3 ottobre 2013

The Frozen Ground (Il cacciatore di donne)

Perchè lo fai? Cantava Masini una ventina d'anni fa.
Capisco che iniziare un post citando Marco Masini non è bello per niente, e vi chiedo scusa.
Però la domanda sorge spontanea, visto che, ancora una volta, ho visto un film con Nicolas Cage. 
E senza che nessuno mi costringesse a farlo.
Perché? 
Appunto.
Vediamo di scoprirlo.
Intanto perché è basato su una storia vera. 
La storia di Robert Christian Hansen, serial killer che tra il 1971 ed il 1983, anno della sua cattura, uccise ed occultò i cadaveri di almeno 20 donne, anche se si sospetta che possano essere molte di più.
Hansen venne condannato a 461 anni di detenzione, pena che sta ancora scontando nel carcere di Seward, in Alaska.
Il film inizia col ritrovamento di Cindy Paulson, prostituta diciassettenne visibilmente sotto choc, dopo essere riuscita a fuggire dal rifugio in cui Hansen, dopo averla rapita e stuprata, la teneva imprigionata. 
La polizia indaga, convinta che ci sia un collegamento fra quel rapimento e il ritrovamento dei cadaveri di tre donne, ma non ha alcuna prova a carico dell'uomo. 
Il sergente Jack Halcombe (nella realtà Glenn Flöthe) decide di andare a fondo, riaprendo tutti i casi di donne misteriosamente scomparse, tentando di incriminare Hansen basandosi sulla testimonianza di Cindy.
Non sarà un'impresa facile, in quanto Hansen è considerato uno stimato ed irreprensibile membro della comunità, sposato e padre di famiglia.
Scott Walker, misconosciuto regista neozelandese, dirige il film con un taglio quasi documentaristico, senza indugiare sull'orrore a cui le vittime di Hansen venivano sottoposte: dopo la violenza sessuale l'uomo, abile cacciatore, le liberava nei boschi e, armato di fucile, le trasformava in prede, dando loro la caccia. 
(Infatti avete notato che per una volta non mi sono accanita contro la traduzione italiana del titolo?) 
Buona prova degli attori, che comprende, oltre a Nicolas Cage nella parte del sergente Halcombe, John Cusack nel ruolo del serial killer, Vanessa Hudgens - intensa e brava, oltre che bella - in quello di Cindy Paulson e, siccome fra i produttori del film c'è anche Curtis 50Cent Jackson, lo stesso si è ritagliato una parte, quella del pappone di Cindy, sfoggiando un'acconciatura che è probabilmente sicuramente la cosa più raccapricciante di tutto il film.
Che, diciamocelo, funziona grazie al cast, ma avrebbe potuto essere molto più interessante, e invece scorre un po' piatto, come ovattato da tutta la neve di Anchorage. 



22 commenti:

  1. piatto come l'espressione drammatica di Cage?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poison non riesco a inquadrare il tuo giudizio, nella rece dici "buona la prova degli attori" poi dici che Cage è piatto???

      Dantes, Cage è un gran bravo attore, ok negli ultimi anni gigioneggia alla grande, ma sembra che la gente si dimentici di performance straordinarie come il genio della truffa, via da las vegas o cuore selvaggio.
      Proprio certe cose e certi accanimenti proprio non li capisco... ce li meritiamo proprio i vari Pattinson, Lautner e compagnia brutta, quelli si che sono piatti anzi son proprio CANI

      Elimina
    2. Myers, no, Cage se la cava degnamente, come tutti. È il film che secondo me è un po' piatto nel complesso, credo che in mano ad un regista più esperto avrebbe potuto essere un gran bel film, perché di elementi ce n'erano a sufficienza. Invece - a mio parere - manca di tensione, che personalmente reputo abbastanza fondamentale quando si parla di serial killer.

      PS: chi è Lautner? :)

      Elimina
    3. ah ok avevo capito male sorry ;) cmq su Cage se non li hai visti te li consiglio i film che ho citato (su tutti genio della truffa e via da las vegas, ottimi film e ottimo lui) sul film in questione non so, vado a vederlo domani sera poi posterò la mia rece ;-)

      Lautner è quell'altro mongoloide di twilight, il morettino che sembra un mezzo indiano mulatto, forse lui è ancora più cane di pattinson

      Elimina
    4. Nessun problema, ci mancherebbe! :)
      Guarda, a me personalmente Cage non ha mai fatto impazzire, ma, nonostante questo, per qualche inspiegabile motivo, ho visto praticamente (tranne i ghost rider) tutti i suoi film, E devo ammettere che certi mi sono anche piaciuti! :)

      Verrò a leggere la tua recensione, allora!

      Elimina
    5. myers, nessun accanimento, la mia era una battuta. pensa che a me era piaciuto in un film di cui in gran parte si disse peste e corna come World Trade Center. il problema di Cage è che deve farsi perdonare troppe robe brutte, in primis Ghost rider. ne Il genio della truffa e, soprattutto, in Cuore selvaggio c'erano dietro un bel film di un ottimo regista. e questo fa tanto...

      Elimina
  2. Siccome Gravity è uscito in 2D solo in 1 sala, neanche comoda, e invece questo è uscito vicino a casina gli darò una possibilità, solo per John Cusack, che io trovo taaaanto carino... quindi leggerò in futuro il post. :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, perché Gravity è addirittura in 3D? Che noia.
      Film discreto, una visione la merita. Quando l'avrai visto torna! :)

      Elimina
    2. Tornerò in ginocchio da te?? :-)) Ora vado a leggermi The Call, che ho trovato molto carino (anche la pettinatura della Berry non è poi male!!).

      Elimina
    3. No, in ginocchio no, che c'hai un'età... È un attimo rimanere incriccata!
      C'è da dire che Halle Berry è talmente figa che secondo me potrebbe stare bene anche pettinata come Shirley ricciolidoro Temple! :)

      Elimina
    4. no, dai, minchia che brutta immagine

      Elimina
    5. Halle Berry con la parrucca di Shirley Temple? Effettivamente....

      Elimina
    6. Ma perché Shirley Temple portava una parrucca? Azz.... Mi crolla un mito! :-)

      Elimina
    7. Ah ah ah! Povera, no! Quella la porterebbe Halle Berry nell'eventualità decidesse di seguire il mio suggerimento! :)

      Elimina
  3. A me è piaciuto, ricordandomi Insomnia, nientemeno.
    Ottimo finale, superfiga la Hudgens.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pure a me è piaciuto, però resto dell'idea che un regista con più mestiere di Walker sarebbe stato un valore aggiunto! In certi passaggi mi è sembrato un po' affrettato...

      Elimina
  4. dantes capisco cio che intendi, e pur essendo un grande fan di nic, concordo nel dire che negli ultimi anni ha fatto robacce (però a me drive angry piace da impazzire) e sul fatto che in diversi film belli c erano dietro bravi registi, ok è indubbia la cosa, ma se lui era senza talento anche con un regista bravo facevaa un disastro, cosa che non è accaduta e che invece è accadura a quel pirla di pattinson ad esempio, che anche sotto la regia di Cronenberg è riuscito a fare schifo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Myers, premettendo che Cosmopolis è uno dei film più brutti visti dalla sottoscritta negli ultimi anni (se la gioca con Spring Breakers e Copia Conforme) secondo me l'inespressività di Pattinson era perfetta per quel personaggio. (È anche l'unico film con Pattinson che ho visto, fra l'altro)

      Elimina
  5. Il mio adorato John si è abbonato ai serial killer psicopatici? Mah, potrei anche dargli una chance..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, una chance gliela puoi dare senz'altro!

      Elimina
  6. Adesso mi sa che lo andrò a vedere, mi hai incuriosito. Io i Ghost li ho visti entrambi...sarò scemo!!!

    RispondiElimina