6 febbraio 2014

Runner Runner

Nel Poker Texas Hold'em con il termine runner runner si indica la situazione di gioco in cui si chiude un punto grazie alle carte del turn e del river in successione. Inutile specificare che la probabilità che questa situazione si verifichi è molto bassa, attorno al 4%
Più o meno come prendere Ben Affleck, Justin Timberlake, Gemma Arterton, Anthony Mackie e sperare che ne esca un buon film. Potrebbe succedere, certo.
Ma anche no.
Siamo a Princeton, dove Richie (Justin Timberlake), brillante studente tornato all'università dopo che la crisi di Wall Street (ancora? eddai, basta!) l'ha ridotto sul lastrico, cerca di pagarsi la retta affilliando giocatori ai siti di poker on line. Viene rimproverato dal rettore, che gli ricorda che Princeton non è un casinò ecc.ecc. Quando, dopo aver scommesso - e perso - tutti i suoi risparmi scopre, applicando un modello matematico, di essere stato vittima di una truffa, decide di raggiungere il proprietario del sito, Ivan Block, che gestisce tutta la rete dalla Costa Rica.
Si fa fatica a capire con quali soldi riesca a comprarsi il biglietto aereo, ma facciamo finta che abbia rotto il salvadanaio e passiamo oltre.
Arriva in Costa Rica, riesce ad arrivare a Block in un paio di giorni, e, trovatosi faccia a faccia con l'uomo, lo accusa di truffa.
Ivan Block - Ben bisteccone Affleck - che sembra aver dimenticato tutto il bello e il buono di Argo, rimane colpito dall'intraprendenza del ragazzo, gli restituisce i soldi, lo trasferisce dallo squallido hotel a meno due stelle dove soggiornava alla mejo suite del mejo hotel della Costa Rica tutta, gli paga la retta universitaria e manca solo che gli faccia un pompino.
Ovviamente Block gli propone di lavorare per lui.
Ovviamente Richie accetta.
Ovviamente poi succede tutto quello che state immaginando, in un susseguirsi di scene il cui unico azzardo è essere così farcite di cliché che fai quasi fatica a crederci.
Sì, certo, anche la pupa del boss che si innamora di Richie, non ci avreste scommesso?
Già.




20 commenti:

  1. insomma mi pare che sia una cosa evitabile, no?

    RispondiElimina
  2. Ma se neppure Gemmona mia Arterton salva il film, cos'altro può farlo? Nessuno? Aaaah, ecco! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'arrivo dei titoli di coda, credo.

      Elimina
  3. Sembrava una ciofeca in effetti...

    RispondiElimina
  4. ne parlan tutti male, mi sa che lo evito anche se Justin Timberlake, per quanto mi faccia cagare la sua musica, mi graba assai come attore, un po come Jared Leto che fa quella musichetta di merda, ma cme attore è favoloso XD.

    Affleck invece lo preferisco cme regista, come attore non mi dice molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evitalo tranquillamente...
      Anche a me Timberlake come attore piace, solitamente...

      Elimina
  5. Ma dai, dici che se qualcuno mi truffa e lo rintraccio, questi mi ridà i soldi e poi mi assume pagandomi profumatamente? E se non ho soldi posso sempre andare in Costarica? E tu osi infangare un film che ti dà tali dritte? Bene, vado in Costarica e poi ti so dire (io comunque ho bei ricordi del Costarica) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, ma mica lo dico io, dev'essere il brainstorming di ge(g)ni che ha curato la sceneggiatura!
      (E sono sicura che il Costarica sia un posto splendido - che è nell'elenco dei posti in cui andare prima o poi - ma, in questo film non si capisce nemmeno quello!)

      Elimina
    2. Beh, se uno è un bravo truffatore, si nasconde accuratamente, ma uno più bravo di lui lo becca, magari si, pur di non averlo contro lo assolda! Non si dice "tieni vicino i tuoi amici e ancora di più i tuoi nemici"?
      Se sapete un modo di andare in Costarica senza soldi io mi aggrego eh! :-)

      Elimina
    3. prova a imbarcarti su un cargo battente bandiera liberiana... :)

      Elimina
    4. Però mi sa che poi a bordo di battente non ci sarà solo la bandiera :-D

      Elimina
    5. Me ne farò una ragione e passerò oltre, as usual! ;-D

      Elimina
  6. io direi che da un film con Ben Affleck, Justin Timberlake, Gemma Arterton e Anthony Mackie le probabilità che ne uscisse un pessimo film erano basse.
    ma in questo caso mi sembra sia successo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi aspettavo un capolavoro, ma speravo potesse essere carino, invece si è rivelato un bluff... (minchia, come sono spiritosa!)

      Elimina
  7. Giudizio sintetico? Una cagata? Ieri sera ho visto (già che avevo letto che t l'avevi visto e blaaa, bla blaaaa...) Seven Psychopats. Mi ha lasciato un po' Meh. Nel senso... Recitato benone, Rockwell e Walken grandissimi, come quasi sempre, FArrel come attore non mi piace, ma va detto che si guarda sempre volentieri, Harrelson perfetto, cameo di Waits spettacolo, dialoghi magnifici, fotografia e ambientazione da metà in poi stupefacenti, eppure...
    M'ha lasciato un po' così, m'era piaciuto di più "in Bruges".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la sintesi è perfetta.
      7 psicopatici non mi era dispiaciuto (a me Colin Farrell piace), ma sono d'accodo sul fatto che "in Bruges" fosse meglio.

      Elimina
  8. Ben Affleck è un campione nell'alternare capolavori a schifezze, come lui nessuno mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dimenticarti di Woody Allen, anche lui non scherza!

      Elimina