2 settembre 2014

Im Keller (In the basement)

Signore e signori, la Tiz è stata a Venezia. 
Le sarà costato come una settimana ai Caraibi, ma vuoi mettere la soddisfazione? 
So che ha visto Michael Shannon, ma al momento non ci siamo ancora incontrate di persona, quindi non so quanti e quali v(A)ips abbia incontrato di pessona pessonalmente. 
Pare che però sia riuscita a vedere almeno settordici film, quindi adesso vi beccate qualche sua recensione lagunare. Che io sto prendendo possesso del nuovo ufficio e in questi giorni sarò un po' indaffarata. Più che altro a buttare via carta. 
La collega che ho sostituito apparteneva alla categoria "nonsibuttavianientechenonsipuòmaisapere", infatti stamattina ho trovato dei suoi appunti del 2009. Inutile dire che adesso non esistono più. 
Ma basta parlare di me.
Lasciamo che la Tiz ci parli del film:


Gente bella, voi cosa tenete nella vostra cantina? 
Io qualche bottiglia di buon vino, l'albero di natale, vecchie apparecchiature elettroniche che un giorno magari diventeranno vintage e potrò vendere a caro prezzo e un vecchio aspirapolvere. Se non è guasta la roba non la butto, ma meno male c'è la cantina! 
E così devono pensarla molti austriaci, i quali usano le loro cantine (grandi come appartamenti, sapevatelo) per le cose più disparate, tra cui il triste erpetologo con boa constrictor che mangia porcellini d'india che, alla fine, è il più tranquillizzante. 
Abbiamo il collezionista di memorabilia sul Fuhrer e il terzo Reich, con manichini agghindati di tutto punto ai lati del divano e foto e bandiere alle pareti, forte bevitore, con amici della sua stessa risma, davvero agghiacciante. 
Abbiamo l'attempata e sinistra signora che coccola bambolotti di neonati (neonati di rara bruttezza) che tiene in alcune scatole; un cesso d'uomo che è convinto di piacere molto alle prostitute perché il suo getto di sperma è così potente da essere eccitante (si sa che le prostitute sono tenute a dire la verità ai clienti) e in cantina sollazza una specie di mistress che si era stufata di fare la commessa; e, i miei preferiti, una coppia urbana e qualsiasi in cui lei domina e il suo peloso marito (era forse nei Superfurry animals?) è dominato, con pesi sui coglioni, attrezzi anali, ganci per sollevarlo sempre dalle parti basse e via andare... ma in verità le meglio cose lui le fa non in cantina (luogo del vero sadomaso) ma in casa, cioè gliela lecca dopo che ha pisciato (graaaande risparmio di carta igienica!) e lava i piatti con le manette. 
Io se mi dicono dove si firma ne voglio uno così, ma senza peli. 
Il tutto girato con inquadrature mirate, squadrate, quasi dei fermo immagine sulle espressioni dei protagonisti, siano essi animati o inanimati. 
Si ride, si sorride, si prova un po' di dolore e ci si preoccupa anche un po'.

19 commenti:

  1. Seidl mi fa morire. in senso buono, s'intende

    RispondiElimina
  2. Da vedere, e magari recupererò quelli della trilogia precedente che mi sono persa. In sala c'era tutto il cast (non so neanche sia un semi documentario o cosa, vedi l'ignoranza), la dominatrix con un enorme tatuaggio del diavolo a tutta schiena con brillini inseriti al posto degli occhi, mi faceva così paura che non ho osato fotografarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pare che in effetti sia un po' un mezzo documenario, o che perlomeno i non-attori interpretino più o meno loro stessi. credo

      Elimina
    2. ma il documenario è un documentario in cui i protagonisti se meneno? :)

      Elimina
    3. @Tiz: ma bello il tatuaggio coi brillocchi! Quasi quasi...

      Elimina
    4. Venticello02/09/14, 10:06

      dice che so' sadomasochistici e je piace de menasse. a commissa', tz tz, ma li mortacci loro!

      Elimina
    5. A Ventice'... ah ah ah ah!
      Mitico!

      Elimina
    6. @Dantès: allora ho applaudito il nazista, (ohibò) la dominante, il dominato, e la signora dei neonati nelle scatole...
      @Poison: noooooooooooooooooooooooo

      Elimina
  3. Devo scendere in cantina a vedere che c'ha infilato mio marito! O__o

    RispondiElimina
  4. A me le cantine non sono mai piaciute e adesso capisco il perché :-D...attendo recensioni più appetibili, tipo Oppenheimer!!!! L'hai visto?? Ne parlerai? Intanto, ciao Danty, mi sei mancato :-)...e buongiorno signora Poison, mi inchino alla sua nuova posizione sociale :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno caro...
      Non inchinarti troppo, che potrebbe essere pericoloso! ;)

      Elimina
    2. Ah, Tiz, grazie anche per gli auguri di compleanno...credo me li abbia fatti anche Poison, ma non riesco a trovare il suo messaggio :-D

      Elimina
    3. :-D...tranquilla, non me li ha fatti neanche Danty...

      Elimina
    4. ma sai che prima mi stavo giusto chiedendo che fine avessi fatto? (auguri in ritardo)

      Elimina
    5. Visto Oppenheimer, gran film all'altezza di The act of killing, quelli buoni magari la Poison li vede e vuole recensirli lei, è la padrona qui! :-)

      Elimina
    6. Fascino risorto02/09/14, 15:06

      @Danty: una fine misera, ho lavorato tutta l'estate, manco un giorno di ferie (tranne qualche momento verso fine agosto).
      @Tiz: me ne han parlato bene anche i miei contatti al Lido, forse forse ho recuperato The act of Killing (la copia che possedevo aveva un ritardo di 15 secondi nei sottotitoli e il mio bahasa è un po' arrugginito)...lascia perdere la Poison, adesso sarà impegnata con l'AD, ti affido il suo blog ad interim...:-D

      Elimina
    7. @Fascino caro, eventualmente il blog ad interim glielo affido io... :)
      Senti, ma tu - che mi vuoi tanto bene - non potresti crearti un account qualunque per commentare? che lo spam degli anonimi mi sta davvero sfrancicando quattro quarti di minchia, e se tengo ancora aperto l'accesso agli anonimi lo faccio solo perchè tu possa commentare. E poi non dire che non sono brava!

      Elimina