20 febbraio 2014

2 giorni a New York

Avevo visto 2 giorni a Parigi e ricordo che mi era piaciuto.
Era il 2007 e all'epoca Marion e Jack avevano fatto tappa a Parigi prima di rientrare a New York, fermandosi in visita dai genitori di lei (i veri genitori della Delpy)
Barriere linguistiche (Jack non parla francese, i genitori di Marion non parlano inglese), Marion che incontra i suoi innumerervoli ex, qualche inevitabile scazzo, incomprensioni, gelosie, ecc.ecc. ma tutto è bene quel che finisce bene e i due tornano a New York e vissero tutti felici e contenti.
Fine.
Sono passati 5 anni (il film è del 2012) e Marion e Jack vivono ancora felici e contenti. Ma ognuno per conto suo. Però nel frattempo hanno fatto un figlio, e Marion vive con Mingus. Jack viene soltanto nominato, ma non compare mai. 
In occasione dell'inaugurazione di una sua mostra, in cui Marion, oltre alle sue foto decide di mettere in vendita la sua anima, il padre vedovo e la sorella Rose decidono di arrivare a New York per il week end.
Con loro c'è Manu, un insopportabile idiota fatto a forma di fidanzato di Rose, che, va detto, è simpatica come una colonscopia al buio. 
Fra dialoghi surreali fra Mingus e il padre di Marion (uno non parla francese, l'altro non parla inglese), equivoci, litigi fra le due sorelle, qualche inevitabile scazzo, incomprensioni, un finto tumore al cervello, l'inaugurazione della mostra dove Marion non venderà una foto, ma un acquirente anonimo ha comprato la sua anima, il week end sembra non finire mai e le cose fra Marion e Mingus sembrano precipitare.
Convinta che sia tutto dovuto alla vendita dell'anima riuscirà a scoprire chi è l'acquirente anonimo (Vincent Gallo in persona!) e farà di tutto per riappropriarsene, ma inutilmente.
Ma, siccome tutto è bene quel che finisce bene, Marion e Mingus faranno pace, e vissero tutti felici e contenti. 
Fra cinque anni probabilmente Marion scoprirà che cosa vuole di più dalla vita (un lucano) e girerà 2 giorni a Matera. 


27 commenti:

  1. Da vedere (magari, se esce in qualche cinema vicino....), solo per il grande Vincent Gallo, chè è sempre lui, non cambia mai, troppo grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cameo di Vincent Gallo è fantastico!

      Elimina
  2. quindi dici che non è una stronzata? (che poi io adddoro quella donna lì, quindi lo vedrò comunque)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah, oddio... io non l'ho detto... non è un capolavoro, ma alcune cose sono comunque carine. Da vedere rigorosamente in lingua originale, perché una volta che è doppiato fai fatica a capire come mai Chris Rock e il suocero non si capiscano mentre parlano...

      Elimina
  3. Il primo l'avevo volutamente evitato causa doppiaggio, fin dai trailer si capiva che era impossibile rendere i battibecchi in maniera sensata senza travisare tutto, e il secondo idem con patate... Poi non molto tempo fa su un dvd ho visto il trailer del primo in originale, e avevo capito fosse, quantomeno, interessante, ma siccome non c'era Colin Farrell su uno stallone andaluso, ho passato.. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qua era previsto, ma poi Vincent Gallo ha voluto comprare, oltre all'anima della Delpy, anche il cavallo.

      Elimina
    2. All'anima dell'avidità, mi vien da dire! :-))

      Elimina
    3. e de li mortacci dello stallone, pure! :)

      Elimina
    4. sì ma la recensione del cavallo la pubblichiamo o no?

      Elimina
    5. Guarda, l'avevo programmata per lunedì, ma a questo punto faccio un cambio e la pubblico domani, contento? :)

      Elimina
    6. Signur, troppe aspettative, farò flop come Sanremo! :-))

      Elimina
    7. ma no, dai, ti consideriamo come una "nuova proposta", non sei contenta?

      Comunque ieri sera quando sono tornata a casa sono pure riuscita a vedere Rufus.
      Immagino che le Kessler le avessero già riposte da un paio d'ore nel loro composto di formaldeide. Cioè, ma basta. Stasera chi riesumano?
      Mi è sembrato anche di vedere Fazio in vestaglia, possibile?

      Elimina
    8. Anch'io ho visto Rufus! Tenero ed emozionato, mi è molto piaciuto.
      Fazio in vestaglia l'ho perso, sembra una citazione di Paolo Poli, quando al terzo/quarto richiamo di applausi usciva in accappatoio! :-)
      Vada per la nuova proposta in Tiziana-abito!

      Elimina
    9. pare sia possibile. io sono tornato a casa e ho beccato Sarcina e un altro che non so chi sia, capisci che ho spento il tempo di due canzoni e un amen. preferivo le Kessler. o la Valeri. grandissime sempre e comunque

      Elimina
    10. Tiz, consiglio la collana-gruccia di Noemi che fa la sua porca figura

      Elimina
    11. ma la collana-gruccia (ignoro di cosa tu stia parlando, sappilo) è per distrarre laggente dalla sua acconciatura? e mi scuso con le acconciature, sia chiaro.

      Elimina
    12. Ma la collana-gruccia sul Tiziana-abito? Gasp!

      Elimina
    13. @poison: parlo di cose che non so, naturalmente. seguo il trend della rrrete! e ricordati che noi siamo la ggente e il potere ci temono, oh!

      Elimina
    14. @Dantès: ho dimenticato le battute: è adesso che devo dire "esci da questo blog!"????

      Elimina
    15. ecco, cacciami! il solito complotto plutogiudaicomassonico! non sei tu che mi cacci, sono io che vado via, tsk

      Elimina
    16. eh, va bene pluto, ma pippo? e topolino? dai, stai qua con le proto-grucce!

      Elimina
    17. vabbuò, io resto però la palla è mia

      Elimina
    18. ma tutte e due, ci mancherebbe! :)

      Elimina
  4. Ma la Delpy un film senza seguito no?

    RispondiElimina
  5. Le giornate parigine mi erano piaciute assai. Visto che i cinema della zona non si sono degnate neanche per sbaglio di programmarlo, meglio per me che lo vedrò -chissà quando- in originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in originale assolutamente Lisa, doppiato non ha nessuna ragione di esistere!

      Elimina