3 febbraio 2014

Tropic Thunder

Siccome ho saltato il turno settimanale al cinema, mi sono addormentata vedendo film sul divano di cui probabilmente vi parlerò nei prossimi giorni oppure mai, non avevo nessun post pronto (sti cazzi, direte voi) e che quando vidi Tropic Thunder questo blog non era ancora nato, vi ripropongo - come la peperonata - il vecchio post del novembre 2008. 
Dantès, siccome tu sei uno dei lettori storici, se vuoi incollo anche i tuoi commenti di allora, così ti risparmi la fatica, che dici?

Io non leggo il copione, è il copione che legge me.  



Dopo Giovani carini e disoccupati, Zoolander [e prima de "i sogni segreti di Walter Mitty che non ho (ancora) visto] Ben Stiller torna alla regia e dirige questo film nel film.
Scordatevi Wim Wenders e “lo stato delle cose”, perché non c’entrano nulla.
C’è il cast stellare chiamato ad interpretare l’ennesimo film sulla guerra in Vietnam, basato sul best seller del sergente John "Quadrifoglio" Tayback, presunto reduce: Tugg Speedman (Ben Stiller), il cinque volte premio oscar Kirk Lazarus (Robert Downey Jr), l'attore comico eroinomane Jeff "Fats" Portnoy (Jack Black), il rapper Alpa Chino (Brandon T. Jackson) e l'attore esordiente Kevin Sandusky (Jay Baruchel).
Ma la produzione arranca, e le agenzie di stampa dichiarano che, dopo cinque giorni, le riprese sono già in ritardo di un mese. Il regista, dopo una telefonata dell’irascibile produttore Les Grossman (Tom Cruise. La scena in cui balla, sui titoli di coda, vale da sola il prezzo del biglietto. E considerate che io il film l’ho visto con un biglietto omaggio...) decide di girare ad ogni costo, e, con Quadrifoglio e il tecnico degli effetti speciali porta i 5 attori in piena foresta, dove, dopo averli privati dei cellulari, consegna loro una mappa ed il copione. Peccato che poi salti su una mina francese della guerra d’Indocina, abbandonandoli veramente al loro destino. Speedman crede si tratti dell’ennesimo escamotage della produzione, e si cala nella parte, mentre Lazarus e Sandusky intuiscono che nella morte del regista non c’è finzione. Speedman si separa dal resto del gruppo, finendo nelle mani dei Flamingo Dragon, produttori di eroina nel triangolo d’oro, che scambiano gli attori per agenti della Dea..., ma, riconoscendo Speedman, decidono di chiedere un riscatto al suo agente Peck (Matthew McConaughey)
Citazioni a raffica, da Apocalypse now a Platoon, passando per Hamburger Hill, Rambo e sicuramente qualcos'altro.
Robert Downey Jr. da applausi.
Per non parlare dei fake trailer, tipo "Satan's Alley". 


25 commenti:

  1. ...traigo
    ecos
    de
    la
    tarde
    callada
    en
    la
    mano
    y
    una
    vela
    de
    mi
    corazón
    para
    invitarte
    y
    darte
    este
    alma
    que
    viene
    para
    compartir
    contigo
    tu
    bello
    blog
    con
    un
    ramillete
    de
    oro
    y
    claveles
    dentro...


    desde mis
    HORAS ROTAS
    Y AULA DE PAZ


    COMPARTIENDO ILUSION


    CON saludos de la luna al
    reflejarse en el mar de la
    poesía...




    ESPERO SEAN DE VUESTRO AGRADO EL POST POETIZADO DE 12 AÑOS DE ESCLAVITUD, MASTER AND COMMANDER, LEYENDAS DE PASIÓN, BAILANDO CON LOBOS, ...

    José
    Ramón...


    RispondiElimina
    Risposte
    1. José Ramon, saludos para ti también!

      Elimina
  2. Divertentissimo.
    E il finale con Tom Cruise è supercult.

    RispondiElimina
  3. divertente ma anche un po' sfiancante , alla fine non riuscivo più a stargli dietro....

    RispondiElimina
  4. in effetti, se copi/incolli i miei commenti ti ringrazio ;)

    RispondiElimina
  5. Io commentai? Dicendo tutto il bene possibile? No, perché è un film davvero intelligentemente divertente e dissacrante, Tom Cruise è brutto, ma di brutto brutto brutto, e Robert Downey Jr perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non lo commentasti, all'epoca non mi frequentavi ancora. Virtualmente :)

      Elimina
  6. non lo so, ma secondo me anche scorcher VI non dev'essere male: andiamo a vederli? (ma lo sapevi che ogni falso film ha il suo sito?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho come un dejavu...
      :)

      Elimina
    2. minchia com'eravamo gggiovani!

      Elimina
    3. Ma siamo ancora gggiovani.
      O no? :)

      Elimina
    4. all'epoca eravamo ancora più gggiovani

      Elimina
  7. Satan's Alley lo ricordo ancora adesso come una cosa mortalmente divertente, così come la scena del Panda.
    Il resto, purtroppo, l'avevo trovato un po' sottotono, forse perché ero partita con delle aspettative incredibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi ero divertita parecchio!

      Elimina
  8. Non commento, ti dico solo che l'ho comprato in BD!!!

    RispondiElimina
  9. Non pensavo di vederti recensire questo film.
    Uno dei miei preferiti, raramente ho riso così tanto in un cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no? e come mai? ;)

      Elimina
    2. Gusti troppo buoni, i tuoi.
      Queste delizie pecorecce lasciale a noi buzzurri.

      Elimina
    3. intanto grazie, ma tu sei troppo buono, te l'ho già detto più volte!
      e la mia idea di pecoreccio è decisamente differente! :)

      Elimina
    4. Macché troppo buono, come al solito ti apprezzo, come apprezzo chiunque ne capisca di qualcosa a me oscuro...
      Forse "Pecoreccio" era troppo, ma 'nsomma, hai capito che intendevo.

      Elimina
  10. L'ho visto subito dopo aver visto Zoolander. Ho quasi rischiato un infarto dalle risate. Meraviglioso.

    RispondiElimina