10 maggio 2014

...a Pinerolo...!



La mia pigrizia sta raggiungendo dei livelli che voi umani non potete nemmeno immaginare. 
Non ho voglia di fare nulla (e infatti non faccio praticamente nulla), arrivo a casa e come per magia mi trasformo in una creatura mitologica, metà donna e metà divano con la cellulite, roba che anche il gatto ha iniziato a guardarmi con disappunto, lo so, me ne sono accorta.  
Pulisco casa con cadenza quindicinale, lavo i piatti quando non ho più tazzine da caffè pulite, o posate, a scelta. Insomma, una larva allo stato primordiale. 
Sono così pigra che quando mi addormento sul divano (ovvero tutte le sere) solitamente, una volta su due, non perdo nemmeno tempo a trasferirmi nel letto.  
Sono così pigra che faccio fatica persino a schiacciare i tasti del telecomando, così succede che dopo la serata Law & Order su Top Crime, molto spesso mi risveglio ad orari indecenti, e, ad orari indecenti, su Top Crime ci sono telefilm indecenti. Infatti io ho indecentemente iniziato a guardare "Flikken", un ignobile telefilm poliziesco olandese ambientato a Maastricht. Roba che ti fa rivalutare le repliche del tenente Colombo. Cosa succede in Flikken? Di tutto, naturalmente, ma totalmente a cazzo. C'è la solita coppia di sbirri formata da uomo e donna. Lei, Eva, (Angela Schijf, che è davvero figa, come potrete vedere nella foto lì sotto) sembra una di quelle che non sbagliano mai niente, perfettina, precisina, pignolina, mentre lui, Wolfs (Victor Reinier) è problematico, sciupafemmine, dal torbido passato con tanto di figlia tossica. Più che un poliziesco sembra una telenovela. Wolfs gliela batte senza ritegno - del resto è sciupafemmine  - e lei credo gliel'abbia data almeno una volta, prima di sposarsi. Con un altro. Che però viene ammazzato proprio nel giorno del matrimonio. Cosi Eva finchémortenonvisepari rimane vedova sull'altare.
Ma dai, su.


Poi, come al solito, rimango affascinata dagli spot pubblicitari, nonostante io mi ostini a dire che non sono un' amante del genere horror. Ma che ci volete fare, ho un sacco di perversioni. Stendo un pietoso velo su Simona Ventura, perché dell'invereconda bruttezza di quello spot hanno parlato anche i sassi e non potrei dire nulla che non sia già stato detto prima, e meglio. Aggiungo solo che Simona Ventura che va a comprarsi le scarpe da PittaRosso è credibile quanto la sottoscritta che entra in una giacca di Armani taglia 40.
Ma, siccome non c'è mai fine al peggio, dopo Banderas nel mulino è arrivato pure Kevin Kostner a dirci che il nostro tonno è buono. E lo fa con la rigidità di uno stoccafisso, roba che secondo me scatta in automatico il conflitto di interessi. Ma poi, Kevin, dai. Il tonno in scatola non E' buono. Il tonno in scatola al massimo E' commestibile, buono è un'altra cosa, Kevin, ascolta me. Prova una tartare, o un filetto appena scottato con il sesamo. Poi ne riparliamo, tu e i tuoi grissini, ok?
Detto questo, quando leggerete questo post sarà sabato. E vi starete chiedendo (ma magari anche no) "si, va bene tutto, ma che minchia c'entra il titolo?"
C'entra, perché la bionda ed io, visto che per l'ennesima volta ci siamo fatte infinocchiare conquistare da una cena Groupon che prevede, nell'ordine:
  • tris di antipasti con magatello al punto rosa con confit di porcini, bianca di Saluzzo al barilin in cialda croccante e tortino di porri alla piemontese
  • primo a scelta tra: lasagnette Barbaroux al tartufo nero o malfatti all'intingolo di fassone e Castelmagno
  • secondo a scelta tra: tagliata di prosciutto di maialino al forno o noce di vitella in riduzione di chevrè
  • contorno: quadroni di taragna gratinata ai funghi
  • dessert: tumbler cacke al gianduiotto
  • vino acqua caffè e ammazzacaffè
stasera saremo a cena da quelle parti, e così, nel pomeriggio, ne approfittiamo per andare... a Pinerolo! 
(perché, anche se invece di 1200 km io ne devo fare soltanto 80, a Pinerolo io non ci sono mai andata...)


8 commenti:

  1. Fossi in te io smetterei di fare recensioni di film perchè sei solo bravissima mentre in pezzi così sei formidabile.

    E non sono Stromae

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre sospettato di avere un certo talento a scrivere cazzate, in effetti... ;)

      Elimina
    2. Meglio cazzate vere e genuini che post grondanti culture e conoscenza che di proprio hanno solo i punti e le virgole.
      Ovviamente non mi riferisco a te che anzi sei sempre talmente personale da esserlo pure troppo :)

      Ma dà gusto legge le cazzate.
      Ma sto Groupon funziona bene?

      Elimina
    3. Groupon funziona bene, poi magari a volte i partner non sono all'altezza (mi è capitato di aver acquistato una cena che all'ultimo momento - per motivi misteriosi - il locale ha rifiutato e Groupon mi ha rimborsato nel giro di un paio di giorni), c'è anche da dire che io generalmente mi faccio tentare da offerte che difficilmente superano i 30€, quindi, tutto sommato, non mi posso lamentare...

      Elimina
  2. genuini, culture, vabbeh, vo a letto

    RispondiElimina
  3. Scegli le lasagnette eh!

    RispondiElimina