29 maggio 2014

l'ambizione è l'ultimo rifugio del fallito

Il potere logora chi non ce l'ha, diceva quello. 
Il potere logora anche chi ce l'ha, chi l'ha avuto e ne ha un po' meno, chi non lo ha mai avuto e lo vorrebbe, insomma, il potere è democratico e trasversale. Logora indistintamente a prescindere dal fatto che lo si possieda o meno.
Quindi, se ne deduce che  il potere logora totalmente a cazzo di cane. 
Ieri sera io e collega G ci siamo fermate in ufficio per far partire la solita pratica URGENTISSIMA che doveva pervenire tassativamente entro ieri al Ministero XYZ.
Il capo di G dice che, una volta pronta, la pratica va anticipala via mail a Tizio, Caio e Sempronio. 
Io, che non ho contatti né con Tizio, né con Caio, né con Sempronio, occupandomi solitamente di altre cose - nessuna delle quali di vitale importanza - quando ho tutto pronto, dico a G.: "Ti giro tutti i file, fai partire tu, perché non mi conoscono e se si vedono arrivare una mail dal mio indirizzo potrebbero chiedersi chi cazzo sono".
G. è d'accordo e manda tutto, come da ordini del capo, all'indirizzo di Tizio, all'indirizzo di Caio, e all'indirizzo di Sempronio.
Si tratta di due pratiche distinte, quindi G. invia due mail distinte.
Saluti e baci, finalmente possiamo abbandonare l'ufficio, ciao ciao, a domani. 
Stamattina G arriva, controlla la posta, e trova non una, ma due mail di Tizio.
La prima dice: 
"Mi scusi ma non può inviare lettere alla mia mail personale. Nessun mio collaboratore si è mai permesso di fare una cosa del genere verso il suo amministratore."
A parte che si tratta di lavoro e ti è stata anticipata una cosa - a te indirizzata - che doveva arrivarti tassativamente ieri e che tu avevi richiesto, ma, soprattutto, a parte chiedermi a che cazzo ti serve la mail personale, che poi è quella dell'ufficio a cui appartieni, e non quella di casa tua, hai davvero scritto "SI E' MAI PERMESSO DI FARE UNA COSA DEL GENERE"? 
Tizio, a parte che sei un cafone fatto e finito, ma davvero, are you serious? 
La seconda, sempre gentilissima, era molto più stringata: "La smetta di inviare mail a chi non conosce".
Bello, fatti vedere. 
Da uno bravo.
E in fretta. 



19 commenti:

  1. Minchia. Non c'è limite all'idiozia. Sono sconvolta.

    RispondiElimina
  2. Certo. In genere le mail urgentissime per pratiche inderogabili si mandano agli indirizzi info@
    Non lo sapevi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelle dove arriva tutto lo spam dell'universo mondo? scema io, hai ragione! :)

      Elimina
    2. Santa ingenuità! :))))))

      Elimina
    3. Me tapina, non imparerò proprio mai! :)

      Elimina
  3. Ahahahahahaha, ma cristo ma che problemi ha? Gli circola bene il sangue? No perché c'è da preoccuparsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ne ho idea, ma credo siano gravi. Però sono felice di non essere stata io a mandargli la mail, perché non so se sarei riuscita a trattenermi dal rispondergli male, rischiando l'incidente diplomatico...

      Elimina
  4. ma un vaffanculo no? o c'era qualche grillino in giro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un vaffanculo secondo me era fin troppo poco! :)

      Elimina
  5. e non si è firmato con "lei non sa chi sono io??" ( si lo sappiamo pure noi che siamo ammicicci con Miss Pò che sei una emerita testa di cippalippa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che "lei non sa chi sono io" compaia nella firma automatica delle mail, dopo il nome e cognome...

      Elimina
  6. La classe digerente ...burp, ruttino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, questo qua, dirigente o meno, la classe non l'ha mai sfiorata nemmeno per errore.

      Elimina
  7. Mi dai il suo indirizzo mail, per favore? :-D

    RispondiElimina
  8. A volte penso che dovrebbero riaprire i manicomi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anch'io. Spessissimo.

      Elimina
  9. Ahaha ma che, davvero? Pazzo e forse un tantino stressato direi!

    RispondiElimina