27 gennaio 2014

The wolf of Wall Street

“Let me tell you something.
There’s no nobility in poverty. 
I’ve been a poor man, and I’ve been a rich man. 
And I choose rich every fucking time”




Il sogno di Jordan Belfort di diventare broker si realizza nel giorno peggiore possibile: il 19 ottobre 1987, il famoso "lunedì nero" che provocò il crollo delle borse di tutto il mondo, con conseguente chiusura della L.F. Rotschild, l'agenzia in cui aveva iniziato a fare tirocinio pochi mesi prima, dopo essere stato "istruito" dal suo mentore Mark Hanna (Matthew McConaughey, fantastico. Lo si vede per appena 10 minuti, ma il suo personaggio ci regala una delle lezioni di economia e finanza applicate al brokeraggio migliori di tutti i tempi: 
"Sposta i soldi dalle tasche dei tuoi clienti alle tue tasche"
"Giusto, ma se fai fare soldi ai clienti allo stesso tempo, non è vantaggioso per tutti?"
"NO. Regola n. 1 a Wall Street: nessuno sa se un azione sale, scende o si muove in fottuti cerchi. E' tutto un fugazi. Sai cos'è un fugazi?"
"E' un falso."
"Fugazi, fugace, it's a wazy, it's a woozy, è la polverina delle fate, non esiste, non è mai atterrata, non fa niente, non è nella tavola periodica degli elementi. Non è reale!")
Rimasto senza lavoro, il giovane e ambizioso Jordan non si perde d'animo, e, controllando gli annunci di lavoro, trova un impiego in un'agenzia di periferia, i cui impiegati vendono azioni penny stock con commissioni del 50%.
Ma il confine tra ambizione e avidità è sottile, e Jordan ci mette un attimo ad oltrepassarlo.
Quando conosce Donnie Asoff lo prenderà come socio, creando una piccola società, la Stratton Oakmon, che inizierà ad operare in un'officina dismessa, per poi espandersi sempre di più, e sempre più velocemente, facendo soldi sulla pelle di ingenui risparmiatori, perché tutti vogliono diventare ricchi, e vogliono diventarlo in fretta. 
Non c'è un briciolo di moralità in Belfort e nei suoi soci, non ci sono limiti, non ci sono regole. 
E Scorsese è bravissimo a mostrarci questo caleidoscopio di depravazione, in una totale assenza di politically correct, dai party in ufficio con tanto di lancio del nano, prostitute classificate come pink sheets, nasdaq, o blue chips, a seconda delle tariffe. 
E l'ascesa di Belfort, fra party, prostitute, acquisti di lusso, yacht, macchine, consumo di ogni tipo di droga possibile ed immaginabile, sembra inarrestabile, e lui totalmente fuori controllo. Ma il successo del "lupo" di Wall Street, come verrà definito in un articolo apparso sul New York Times, mette in allerta SEC ed FBI, che cercheranno in ogni modo le prove per incriminarlo e arrestarlo. 
Scorsese non si ferma di fronte a nulla, e in tre ore di film che scorrono fluide, tutto funziona perfettamente, in un'orgia di situazioni eccessive e paradossali, regalando momenti in cui trattenere le risate è praticamente impossibile, dalla scena in cui Belfort ed Asoff assumono il Lemon 714, un tipo di Quaalude praticamente introvabile, che, essendo scaduto nel 1981, farà effetto a scoppio ritardato, al dialogo con la zia Emma sulla panchina del parco, al momento "Titanic" in cui lo yacht di Belfort affonda nel mediterraneo e i naufraghi verranno salvati dalla nave San Giorgio (fatto vero) e parte Gloria di Umberto Tozzi. (ma, che, davero?).
Gloria a parte la colonna sonora è semplicemente fantastica, e il film, che io vi consiglio vivamente, se potete, di vedere in lingua originale, è cinema con la C maiuscola. E' una perfetta rappresentazione dell'effimero, del lusso, dell'ostentazione, della mancanza di scrupoli, è la rappresentazione perfetta di una dipendenza. Non è la droga, non è il sesso, sono i soldi. 
Magari non sarà un capolavoro, ma... The Wolf of Wall Street it's a great fucking movie! 

45 commenti:

  1. ..e chi se lo perde cosparso di "polverina delle fate"!! (.. ah dici che un'altra polverina quella?!?...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "cosparso" è quasi riduttivo... :)

      Elimina
  2. hype a mille milioni!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hype ben riposto, non ti deluderà!

      Elimina
  3. Stupendo. Uno dei migliori film di Scorsese degli ultimi dieci anni. DiCaprio favoloso e folle. Sceneggiatura da Oscar.
    Mi sono divertito come un bambino ("26000 $ di contorni? Quali contorni? Curano il cancro?") e credo che la reazione alla bellissima "Gloria" di Tozzi sia stato unanime :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero grande cinema, sono d'accordo! :)

      Elimina
  4. già sai. il Quaalude a scoppio ritardato mi ha fatto ridere con le lacrime

    RispondiElimina
  5. Un giro in ottovolante lungo tre ore. Una follia che solo Scorsese e Di Caprio (Oscar subito!!!!) potevano fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre ore che non pesano minimamente, fra l'altro.
      Anche se resto dell'idea che, nonostante Di Caprio sia semplicemente grandioso, l'oscar stia meglio addosso a Matthew McConaughey per la sua interpretazione in Dallas Buyers Club.

      Elimina
    2. Mac è bravo assai, ma questa volta io lo darei a Leo (ma non vincerà, i signori dell'Academy non sono così trasgressivi...)

      Elimina
  6. Ah, che bel film! Visto 2 volte in 2 giorni, è fastidioso, eccessivo, paradossale, divertentissimo, immorale!
    Di Caprio mostruosamente bravo, così come Matthew Mc C.... Do you jerk off? :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volevo già chiedertelo quando mi hai mandato l'sms: perchè "fastidioso" ? :)

      Elimina
    2. La voce fuori campo che narra la storia io comunque la patisco, poi in casi come questo ci passo sopra, infatti già alla seconda visione mi ha infastidito molto molto meno! :-)))

      Elimina
    3. Ah, già, dimenticavo! :)

      Elimina
  7. Quanto cazzo mi sono divertite. Non è un film , è un'orgia a 100 all'ora in autostrada, di farsesco e geniale insieme.
    Solita interpretazione monstre di Di Capio sotto Scorsese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orgia rende fottutamente bene l'idea! :)

      Elimina
  8. Come detto già su Pensieri Cannibali, un film che ho visto sabato ed ho già voglia di rivederlo, non capita spesso :D la prox volta seguo il tuo consiglio e lo vedo in lingua originale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto sabato pure io.
      La Tiz, che era con me, è tornata a vederlo nonostante l'avesse visto la sera prima, vedi tu...

      E comunque sì, non voglio fare la (fottutissima) snob, ma in lingua originale secondo me è (fottutamente) meglio! :)

      Elimina
  9. Epppoi, aunt Emma è nientepopodimeno che una delle mie personalissime icone giovanili, Joanna Lumley de Gli infallibili 3, la trovavo bellissima e tostissima, un vero mito! :-D
    E nel film è sempre figa come 40 anni fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, adesso, esageruma nen... però era anche una delle mie icone di millemila anni luce fa

      Elimina
    2. ah ah ah ah! anche a me sembrava un'affermazione un po' eccessiva.
      Per carità, donna affascinante, eh? ma definirla "figa come 40 anni fa" sembra un complimento al contrario quasi... :P

      Elimina
    3. Ma no, non è figa perché è rimasta uguale a 40 anni fa, ma per essere nata il 1° maggio del '46 è figa molto assai!! :-D

      Elimina
  10. Fascino sensoriale27/01/14, 15:48

    Sono un po' combattuto. Ce l'ho in lingua però il video è un po' sgranato e potrebbe darmi fastidio...al cinema lo danno solo doppiato...mumble mumble mumble-core....eureka! Potrei guardarlo in lingua prima a casa e poi doppiato al cinema, così prima soddisfo l'udito e poi la vista...mi sa che son da ricovero :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'hai detto tu, eh? :)

      Elimina
    2. E tu non hai fatto nulla per impedirlo :-D

      Elimina
    3. Sai che i miei ospiti possono dire sempre tutto quello che vogliono!!! :)

      Elimina
  11. magari non sarà un capolavoro...
    ma magari anche sì, direi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che gli va davvero tanto vicino! ;)

      Elimina
  12. Ahò ne parlate tutti quanti e io ancora non l'ho visto!? Questa cosa non va bene. Devo rimediare.

    RispondiElimina
  13. No, non è un capolavoro. Scorsese ha fatto di meglio.
    Ma di film come questo vorrei vederne uno a settimana. Un film sulla cupidigia, l'avidità e la grettezza della gente. Peccato che il registro sempre costantemente sopra le righe alla fine finisca per generare un po' di assuefazione, tale da farci dimeticare quello che stiamo vedendo.
    Ma Scorsese è sempre Scorsese. E Di Caprio è sempre Di Caprio.
    Due ottimi motivi per vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non è il miglior Scorsese di sempre poco ci manca. Un filmone come non ne vedevo da un pezzo.

      Elimina
  14. Per me è già cult!
    Pur di vederlo in sala l'ho visto doppiato (assolutamente bene, per fortuna), ma di sicuro me lo vedo in originale appena reperibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho avuto la fortuna di vederlo in v.o. in sala, il "mio" cinema cittadino mi dà sempre tante soddisfazioni...
      (p.s.: è già "reperibile", comunque) ;)

      Elimina
  15. Sto Invecchiando? Forse si. Adoro Scorsese ma questo suo Lupo non mi è piaciuto. Non mi sono annoiato ma l'ho trovato troppo ridondante nella parte degli sballamenti. Anche Di Caprio ha fatto di meglio, su The Departed era da Oscar qui è bravo ma non al suo massimo. Concordo su McConaughey (che aspetto di vedere su Dallas Buyer Club). Per me il film arriva alla sufficenza e basta. Sono CATTIVISSIMO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa volta non siamo d'accordo. Grande Cinema.
      Poi è vero che il film è eccessivo, smargiasso, allucinato e allucinante, ma secondo me funziona alla grande. E Di Caprio è immenso.
      Poi, come sai, sono la prima a dire che i gusti non si discutono, quindi va benissimo anche la tua sufficienza, ci mancherebbe! :)

      Elimina
  16. Capolavoro no, ma come dici tu questo è grande cinema e un film come questo ci mancava... e ci mancava il buon vecchio Scorsese.

    RispondiElimina
  17. BB: cazzarola! ho appena fatto un test telefonico di inglese per determinare il mio livello e il teacher mi ha chiesto cosa ho fatto nel weekend. gli ho risposto che ho visto the wolf of wall street, ma mi sono dimenticata di dirgli che l'ho visto in lingua originale. chissà quanti punti avrei guadagnato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma se hai infilato dei "fucking" qua e là nel discorso magari l'ha capito da solo!

      Elimina
  18. Me lo sto ripetendo come un mantra da stamattina: stasera, stasera, stasera, FUCK, stasera.... non posso più aspettaree!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, bene, ormai ci sei! Stasera arriva in un fottutissimo attimo! :)

      Elimina
  19. Mi è davvero piaciuto un botto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un film che sta mettendo d'accordo tutti! :)

      Elimina