4 luglio 2014

Minchia, Signor Faletti...

(Asti, 25 novembre 1950 – Torino, 4 luglio 2014)

21 commenti:

  1. Buon viaggio, Giorgio.
    Che piaccia o meno, io ci ero legatissimo. Assolutamente.
    I suoi thriller, una decina di anni fa, sono stati tra i primi che ho letto. Mancherà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho mai letto niente di suo, io me lo ricordo nella sua prima versione di comico.

      Elimina
  2. lascia stare che tra ieri e oggi non arrivano che notizie terribili!

    RispondiElimina
  3. Inaspettata dipartita! Sono cresciuta con Vito Catozzo, Suordaliso, LoredanaBertèfidanzataqdiBjonne e gli altri suoi divertentissimi personaggi, impossibile non volergli un gran bene...
    RIP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, la Bertè me l'ero dimenticata!

      Elimina
    2. Ma come! Picche e pacche picche e pacche con quella palletta... :-D

      Elimina
    3. e sì, lo so, adesso ricordo tutto :D

      Elimina
  4. Un'altro pezzetto d'infanzia che se ne va...

    RispondiElimina
  5. Non era un grande comico e forse neppure un grande romanziere (anche se "Io Uccido" me lo sono letto di gusto). A me piacevano le canzoni che aveva scritto (anche per Branduardi, per dire) e mi piaceva proprio come persona. Anche perché ci ricordava, con la sua carriera, che nella vita non c'è solo da ridere o solo da piangere o solo da avere paura. Mi spiace proprio tanto.

    RispondiElimina
  6. Minchia, ci sono rimasto malissimo!!!!
    Era un grande...
    e penso che Baudo gode ottima salute...

    RispondiElimina
  7. Ho tanti ricordi legati a lui: dalle sere con la mia famiglia a guardare Drive-In a una me grande a leggere i suoi libri. Che peccato :(

    RispondiElimina
  8. Peccato davvero. Soprattutto perché era ancora giovane.

    RispondiElimina