18 febbraio 2014

All is lost
Tutto è perduto (tranne i biondi capelli di Robert Redford)


J.C.Chandor deve essersi giocato il bonus parole nel precedente Margin Call, e qua va al risparmio, facendo pronunciare al suo protagonista, un inossidabile e incredibilmente biondo Robert Redford, si e no tre battute.
Ma andiamo per ordine.
Non avevo visto All is lost all'ultimo TFF perché il margine di tempo per vedere il film successivo (Grand Piano) era insufficiente. Poi il film è uscito in sala, e ho iniziato a leggere le prime recensioni qua e là... e, a quel punto, mi tenni. 
Ma, siccome sono curiosa, volevo capire quali sarebbero state le mie reazioni. 
Allora, lasciando da parte epica, metafore e senso della vita, che non fanno per me,  a parte due attacchi di narcolessia spinta, il film è... boh? Azzarderei più inutile che noioso, alla fine. 
Diciamo che una storia del genere dovrebbe riuscire ad emozionare, cosa che, per quanto mi riguarda, non succede. 


In una notte buia (ma non ancora tempestosa) mentre Redford (visto che non conosciamo il nome del protagonista) è impegnato in una traversata in solitaria a bordo del suo 12metri, a circa 1700 miglia dallo stretto di Sumatra, urta contro un container alla deriva. Cinese. Contenente brutte scarpe. 
Parte il primo momento WTF in cui l'uomo tenta di disincagliare il container col mezzo marinaio.
In qualche modo comunque ci riesce e, grazie alla bonaccia, prosegue la navigazione, tentando anche, manco fossimo in un episodio di Art Attack, con abbondante uso di colla vinilica, di riparare la falla.
Fatto?
Ovviamente sia la radio sia la strumentazione di bordo sono fuori uso, e l'uomo dovrà fare affidamento solo sulla sua esperienza e sull'istinto di sopravvivenza.
Ma come non può piovere per sempre, non può nemmeno esserci il sole h24 7/7, e dopo un paio di giorni arriva la tempesta. 
Lo scafo imbarca acqua, si spezza l'albero, la barca è in balia delle onde, e qua parte il secondo grandioso momento WTF: l'uomo si fa la barba. 
Capisce che non c'è più niente da fare e, dopo aver recuperato tutto quello che può essergli utile, compreso un sestante, abbandona la barca e, a bordo del canotto d'emergenza la vede affondare rapidamente.
Cercando, con l'aiuto di carte nautiche e del prezioso sestante, di mettersi sulla rotta delle navi commerciali, alla fine avvista un cargo, e lancia un paio di fumogeni.
Probabilmente si tratta della MV Maersk Alabama, e a bordo Captain Phillips ha sicuramente altri cazzi a cui pensare...
(Sì, lo so, sono una brutta persona).
Il nostro eroe, a parte un FUCK urlato contro il cielo, non fa un plissè, e continua a lasciarsi trasportare dalle onde. 
Quando vede una luce in lontananza, si accorge di aver finito i fumogeni, e accende un fuoco per farsi vedere. E manca poco che, invece di morire affogato, finisca carbonizzato. 
















Là in mezzo al mar ci stan camin che fumano 
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano 
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano 
saran di Robert Redford, che si consumano.

46 commenti:

  1. Mai pregiudizio fu più giustificato, quindi! :))
    Scherzi a parte, mi permetto dire che, ovviamente, il film può non piacere però non si può 'prescindere' dalla 'parte epica, le metafore e il senso della vita'... perchè il film sta tutto lì. A me è piaciuto solo perchè stimola certe riflessioni: se uno (padronissimo di farlo!) non ce le vede, è chiaro che diventa noioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kelvin, ti dirò, temevo anche peggio! Il problema, secondo me, è che il protagonista non riesce a far scattare un briciolo di empatia.

      Elimina
    2. Hai notato Poison che tutti, quando ti rispondono, ricercano le parole, fanno attenzione, mettono le parentesi e i punti esclamativi...in poche parole, hanno paura!! ;-))))))
      Ti invito a riflettere epicamente ;-))) (tu non invitarmi metaforicamente ad andare però :-)))) )
      Smack!!

      Elimina
    3. ma no che non hanno paura, secondo me mi trattano bene perché sono una signora anziana! :)

      Elimina
  2. io te lo avevo detto. Diciamo che , come sai, non mi è piaciuto per niente. Non è scattAta l'empatia ecco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Beatrix!
      (Quando è arrivato il tuo commento stavo rispondendo a Kelvin, e ho scritto la stessa cos!)

      Elimina
  3. anche io non sono riuscito a provare empatia per il personaggio e per il suo dannatissimo coltellinosvizzeromilleusi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno per il suo rasoio? :)

      Elimina
  4. uh che brutta persona che seiiiiiii :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io? e pensa a Captain Phillips che non si è nemmeno fermato! :)

      Elimina
    2. Captain Philzzzzzz.... non ce la faccio!

      Elimina
    3. Quanta acrimonia, povero Captain Phillips! Ma che vi ha fatto di male?

      Elimina
    4. e pensa che il mio è pure un tuesday prejudice...

      Elimina
    5. se dico sti cazzi da brutta persona divento persona pessima?

      Elimina
    6. anfatti. comunque non lo voglio vedere captainzzzzzzz...

      Elimina
    7. Se hai visto questo con Robert Tutankhamon Redford non vedo perchè tu no possa vedere anche l'altro con Tom Hankzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz.....

      Elimina
    8. e lo sai che a me All is lost piacque. ed ero prevenuto. ma ero prevenuto aggratis, nel senso che non sapevo proprio nulla del film. invece a convincermi di non andare mi sono bastate quelle tre-quattro volte del trailer di Captzzzzz...

      Elimina
  5. Mi interessa e non mi interessa, vorrei vederlo ma anche no... apppoi, diciamocelo, se non c'è Colin Farrell sopra un cavallo bianco ultimamente un film non è un film... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti manca proprio una parte in cui Robert Redford ha le visioni e sogna Colin Farrell in groppa allo stallone andaluso.
      Che, se ci pensi, un altro momento WTF non ci sarebbe stato affatto male! :)

      Elimina
    2. ma l'avete visto per davvero quel film lì con lo stallone andaluso?

      Elimina
    3. Non guardare me, parla con la tua amica Tiz! :)

      Elimina
    4. no, te prego! tiz, voglio la recensione

      Elimina
    5. Anfatti stavo per commissionargliela, che il tag "le recensioni della tiz" l'ho mica creato così, tanto per fare, ti sembra?

      Elimina
    6. L'ho fatta, se la Poison la riterrà degna di pubblicazione, la potrai commentare! E, alla fine, ormai al prossimo film mi aspetto Colin sul cavallo bianco, per caso è anche in 12 years slave? :-D

      Elimina
  6. Poteva andarti peggio, dunque!
    Comunque molto meglio questo di Capitan Findus che non si ferma! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah! si, alla fine ero talmente sconfortata (soprattutto dopo aver letto la recensione di bradipo) che temevo davvero uno sfrancicamento di maroni senza pari...
      Però io ci tengo a ribadire che Captain Phillips (che io ovviamente ho preferito a questo) non è sta merda di film come continuate tutti a sostenere! :)

      Elimina
  7. non solo inutile, ma proprio noioso noioso e ancora noioso :)
    e captain findus è una merda di film al pari di questo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Captain Phillips non sono affatto d'accordo! :)

      Elimina
    2. Ma vero, che vi ha fatto Captain Phillips? E' un film onesto, teso e coinvolgente, che non resterà nella storia del cinema, ma non è affatto disprezzabile, anzi!

      Elimina
    3. Per qualche secondo avevo letto "Ma va a ca....!" ;-))))....cmq, a me attira più quello di Redford che quello di Hanks (anche perché io non sopporto Hanks)...caso mai fregasse a qualcuno ;.)))

      Elimina
    4. @Fascino: è interessantissimo, figurati! :-D

      Elimina
  8. non mi ispirava...
    tu non hai fatto nulla per incentivarmi...
    sappilo!

    RispondiElimina
  9. Buongiorno Poison, leggendo la tua recensione sembra una copia 'En solitaire', con Francois Cluzet. Robert dovrebbe valutare un degno e dorato ritiro dedicandosi a pie opere, lui che può.
    p.s. è bella la mostra di Eve Arnold? Stavo pensando di farci una visita.
    Ciao. Sheltering

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!
      Non avevo visto "en solitaire", e non ho ancora visto la mostra di Eve Arnold, visto che dura fino alla fine di aprile pensavo di visitarla più avanti, quando le giornate inizieranno a farsi più calde...

      Elimina
    2. En solitaire (che non ho visto, proseguono i miei pregiudizi gratuiti...) somiglia solo in parte, in All is lost non ci sono clandestini e altre buonità (buonezze?) di contorno. ci sono solo un uomo e il mare, e a me piacque (l'avevo detto?). la mostra di Eve Arnold è tanto bella, andateci!!!

      Elimina
    3. Ma il clandestino è un ne(g)ro che poi gli fa da badante?
      Vado?
      Vado.

      Elimina
    4. sì, ma in ne(g)ro...

      Elimina
    5. ok, tu vieni con me! :)

      Elimina
    6. Sento che le iscrizioni al Ku Klux Klan sono ancora aperte... :-D

      Elimina
    7. L'hai sentito accarezzando lo stallone andaluso?

      Elimina
    8. Ora, lo stallone (ma che vi ha detto che è andaluso?) è magggico e vola, questo si, ma non fornisce informazioni tecniche di nessun genere! Sennò gli avrei estorto i numeri del lotto!
      No, no, ho visto il modulo sull'internet ... :-D

      Elimina
    9. come, non è andaluso? ma se lo ripetete da una settimana!

      Elimina
    10. Che lo stallone è andaluso io l'ho letto da quacchepparte quando la Tiz ci propose la visione del film, giurin giuretta!

      Elimina
    11. Boh, per me è un cavallo bianco qualsiasi, bello eh, uguale o quasi al cavallo bianco casualmente cavalcato da Colin Farrell anche in Saving Mr Banks, per dire... :-)))

      Elimina