27 novembre 2013

31° TFF _ day 4

T H E   H U S B A N D   (Canada 2013)








Henry lavora e bada al piccolo Charlie, suo figlio. Alyssa, la sua compagna, è in carcere, arrestata per aver fatto sesso con un suo alunno minorenne. 
Mancano un paio di settimane alla sua scarcerazione ed Henry, sempre più tormentato dalla gelosia e da un senso di umiliazione che non riesce a placare, decide che vuole incontrare il ragazzo e, dopo essersi licenziato, inizierà a pedinare il giovane, che considera suo rivale, sempre più arrabbiato e incapace di affrontare la situazione. 
Una commedia amarognola che mischia rabbia e perdono.

A L C E S T E   A   B I C Y C L E T T E   (Francia 2013)








Serge è un affermato attore che da un po' di anni si è ritirato dalle scene, andando a vivere all'ile de Rè. Viene raggiunto da Gauthier, suo amico, attore nonché  star di una serie TV, che gli propone di tornare a recitare Il Misantropo. 
Serge è titubante, ma acconsente a provare la parte. 
E, mentre provano, scambiandosi le parti, fra i due si innesca una specie di battaglia verbale, e il testo di Molière diventa un canovaccio perfetto per dare sfogo alle loro insicurezze, dando loro l'occasione per uno scambio di accuse reciproche, che si accentueranno dopo aver conosciuto Francesca, arrivando a compromettere la loro amicizia. 
Allegramente cinico, con un ottimo cast composto da Fabrice Luchini, Lambert Wilson e Maya Sansa.

S W E E T W A T E R   (USA 2013)


Potevo forse lasciarmi sfuggire un revenge pulp western con Ed Harris? Ovvio che no. 
Strizzando l'occhio a Tarantino il regista realizza un film sanguinario e divertente che sicuramente non aggiunge nulla al genere, ma lo fa con scanzonata leggerezza, e il risultato è - per quanto mi riguarda - più che soddisfacente. 
Un'ex prostituta, Sarah, che ha sposato un uomo onesto, un sedicente uomo di legge che si fa chiamare "profeta" dai suoi fedeli, una setta di fanatici disposti a credergli e uno sceriffo sui generis arrivato in città per indagare sulla misteriosa scomparsa di due fratelli diretti a Santa Fe, di cui si è persa ogni traccia mentre attraversavano le terre del profeta, oltre alla altrettanto inspiegabile scomparsa del marito di Sarah, scatenerà l'implacabile vendetta della donna. 
Nel cast, oltre al già citato e sempre mitico Ed Harris nella parte dello sceriffo Cornelius Jackson, troviamo la splendida January Jones nella parte di Sarah.

F R A N C E S   H A   (USA 2012)




Un elegante film in bianco e nero ambientato a New York, reso piacevole, grazie anche alla simpatia della protagonista, (Greta Gerwig), la Frances del titolo, che arrivata quasi alla soglia dei 30 anni, non ha ancora trovato una sua precisa collocazione nel mondo. Ballerina precaria in una compagnia, viene esclusa dal balletto di natale, rompe con il fidanzato per non lasciare sola Sophie, proprio nel momento in cui questa decide di trasferirsi a Tribeca con un'altra ragazza, e successivamente va a vivere con il fidanzato in Giappone. Frances si sente tradita e dovrà iniziare a badare a se stessa, dapprima affittando una stanza nell'alloggio di Lev e Benji, due figli di papà pseudo-artisti che non hanno mai problemi a trovare i soldi per l'affitto, a differenza della ragazza, che si adatta a fare i lavori più umili e non riesce a sbloccare alcuna situazione, né lavorativa, né sentimentale, essendo, come le ripete sempre Benji, undateable.
Bello.

T H E   S T A G   (Irlanda 2013)
Divertente commedia irlandese - che dovrebbe arrivare in sala anche da noi, prima o poi - che si sviluppa nell'arco di un week end, quello dell'addio al celibato di Fionan, organizzato dietro insistenza di Ruth, la sua futura moglie. I cinque amici decidono di partire per un week end in montagna a contatto con la natura, e fin qua non ci sarebbe nessun problema, fino al momento in cui Ruth chiede che, all'addio al celibato partecipi anche suo fratello, detto The Machine, individuo spregevole e volgare detestato cordialmente da tutto il resto del gruppo. 
I tentativi di depistaggio ovviamente falliranno e il branco eterogeneo si ritroverà a passare due giorni in cui, superate le ostilità iniziali il gruppo si metterà a nudo - non solo in senso metaforico - scoprendo che lo spregevole fratello non è poi così pessimo come credevano.
Finale forse un po' telefonato e un tantino melenso, ma, nel complesso, ci può stare.

9 commenti:

  1. Frances Ha a me è piaciuto moltissimo. Baumbach non sbaglia mai. Molto nouvelle vague, senza la spocchia da nouvelle vague.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, niente spocchia (fortunatamente). Piaciuto molto anche a me, poi "modern love" nella colonna sonora è un valore aggiunto! ;)

      Elimina
  2. Oh, allora, ecco i miei preziosi (pfui!) commenti:
    The husband: nulla, non l'ho visto. :-(
    Alceste à byciclette, concordo, solo un po' ripetitivo nelle scene delle prove de Il misantropo, ma Lambert Wilson è moooolto figo, la Maya Sansa pure, ed è brava, e il film è molto accattivante, perderà un po' nel doppiaggio.
    Sweetwater è esattamente come l'ha descritto la Poison, con quei bei personaggi tagliati con l'accetta, la polvere, la vendetta. La nostra eroina spara un sacco, e ha straragione.
    Frances Ha: la storia di una precaria a New York trattato con arguta concretezza, non facendo lei neanche così tanto simpatica, poco ruffiano.
    The stag: il principe dei film piacioni, ruffiani e autocompiaciuti, ma i film brutti sono diversi, si ride senza sensi di colpa e alcune cose sono particolarmente divertenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Alceste à bicyclette col doppiaggio diventerà un'altra cosa. Quando parlano in italiano li doppieranno in spagnolo come fecero con Kevin Kline ai tempi di "un pesce di nome Wanda"?

      Elimina
    2. Solo se aggiungono una scena in cui qualcuno si annusa l'ascella! :-D

      Elimina
  3. Mi pare una giornata interessante, io intanto segno :-)

    RispondiElimina
  4. frances ha solo bello?
    per me è già supercult!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che il mio "bello" equivale al tuo "supercult"... :)

      Elimina