20 settembre 2014

tantum quantum

Signori del Tantum Rosa, ma che problema avete? 
Io capisco che avendo venduto per anni un prodotto (verde) che serviva per risciacqui e gargarismi, quando lanciaste sul mercato quello Rosa il vostro bacino d'utenza femminile potesse cadere nell'equivoco che si trattasse di un colluttorio per femminucce, nonostante la pubblicità di un gruppo di sgallettate che accoglievano l'amica arrivata in ritardo, la quale, invece di accampare la scusa "ho bucato" lamentava un fastidioso prurito manco fosse andata a cagare sulle ortiche. 
E va bene. 
Dopo aver creato intasamenti nei pronto soccorsi di mezza italia, con gente preoccupata per aver bevuto il prodotto, avete capito che c'era qualcosa che non andava e avete dovuto specificare sulla scatola che quel prodotto (rosa) serviva sì per fare risciacqui, ma non alle tonsille. 
Come sempre, dopo il clamore iniziale, le cose si sono calmate, e non ci è dato sapere se c'è ancora gente che confonde la parte da trattare. 
Ma.
Da qualche giorno, vi siete lanciati con una nuova campagna pubblicitaria. 
Dove una vaginomunita esce raggiante da un ambulatorio medico, con la stessa espressione beata che io solitamente assumo dopo l'acquisto dell'ennesimo quanto indispensabilissimo paio di scarpe, ma, si sa, non siamo tutte uguali. Per fortuna. 
E cosa dice questo donnino, per farci sapere il motivo di tanta felicità? 
Attenzione: 
"il mio ginecologo mi raccomanda, INNANZI TUTTO, un'accurata igiene intima". 
Il tuo ginecologo???
Ma beata donna, fammi capire. 
Una rivelazione di tale portata, te la deve dire il tuo ginecologo? Davvero mi vuoi far credere che da sola non ci saresti mai arrivata?  
Signori del tantum (verde, rosa, giallo, azzurro, strega comanda colore ecc.), capisco che i precedenti non giochino a favore delle portatrici di cromosoma XX, ma non vi sembra di esagerare? 

6 commenti:

  1. certo è che...
    creare una bella campagna pubblicitaria su un argomento così "discutibile"...
    non è semplicissimo, no?!

    RispondiElimina
  2. Beh, se consideriamo il deodorante che "più sudi più profumi" (ovvero non ti lvare, che tanto ci penso io) e pensiamo un momento all'eau de mort che c'è sull'autobus la mattina direi che in giro c'è una penuria di igiene, intima e non.

    RispondiElimina
  3. Già sai, ma fingi stupore e meraviglia!!
    Questo post, mi ha fatto venire in mente la puntata di true detective nella quale il tipo dice al collega di lavarsi perchè puzza di figa! Ecco, una bella doccia di tantum colorato e via!

    RispondiElimina
  4. Se c'è chi ancora crede che col ciclo non bisogna lavarsi non mi stupisco più.

    RispondiElimina
  5. Cavoli! Ecco perchè non mi passa il mal di golaaaaaa.... Ed io sapevo che non bisogna MAI lavarsi onde evitare infezioni, che si sa, non vorremmo mica uccidere gli anticorpi!!!

    RispondiElimina