16 aprile 2014

The Grand Budapest Hotel

Orso d'argento a Berlino, l'ultimo film di Wes Anderson è una favola colorata e nostalgica, in un'Europa immaginaria e immaginata (la repubblica di Zubrowka) ed è, ancora una volta, la storia di un viaggio (o di una fuga), che ci viene raccontata attraverso i ricordi di uno scrittore (Anderson, come viene riportato nei titoli di coda, si è ispirato alle opere di Stefan Zweig) che, durante un suo soggiorno nell'ormai decaduto e lontano dai fasti del passato Grand Budapest Hotel ha occasione di cenare nientemeno che con il misterioso miliardario Moustafa, che gli racconterà la storia di Gustave H., portiere d'albergo ai tempi in cui al G.B. transitava tutta la nobiltà dell'epoca. 
Quando una facoltosa cliente dell'hotel, Madame D. (anche amante di Gustave) viene misteriosamente uccisa, per l'uomo, a cui la donna ha lasciato in eredità un dipinto di inestimabile valore, accusato del suo omicidio, inizierà una rocambolesca fuga, mentre, con l'aiuto dal suo giovane lobby boy Zero, cercherà di provare la sua innocenza e far catturare i veri colpevoli.


La storia è quasi un pretesto per permettere ad Anderson di sbizzarrirsi con le sue invenzioni, ed è per questo - oltre che per non togliervi il piacere durante la visione, che non vi dico di più.
Come sempre la cura maniacale per i dettagli, i colori, i costumi è fondamentale, e qua veramente Wes Anderson è insuperabile. Altrettanto fantastiche sono le caratterizzazioni di tutti i personaggi, su tutti un Willem Dafoe sdentato ed inanellato nel ruolo del cattivissimo Jopling, che, nonostante sia una merda vestita di pelle fa morir dal ridere. E, se anche non mancano morti ammazzati e sparatorie, tutto è trattato in maniera lieve (quasi - in senso buono - frivola) e divertente. Tilda Swinton sembra che abbia firmato un contratto per cui deve rendersi irriconoscibile ad ogni film. Dopo la petulante Mason di Snowpiercer qua interpreta l'84enne Madame D.
Ottimo Ralph Fiennes nella parte di Gustave H, deliziosa come sempre Saoirse Ronan nel ruolo di Agatha, con "una voglia a forma di Messico sulla guancia". 
Nel cast ci sono anche, oltre agli attori già citati, F. Murray Abraham, Edward Norton, Mathieu Amalric, Adrien Brody, Léa Seydoux, Jeff Goldblum (e il gatto di Jeff Goldblum), Jason Schwartzman, Jude Law, Harvey Keitel, Tom Wilkinson, Bill Murray, Owen Wilson.


35 commenti:

  1. Anderson non sempre mi ha convinto ma a questo una chance vorrei dargliela...anche se dalle mie parti nisba....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io sono una fanatica integralista, ma secondo me questo è davvero davvero carino.

      Elimina
  2. non vedo l'ora di vederlo!

    RispondiElimina
  3. lo dico? lo dico: una delle migliori prove di Dafoe. oh, il gatto di Jeff Goldblum!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dafoe fantastico! e il gatto di Goldblum... ma anche Goldblum, eh? :)

      Elimina
    2. Favolosi sia Dafoe che Goldblum, parti piccole ma incisive, e film carino, da vedere assolutamente in v.o. per lo splendido inglese parlato dal protagonista. (E, diciamocelo, "garzoncello" è orribile, al confronto di "lobby boy" che suona così bene),

      Elimina
    3. anfatti, signora mia, come avrà potuto notare, ho mantenuto "lobby boy"... :)

      Elimina
  4. ultimamente mi stai tornando radical-chic, quindi anche su questo film potremmo essere d'accordo :)

    RispondiElimina
  5. Se non lo vedo dò di matto!

    Ma poi tutto questo rosa non può non piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah!
      in effetti il rosa non ha infastidito neppure me, che lo detesto, quindi... :)

      Elimina
  6. Sempre più sicuro di volerlo vedere, questo sembrerebbe proprio il cinema che piace a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo sia il cinema che piace un po' a tutti... :)
      (oddio, forse no, ma fa lo stesso) :)

      Elimina
    2. Sai che secondo me questo è un cinema che può irritare molti, invece? Per questo, quello e quest'altro motivo... Diciamocelo, a Gianni Livore questo film farebbe schifo. ;-D

      Elimina
    3. solo perchè non c'è il fritto abruzzese! :)

      Elimina
    4. uh cosa m'avete ricordato!

      Elimina
  7. Molto curioso, ma da me solo in un cinema e quasi sicuramente non riuscirò a vederlo :-(

    RispondiElimina
  8. Dopo Moonrise Kingdom, capolavorone, sono proprio curiosa di vedere l'ultima opera di Anderson..si, si... (ovviamente la vedrò, come già detto dalla Vale, più poi che prima...ma la vedrò..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è vederla, no? :)

      Elimina
  9. Non sono ancora riuscito a recuperarlo, ma le vostre recensioni alimentano la curiosità.

    RispondiElimina
  10. Come hai detto da me: delizioso!
    L'aggettivo è davvero il più azzeccato che si poteva trovare!

    RispondiElimina
  11. Stasera *-* Non vedo l'oraa!!!

    RispondiElimina
  12. Pure io questa sera... poi leggo e ti commento per bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo è un gran film, curato nei minimi dettagli, e hai detto bene tutto tu. Cast straordinario, tra i migliori del nostro cinema più amato, musichette solite di Anderson, scene memorabili. Magico.

      Elimina
    2. E non può che farmi piacere che anche tu abbia apprezzato!
      Direi che i nostri gusti (a partire da Carlotto per finire al 5 x 1000 ) sono abbastanza simili... ;)

      Elimina
  13. Risposte
    1. Decisamente, è un vero gioiellino!

      Elimina
  14. avevo previsto il GOLDENCOSO; ma per l'Oscar sarà un altro paio di maniche
    TGBH è molto europeo, agli americani piace fino a un certo punto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non mi sembra molto "academy-friendly", anche se credo che qualche statuetta "minore" (costumi, trucco & parrucco, scenografia....) sarebbe strameritata!

      Elimina