25 giugno 2014

Col senno del poi... (Vietnam, again)

Come ho già detto questo viaggio è stato splendido, ho fatto cose, visto gente, tanta gente... Abbiamo riso molto, perché io e la bionda in viaggio (ma anche a Torino, sia chiaro) siamo due immense cretine, e ci divertiamo un sacco. 
Anche questa volta ci hanno chiesto se fossimo sorelle, ce lo chiedono sempre, ormai non ci facciamo nemmeno più caso. Però, e questa è una novità, ci hanno chiesto spessissimo se fossimo... russe. Già. L'unica cosa che può accomunarmi ad una russa (no, non è la passione per la vodka, sciocchini) è il fisico da matrioska - a proposito, ma perché in Vietnam vendono le matrioske? - ma, ciononostante, giuro, ce l'hanno chiesto. Almeno in tre occasioni. 
Poi, scoprendo che eravamo italiane, ci dicevano che l'Italia è un paese romantico. In Vietnam l'Italia la vedono così: romantica. E chi siamo noi per convincerli che non è propriamente vero? Cioè, a dire il vero ci abbiamo anche provato, ma con scarsi risultati. 
Comunque, dicevo, nelle tre settimane - l'ho già detto che sono volate? - abbiamo visto un sacco di posti, spostandoci fra città, mari, fiumi, montagne, parlando con un sacco di persone, incrociando sguardi, scambiando sorrisi, emozionandoci alla vista di panorami incredibili, scoprendo nuovi sapori e nuovi odori. O anche ritrovando odori noti e non propriamente piacevoli, tipo l'inconfondibile olezzo del durian. 


Ad averlo saputo - il famoso senno del poi, appunto - probabilmente avremmo evitato lo sbattimento di spostarci da Sa Pa (di cui vi parlerò prossimamente) al famoso mercato di Bac Ha della domenica mattina, gran bordello di gente, e chi dice che la bellezza del mercato sia stata "rovinata" dall'afflusso dei turisti forse non ha considerato la presenza degli immancabili motorini che scorrazzano imperterriti nell'area del mercato, creando molto più disturbo di quanto non facciano i turisti, a mio modestissimo parere. Personalmente, dopo un quarto d'ora non ne potevo già più e non vedevo l'ora di andarmene. 
Un'altra cosa che - fatta come l'abbiamo fatta noi, praticamente toccata e fuga - mi ha un po' deluso, è stata la gita alle Isole Cham. Spiagge immacolate, palme e barriera corallina, ma tutto in maniera abbastanza frettolosa, stile gita delle pentole a Montecarlo a 19.90€. Da fare sicuramente con più tempo a disposizione organizzandovi un tour privato con nessuno che vi metta fretta. In alternativa, una qualsiasi spiaggia da Hoi An a Da Nang andrà bene lo stesso. 
Ma, a conti fatti, non mi lamento. Se non ci fossimo andate, sia a Bac Ha sia alle Cham Island, avremmo sicuramente rimpianto di non esserci state, quindi va benissimo così. 


31 commenti:

  1. sì, ma che puzza fa il durian?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te la so descrivere a parole. Comunque più o meno quella di roba morta in decomposizione, a grandi linee... :)

      Elimina
    2. ma è vero che c'è il divieto di trasportarli sui mezzi pubblici?

      Elimina
    3. Non ho preso mezzi pubblici in Vietnam, quindi non ti so dire, ma ricordo i cartelli in Malesia. Il che la dice abbastanza lunga su quanto possano essere fetenti, no? :)

      Elimina
    4. ah già, dimenticavo, sei snob! :D

      Elimina
    5. come hai potuto dimenticarlo? :)

      Elimina
    6. è che è una cosa così lontana dal mio essere che tendo a rimuoverla...

      Elimina
    7. ah, giusto, che sbadata! :)

      Elimina
  2. mi hai fatto ricordare del racconto di una mia amica, in giro per il Vietnam con un collega corpulento: le persone gli accarezzavano la pancia, considerandola una sorta di benedizione, di portafortuna, il che immagino che abbia senso: popoli endemicamente poveri, vedono nella ciccia il segno della ricchezza e, dunque, della fortuna. il che mi fa sorridere e concludere quanto adorerebbero me X°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la pancia non l'ha accarezzata nessuno. Strano. :)

      Elimina
    2. forse vale solo per gli uomini!

      Elimina
    3. A me infatti la accarezzano la pancia. E vi hanno preso per russe perché la maggior parte delle turiste sono russe eheheheh

      Elimina
    4. Pensavo che il turismo russo si concentrasse nella zona di Nha Trang... in compenso noi di russi non ne abbiamo incontrato manco uno! :)

      Elimina
  3. Mi sono letta a ritroso tutti i post che hai scritto fino ad ora su questo vostro viaggio...
    che dirvi.. brave davvero... a me queste zone han sempre fatto un pò paura e da sola ho sempre avuto un pò di timore a partire come avete fatto voi , quindi 10 e lode per il vostro senso organizzativo!!!
    Quanto al Durian concordo.. puzza di cadavere anche secondo me!!!

    Infine due domande volanti:
    1. ITALIA ROMANTICA? Come diavolo possono essersi creati un immagine così lontana dalla realtà???
    2. HAI LASCIATO SETTE KG DA SOLO 3 SETTIMANE??? Mamma snaturata che non sei altro!
    ( Scherzo è! )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paura? ma no, sono zone sicurissime, è molto più pericolosa Londra, sai? :)
      Non ho idea di come si siano creati l'immagine dell'italia romantica, forse credono sia un'immensa venezia, va a sapere...
      e sì, ho lasciato settekg da solo... ma sta bene, eh? :)

      Elimina
    2. La prossima volta me lo porti a me 7kg che almeno si fanno compagnia con Ivano!

      Quanto alle zone forse è un 'idea o un pregiudizio che me le fa sembrare , non pericolose ma più difficili da visitare con tour fai da te!

      p.s. Londra pericolosa?Naaaaaa... è la mia città!!

      Elimina
    3. Ah ah ah! me li vedo bene assieme, 7kg e l'Ivano! :)
      Comunque no, ti confermo che sono zone assolutamente tranquille e non è affatto difficile organizzarsi un tour da soli, anche perchè si risparmia tantissimo rispetto ai tour organizzati dai vari tour operator, e in questi casi internet diventa un prezioso alleato...

      Elimina
    4. però il duriam è buono e dolcissimo. Tutti sanno che l'Italia è il paese dell'amore (eheheheh) e tutte le ragazze vietnamite aspettano un cavaliere italico (anche vecchio e panciuto, basta che abbia il grano ) che le porti via a cavallo.

      Elimina
    5. A me personalmente il durian (come anche il dragon fruit) non fa impazzire, trovo che abbia un gusto un po' sciapo. Certo è che, per quanto puzza da "vivo", nessuno si aspetterebbe che possa essere commestibile!

      Elimina
  4. Scusa l'ignoranza.... che cos'è il durian...e se puzza così tanto a che serve??????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il durian è un frutto (quello che vedi nella foto), e serve per essere mangiato, una volta pulito è commestibile, anche se non è che sia il frutto più buono del mondo, a mio parere...

      Elimina
  5. Problems of 'plagorism'...
    Poison, ma che cosa hai combinato in Vietnam?
    Sheltering :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, ho fatto del ploagorism a mia insaputa?
      Sarà grave? :)

      Elimina
  6. sono in piena astinenza da foto su istamichia sappilo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah!
      un po' sono in astinenza pure io, lo confesso! :)

      Elimina
  7. Sempre desiderato mangiare un durian, devo ammetterlo!
    Comunque consolati. Quando avevo i capelli lunghi mi hanno chiesto se ero uno zingaro. Vuoi fare cambio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e, posso capire... alla voglia di durian non si resiste!
      che poi, se te lo ritrovi già bello pulito e sbucciato e tutte quante cose, non è così terribile alla fine, eh? ma, insomma, si può vivere benissimo anche senza! :)

      Elimina
  8. insomma, è andata bene.
    o se non altro meglio dell'avventura italiana in brasile :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente bene.
      E decisamente meglio, sì. Non sono nemmeno stata morsicata, quindi... :)

      Elimina