21 agosto 2014

We are the best

E siamo ancora alle prese con i recuperi estivi. Stavolta è toccato a questo film svedese di Lukas Moodysson, nome rivelatosi al grande pubblico una quindicina di anni fa, grazie al successo del suo primo lungometraggio, Fucking Åmål, campione di incassi in Svezia nel 1998. 
Siamo a Stoccolma, nel 1982.
Il punk è morto, ma Klara se ne frega. E assieme alla sua amica Bobo passa il tempo fra la scuola e il centro ricreativo. I genitori di Klara passano il tempo a litigare sui massimi sistemi (chi doveva portare cosa in lavanderia), mentre la madre di Bobo è una 40enne (no, dai, parliamone) separata un po' sfatta e vagamente zoccola insoddisfatta, che può ritenersi fortunata se, dopo aver  chiamato la figlia Bobo, questa non si prostituisce per comprarsi la droga, ma è semplicemente una ragazzina punk.
Klara e Bobo per il loro aspetto vengono derise ed emarginate da tutti, e questa non è una novità. Ricordo che (versione nonna mode on) ai miei tempi, quando, con la Tiz e la Bionda si andava in giro facendo le piccole emule di Siouxsie, la cosa più gentile che ci veniva detta era "ma vi è morto il gatto? ah. ah. ah." (versione nonna mode off).
Un giorno, mentre si stanno annoiando al circolo ricreativo decidono di formare un gruppo musicale, nonostante non sappiano né suonare né cantare. Come i Sex Pistols, praticamente. Dopo aver provato e riprovato un pezzo coinvolgono nel loro progetto Hedvig, una ragazza bionda e timida, molto religiosa e senza amiche, ma che suona benissimo la chitarra.
Il film, come i precedenti lavori di Moodysson, si concentra principalmente sul rapporto di amicizia tra Bobo e Klara, che, come nelle migliori tradizioni, viene messo a dura prova quando conosceranno il cantante di una punk-band locale, e di cui tutte e due si innamoreranno come ci si innamora a 13 anni. Sarà solo grazie a Hedvig che le due amiche si riappacificheranno, pronte ad affrontare il mondo che le aspetta con tutte le difficoltà che essere adolescenti, punk o no, comporta.

10 commenti:

  1. film che a me è piaciuto moltissimo, sarà anche che parla di quattordicenni o giù di lì nel 1982 e un po' mi ci sono rivisto...anche se io ero dalla parte del metal e non del punk...avevo un amico dark convintissimo ...ogni volta che incontrava un gatto nero, il micio si dava una sistemata alle palline...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero un film molto carino, e scatta inevitabilmente il pensiero a com'eravamo in quegli anni...

      Elimina
  2. non ai livelli fottutamente alti di fucking amal, però un film comunque fottutamente notevole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente. Anche se Fucking Amal l'ho visto così tanti anni fa che se dicessi che me lo ricordo bene mentirei... :)

      Elimina
  3. E io il Fottuto Amal manco l'ho visto...

    RispondiElimina
  4. Allora devo proprio recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me sì, è proprio da recuperare!

      Elimina
  5. Ce l'ho in lista. A breve finalmente lo recupero anch'io.

    RispondiElimina