30 ottobre 2014

Frank

Ci tengo innanzitutto ad avvisare i/le eventuali fans di Fassbender: un po' come succede in "i due volti di gennaio", dove non si vede il culo di Viggo Mortensen manco per sbaglio, anche in FRANK Fassbender non mostra (ma quanto siete maliziosi? Non parlavo dell'appendice per cui George Clooney ha detto che quell'uomo potrebbe giocare a golf con le mani dietro la schiena) il suo bel visino, perché per (quasi) tutta la durata del film recita con una maschera di cartapesta calata sul volto. Sì, proprio quella che vedete lì sopra.
Comunque.
Martedì sera a Torino c'è stata l'anteprima ad inviti per la visione dell'ultimo film del regista irlandese Lenny Abrahamson, di cui, scopro ora, ho visto ben due film. Considerando che ne ha girati 4 direi che conosco quasi tutta la sua filmografia.
Il primo è stato "Garage" che, a leggere quello che ne scrissi 5 anni fa, non mi aveva entusiasmato tantissimo... Poi è stata la volta di "What Richard did" e anche qua, a livello di entusiasmo, avrei qualcosa da recriminare.
C'è da dire che martedì è stata la giornata conclusiva del cetriolo, io sono rientrata in ufficio alle 14.45 sprizzando la stessa vitalità di uno straccio da pavimenti (usato) e sono andata al cinema con la convinzione che mi sarei addormentata per tutta la durata del film, invece mi sono assopita solo per una manciata di minuti. Il che significa che, tutto sommato, il film è riuscito a piacermi, in qualche modo.
Il film si ispira liberamente alla vita di Chris Sievey, di cui, se avete voglia, potete leggere la storia qui, e al suo personaggio, Frank Sidebottom, oltre a quella di Daniel Johnston e Captain Beefheart,




La storia ci viene raccontata attraverso Jon (Domhnall Gleeson, visto ad esempio in "never let me go", "shadow dancer", "about time" ecc.) aspirante musicista che un giorno, in maniera del tutto fortuita, viene ingaggiato dal gruppo dei Soronprfbs, il cui leader, Frank, indossa sempre una maschera di cartapesta sul viso. Il gruppo è formato da una serie di casi umani psichiatrici più o meno preoccupanti: Nana, la tastierista che non parla mai, Baraque, bassista che parla in francese, Clara, nevrotica suonatrice di theremin, probabilmente - e segretamente - innamorata di Frank, e Don, manager del gruppo.
La band si isola in un capanno per registrare un album e Jon, che Frank ha preso in simpatia scatenando l'ostilità di Clara, di nascosto dagli altri componenti del gruppo, attraverso Twitter e YouTube(i tweet di Jon appaiono sullo schermo) pubblica i bizzarri esperimenti del gruppo, che a poco a poco diventa un piccolo fenomeno.
Storia bizzarra e surreale, che mischia divertimento e dramma, con un cast che, diversamente dai Soronprfbs, funziona e convince. 


31 commenti:

  1. Ah! Ma non sono io...
    allora chiedo scusa, ma il titolo era fuorviante :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah!
      È vero! :)
      (Potresti chiedere i diritti al regista... )

      Elimina
  2. Ahahahah, l'inizio della recensione mi ha fatto troppo ridere!
    Visto il film qualche tempo fa, in lingua. Mi è piaciuto, ma soprattutto nella prima parte. Il messaggio, alla fine, mi è sembrato un po' il solito, ma non per questo l'ho trovato scontato. Un film che, boh, non so descrivere. Bravissimo il protagonista, con la maschera e senza; idem il rosso del bel Questione di tempo. PS. Fassbender è più bello di me pure con la maschera, ma quasi quasi canto meglio io :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto in v.o. pure io, ovviamente. Questo è un altro di quei film che con il doppiaggio perderà 3/4 del suo fascino.
      Comunque sì, la prima parte è più convincente, sul finale si sfilaccia un po', ma nel complesso non delude.

      Elimina
  3. poteva essere un cult totale, invece è "solo" un buon film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di questi tempi "solo un buon film" è già tanta roba, non credi? :)

      Elimina
  4. Il film più bello degli ultimi mesi, inaspettatamente stravagante, amaramente allegro, con personaggi fuori da ogni clichè. Bravissimo Fassbender con la testona di cartapesta, la scena della doccia è fantastica, mi sono divertita e mi sono intristita e ho patito le orribili stonature delle terribili canzoni. Bello bello bello. Molto molto vicino ad un cult, mio personale s'intende. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le canzoni erano davvero agghiacciantaaaaa...

      Elimina
  5. Una bella idea che parte con slancio e poi si affloscia reiterando stancamente le stesse situazioni stile Sundance. La penso come Marco... per me è un 6½.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me anche qualcosina in più, diciamo che un 7 se lo merita tutto!

      Elimina
  6. Ce l'ho in rampa di lancio. Saranno lodi o bottigliate? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente non griderai al capolavoro, ma le bottigliate non se le merita! :)

      Elimina
  7. Mi aspettavo qualcosina in più, effettivamente, perchè pure io mi sono addormentata ma ho potuto premere pausa e recuperare... ottime canzoni, storia folle quanto basta, ma manca quel qualcosa per renderlo del tutto unico.

    ps: non potendo gustarmi Fassbender e il suo bel faccino mi sono concentrata sulle sue mani, e probabilmente anche senza aver visto Shame potremmo affermare quanto detto da George ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, sulle "ottime" canzoni avrei qualcosa da ridire, ma si sa, i gusti... :)
      comunque sì, film gradevole a cui manca il tocco geniale, ma di questi tempi io mi accontento... :)

      Elimina
  8. caruccio, da primo pomeriggio al Tff, ma tutto sommato mi ha lasciato un po' così. certo, se si considera che è ispirato a una storia vera... maaaaa... andiamo a vedere l'ultimo PSH, che c'è anche l'orrido Dafoe che piace tanto alla tiz?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda, considerati i precedenti del regista io direi che questo è il suo film migliore, poi...
      poi...
      poi...
      poi un cazzo, c'è un "orrido" di troppo nella tua ultima frase, e quindi mi sfugge il senso...

      Elimina
    2. no, dai, Dafoe è bravo e buono e tutto ma non si può vedere! detto ciò mi chiedevo se avete in programma di andare a vedere A most wanted man

      Elimina
    3. Non so nulla dei film di cui mi state parlando, ma io con Dafoe andrei a vedere il remake di Vacanze di Natale, fate un po' voi! E' bello, sexy, ha tutto. Forse però non è alto, direbbe la bionda... :-)

      Elimina
    4. La risposta è "non lo so". Ti basta in italiano?

      Elimina
    5. Seriamente: non so cosa aspettarmi da Corbijn in ambito spionaggio. Che insomma, dopo quella lamata di "the american" avrei un po' di pregiudizi...

      Elimina
  9. Uh, ho visto adesso, La spia con Dafoe e Seymour Hoffman, altrochè se voglio vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anfatti! io punterei sul domani sera, fatemi sapere

      Elimina
  10. Premetto che entrando qui e ritrovandomi davanti quel faccione, un piccolo sobbalzo sulla sedia l'ho avuto...non me l'aspettavo (sarà l'atmosfera che precede la notte degli spiriti che mi rende un po' cagasotto?!). Detto ciò devo aggiungere, sister bella, che hai un modo di raccontare i film che fa venir voglia di andarli a vedere tutti - quando ne parli bene - o, quando li stronchi, di scartarli a priori senza prendersi il mal di pancia di vederli per averne conferma ^_^ Ah... en passant: a me il suono del theremin piace un sacco ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah!
      bella che sei, sorellina! :)
      Grazie!!!
      (ehi, a proposito: hai già traslocato?)
      en passant: io per scoprire cosa fosse il theremin ho dovuto aspettare che comparisse sullo schermo!

      Elimina
    2. maddai! avrei giurato che fossi molto più alternativa :D

      Elimina
  11. Il trasloco è quasi finito, sister. Tra una settimana esatta farò l'ultimo viaggetto per portare là le ultime cose... C'ho paura! ^__________^ Io ho scoperto cos'era il theremin grazie a... L'Ispettore Barnaby -_-' (la sigla è suonata per gran parte con quello)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, bene... quando sei pronta a ricevermi sappi che mi vedrai arrivare! :)

      Elimina
  12. Sono indecisa.. non mi convince ma avrei voglia di vederlo proprio per la curiosità di vedere se un personaggio in maschera funziona o meno... valuterò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il personaggio funziona, poi magari il film nel complesso non è perfettamente riuscito, ma una visione la merita senz'altro!

      Elimina
  13. A me è piaciuto! Si perde solo nella parte drammatica, ma è un film stralunato, che non si fanno da un bel po'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. E comunque - considerate le condizioni di stanchezza in cui l'ho affrontato - il fatto che io sia riuscita a non dormirlo "tutto" significa che nel complesso funziona! :)

      Elimina