17 febbraio 2014

(the) Monuments Men

Mi piacerebbe dire che The monuments men è un gran bel film. 
Ma davvero, non posso.
La storia, tratta dal libro "The Monuments Men: allied heroes, nazi thieves, and the greatest treasure hunt in history" scritto da Robert M. Edsel, è nota. 
Se non lo fosse potete farvene un'idea leggendo qui
Se invece non ve ne frega mezza di sapere come sono andate realmente le cose, potete sempre andare al cinema a vedere il film, che, per carità, si lascia vedere, vuoi perché il cast è di tutto rispetto, vuoi perché la storia è indubbiamente interessante, e avrebbe sicuramente meritato una sorte migliore.
Tutta la vicenda si basa su una domanda: la salvezza di un'opera d'arte vale il sacrificio di una vita umana?
Probabilmente sì, è la risposta.
Anzi, sicuramente sì, è la risposta.


Ma veniamo alla realizzazione.
Prendete 8 attori al giusto grado di maturazione, spargeteli a pioggia in un recipiente abbastanza capiente, diciamo più o meno grande come l'Europa. 
Aggiungete un po' di retorica (q.b.) stagionata, mescolando a lungo per evitare che si formino dei grumi comunisti, che si sa, poi finisce che prendono forma, si mangiano voi, i vostri bambini, quelli del vostro vicino e chi si è visto si è visto.
Lasciate riposare l'impasto su un tavolo ricavato da una pala d'altare e poi mettete in forno per 118 lunghi minuti. 
Potrebbe bruciarsi un po' sui lati, dalle parti del Picasso, e potreste perdere per sempre un ritratto di Raffaello. Si chiamano danni collaterali, e in qualche modo dovrete farvene una ragione.
A cottura terminata spegnete il forno, spolverate con del sale di Altausse, e condite il tutto con un pizzico di ammore per la famiglia e di sano patriottismo di stampo filo-militarista. 
Tagliate a fette e servite tiepido: il vostro polpettone a stelle e strisce, sicuramente un po' insipido, è pronto.



40 commenti:

  1. Chiapperi, lo volevo andare a vedere, ma è il secondo parere negativo che leggo... due su due, per ora è 100% di no (nell'altro si diceva che fa veramente schifo)... e adesso che faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la tegola del non c"è 2 senza 3 potresti aspettare di leggere la terza recensione negativa, per come la vedo non dovresti far fatica a trovarla... :)

      Elimina
    2. Ma la tegola è quella che ti colpisce in mezzo agli occhi e ti fa vedere la luce? :-))

      Elimina
    3. ah ah ah ah!
      è quella che ha colpito le mie sinapsi, facilmente! :)

      Elimina
  2. Alla tua domandona la risposta la danno I Musei Vaticani belli vispi mentre muore un bimbino (meno vispo) ogni 6 secondi. Ma si.. masticazzi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda non è mia, come non è mia la risposta, è quello che si chiedono nel film.

      Elimina
  3. Immaginavo che il risultato avrebbe potuto essere di questo tipo, ma un'occhiata la darò comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che la storia avrebbe meritato una realizzazione migliore...

      Elimina
  4. il cast merita, senza dubbio ma anche a me profuma di tavanata galattica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. abbastanza superficiale, per certi aspetti...

      Elimina
  5. continuo a sentirne parlare in maniera non certo molto buona...
    e al sentire "polpettone a stelle e strisce" la mia voglia di stroncarlo è salita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che farai un gran lavoro, non vedo l'ora di leggerti!

      Elimina
  6. Sul "un po' insipido" non concordo, è decisamente MOLTO insipido! E anche recitato un po' con i piedi, alcune ricostruzioni sceniche (una per tutte quella di Milano) sono così malfatte che non ci si crede, non c'è amalgama (per restare sul culinario) e la storia ogni tanto se ne scappa via, è privo di pathos, di anima, di tutto. Peccato, ma veramente da perdere, state a casa a guardar Sanremo, che Mercoledì c'è Rufus Wainwright! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, ecco... :)
      in effetti sì, un'occasione sprecata.

      Elimina
    2. ma chi minchia è Rufus Wainwright?

      Elimina
    3. ecco: chi minchia è?

      Elimina
    4. Dantès, Vipero: è uno dei cantautori adorati dalla Tiz, che sicuramente saprà essere molto più esaustiva di me al proposito.

      Elimina
    5. E' un cantante-autore molto bravo, molto carino, molto gay che io adoro spassionatamente e anche appassionatamente dal suo primo cd. Gli appassionati di cinema avranno sentito "Cigarettes and Chocolate milk" in Caos Calmo di Moretti. Consigliatissimo, ma non è detto che vi piaccia!

      Elimina
    6. Dovevo uscire con una gnocca mercoledì, ma appena ho saputo di Rufus, l'ho mandata a cagare. Di gnocche ce ne sono tante, di Rufus solo uno...dai, così scopro chi è ;-)

      Elimina
    7. @Fascino: durante la lezione di musica applicata avvenuta sul divano di casa mia (ok, tua) non aveva passato il test dei dieci secondi, ma magari, se ti impegni... :-)
      A noi gnocche piace molto Rufus, era un'ottima scusa per portartela a casa, ma ho come il dubbio che le gnocche non ti si filino poi molto.... ;-D

      Elimina
    8. In effetti il nome mi diceva qualcosa, ma non ricordavo se aveva superato il test dei 10 secondi...e comunque, che si impegni lui, mica io!! :-D
      Mi si filano ancora, per quello, è che divento sempre più insofferente, pigro e cagacazzi...non l'avrei mai detto :-(

      Elimina
    9. io sono curioso, indi me lo cerco e poi vi dico

      Elimina
    10. BB: @ poison: glielo ricordi tu alla tiz che mercoledì siamo a teatro?

      Elimina
    11. @BB: no, dai, ricordaglielo tu!
      (sicuramente ha già programmato il videoregistratore!)

      Elimina
    12. Ma certo che l'ho programmato, vi pare che per Rufus mi suco tutto tutto Sanremo? Naaa, al limite me lo guardo su Rai Replay, tranquille, sarò a teatro! :-D

      Elimina
    13. I know my chicken! :)

      Elimina
  7. Urca, ci speravo moltissimo, speravo soprattutto che fosse proprio il contrario di quel polpettone yankee... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simone, molto delusa pure io, lascia stare.
      Io e le amiche siamo uscite dalla sala e non abbiamo detto una parola in merito al film, talmente eravamo abbacchiate.

      Elimina
  8. sicuramente andrò a vederlo.
    il cast è peccaminosamente invogliante, certo le tue reticenze mi fanno titubare davvero...
    sempre dosare le aspettative, si rimane scottati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, lo so bene che le aspettative ti inculano sempre...
      per quanto riguarda le reticenze, purtroppo non sono solo "mie", ma un po' di chiunque abbia visto questo film! Aspetto le tue impressioni!

      Elimina
  9. Ma no, ma Poison ma nooooo. E io che volevo vederlo e ci speravo. Ché io amo quel periodo storico e se me lo bistrattano, poi, ci resto male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che l'abbiano proprio bistrattato, diciamo che l'hanno trattato con un po' troppa superficialità, ecco...

      Elimina
  10. Temevo un po' l'insipidume, eh. Ma mi farò forza per Bill Murray e andrò mercoledì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insipitudine mi piace un sacco...
      attendo le tue impressioni, ma, se non altro, arrivi in sala già preparata! :)

      Elimina
  11. Non mi è mai successo da quando scrivo recensioni di abbandonare neanche a metà la visione di un film.
    L'hai descritto benissimo, il tono è quello che avrei usato io e per alcuni frangenti della mia critica mi permetto di prendertelo in prestito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Denny.
      Mi sarebbe piaciuto davvero molto non descriverlo così bene e poterne parlare meglio, perché - come già detto - l'idea di base era sicuramente interessante...
      Ovviamente il permesso per il prestito è accordato! :)

      Elimina
  12. non un bel film ma un film bello ;)

    RispondiElimina
  13. ah e recensione quanto mai azzeccata ;)

    RispondiElimina