelli che l'hanno visto dicono che il tempo vola via in fretto con questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è nemmeno il mio, di genere, e la durata un po' spaventa, infatti per lo stesso motivo non ho ancora visto Boyhood...

      Elimina
  16. Visto anche io, ieri. Diciamo che mi è piaciuto, ma per motivi tutti miei. Ma mi è piaciuto, molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che ci siano sempre dei motivi "nostri" che ci fanno amare o detestare un film... e adesso vengo a leggerti.

      Elimina