18 novembre 2013

Venere in pelliccia

"E l’Onnipotente lo colpì, 
e lo consegnò nelle mani di una donna"


Roman Polanski rivisita il romanzo di Leopold von Sacher-Masoch, dando vita, con due soli attori in scena per tutta la durata del film, a un gioco al massacro dove non mancano ironia pungente, battute dissacranti, pulsioni sessuali e desiderio amoroso (o perverso).
Emmanuelle Seigner è (oltre che bellissima) bravissima a interpretare Vanda, la Venere in pelliccia che si presenta all'audizione per ottenere il ruolo di... Vanda, con cui, per una bizzarra coincidenza, condivide il nome, terribilmente in ritardo, mentre Thomas (il sempre notevole Mathieu Amalric), il regista, si sta lamentando al telefono per la difficoltà a trovare l'interprete giusta ("Metà sono vestite da puttane, l’altra metà da lesbiche"), e sta per abbandonare il teatro. 
L'uomo non ha nessuna intenzione di farle fare il provino in quel momento, ma Vanda - in un mix irresistibile di volgarità e avvenenza - riuscirà a convincerlo a provare "una sola pagina", convincendo il regista ad interpretare il ruolo di Severin.
Durante il provino la donna dimostrerà di conoscere il testo alla perfezione, affascinando Thomas, che ne rimarrà ben presto soggiogato. 
In un'alternanza ininterrotta di finzione e realtà, dove il teatro si mescola alla vita reale, battute ripetute e schermaglie improvvisate, i ruoli si invertono in continuazione, tra dominazione e sottomissione, ma chi domina chi? e chi è sottomesso? 
La Seigner (ho già detto che è bellissima e bravissima e che io le darei l'oscar?) in un'intervista, alla domanda "Perché Vanda le è piaciuta tanto?" ha risposto "Perché è una vera zoccola. E' volgare e bugiarda, pronta a tutto per ottenere ciò che vuole. Ma è stato piacevole infilarsi nella pelle di questa donna, capace di soggiogare e sedurre un uomo che la detesta. Passo dopo passo, mentre l'eros sale, fino a raggiungere punte di perversione, lei lo attira sempre più nella sua rete, lo invischia fino all'ossessione". 
Vanda è un personaggio fantastico, seducente e seduttivo, che trasuda eros (e thanatos), passione, ingenuità e perversione e che la Seigner incarna alla perfezione.
Per caso vi ho già detto che è bellissima?
Il film (ok, io sono un po' malata, ma vi assicuro che regala alcune scene da brivido)  a me e alla bionda è piaciuto parecchio, e all'uscita, confrontandoci col bigliettaio del cinema Romano, che ci dà sempre un sacco di dritte, abbiamo scoperto che eravamo tutti d'accordo: Polanski è tornato.
E se mi gira, magari torno anch'io a vederlo, questa volta in francese. 


















32 commenti:

  1. Polanski lo adoro, e questo è uno dei titoli che spero di vedere il più presto possibile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arwen, secondo me non delude. :)

      Elimina
  2. Come già ribadito altrove, m'è bastato Carnage.. ma che di questa ultima impellicciata non rimanga che sottolineare "battute" come "metà sono vestite da puttane e l'altra metà da lesbiche" lascia perlomeno perplessi.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me questo è decisamente meglio di Carnage.
      Poi, chi sono io per farti cambiare idea? :)

      Elimina
  3. non so se è il mio genere visto che Carnage mi ha lasciato piuttosto interdetto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non era dispiaciuto all'epoca in cui lo vidi al cinema. Rivedendolo un po' di tempo fa in TV mi aveva entusiasmato molto meno... Ma questo secondo me merita.

      Elimina
  4. avendo cosi' amato Carnage prima o poi bisognera' vederlo !

    RispondiElimina
  5. bello bello bello! Anche se ammetto che, i primi 5 minuti, ho avuto il terrore: "oh cazzo, questo è come Carnage, adesso mi addormento". E invece è stupendo... Mi stavo chiedendo però: perchè ero la più giovane in sala???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piaciuto tanto anche a me.
      Non so dirti perché eri la più giovane, a me ormai non capita praticamente più! :)

      Elimina
    2. eri la più gggiovane perché è un film che solletica la pruderie della madaminchie. il Romano era esaurito domenica alle sei!!!

      Elimina
    3. Il Romano è il regno delle madaminchie, oltretutto! :)

      Elimina
  6. a me carnage non aveva convinto per nulla, ma Polanski è sempre Polanski, quindi andrò a vederlo.
    male che vada uscirò dal cinema borbottando :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me non dovrebbe succederti, fammi poi sapere! :)

      Elimina
  7. Come scrivevo anche da Dantès, a questo punto l'hype per un Polanski come piace a me comincia a salire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. attendo la tua opinione, a questo punto! :)

      Elimina
  8. Quindi devo vederlo? Quindi non delude rispetto al libro? Mi dici, così, quindi? :)
    Oh, io ti credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una trasposizione fedele del libro, ma - secondo me - non delude.
      Mal che vada, potrai frustarmi. :)

      Elimina
    2. Oppure se e quando verrò a Torino per tatuarmi mi troverai a casa tua :)

      Elimina
    3. Mi preoccupa molto meno di te che mi frusti! :)
      (anzi, già sai che sei sempre la benvenuta!)

      Elimina
  9. Emmanuelle Seigner è bravissima, ma Mathieu Amalric non è da meno:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che la bravura di Amalric (a differenza del suo cognome, che proprio fatico a scrivere giusto) la do per scontata, ma qua lei è semplicemente perfetta! ;)

      Elimina
  10. E dalle mie parti manco per il belino che è uscito!! E ancora non si trova! E le stagioni non sono più quelle di una volta! Ehuff.... ç_____ç
    Odio funesto verso la distribuzione italiana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, niente? Che peccato Babo! Spero che prima o poi spunti!

      Elimina
  11. Spero di vederlo presto, mi hai stuzzicato ma gia mi stuzzicava da se...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh eh... bene, bene... fammi poi sapere!

      Elimina
  12. domani sera punto tutto su questo...
    il cinema francese a tratti mi terrorizza perché i suoi tempi esageratamente lunghi non fanno per una sconclusionata come me, ma Polansky a me piace nei dialoghi, e questo ne promette di molto belli davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che non rimarrai delusa, torna a dirmi come ti è sembrato, ok? :)

      Elimina
  13. BELLO! E sa il cielo che i film francesi li patisco, in francese poi, temevo, ma lei è fighissima bellissima e bravissima (che si sia già detto?) si capisce anche abbastanza (l'ex ha pistinamente contestato alcune traduzioni, ma, si sa, tradurre è tradire). Poi Polanski mica è francese, è polacco! Bravo anche l'attore, che è Polanski da ggiovane sputato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la somiglianza tra Amalric e Polanski ggiovane effettivamente è notevole. Lei fighissima bellissima e bravissima? Trovi? ah ah ah ah. Semplicemente fantastica.
      Il tuo ex pistino? Trovi? ah ah ah ah

      Elimina
    2. Guarda, poi, in confronto a noi, che non siamo pistine per nulla.... :-D

      Elimina